Vignole Borbera

Vignole, autopsia e perizia per fare luce sulle cause della tragedia

Il nulla osta del magistrato per i funerali di Luca e Mattia Baroni e Maria Angela Mele arriverà solo dopo l'esame autoptico sui corpi delle tre vittime. Sarà disposta anche una perizia tecnica sulla caldaia dell'abitazione di Vignole Borbera

VIGNOLE BORBERA – Saranno celebrati ad Arquata Scrivia i funerali di Luca e Mattia Baroni e di Maria Angela Mele, le tre vittime dell’intossicazione da monossido di carbonio avvenuta lunedì a Vignole Borbera. Per la data bisognerà però attendere il nulla osta del magistrato, che arriverà solo dopo l’esame autoptico sui corpi; sarà disposta anche una perizia tecnica sulla caldaia dell’abitazione. L’inchiesta dovrà fare luce su eventuali responsabilità nell’installazione o nella manutenzione dell’apparecchiatura. Si cerca la conferma ufficiale a quanto è apparso chiaro fin dai primi minuti: l’intossicazione da monossido di carbonio.

La morte di Luca Baroni e del figlio Mattia ha sconvolto la comunità di Vignole, dove i due abitavano in una casa di località Mulino, nei pressi del campo sportivo. Mattia, vent’anni a marzo, lo sport (e il calcio in particolare) ce l’aveva nel sangue. In passato aveva anche collaborato con l’associazione che gestiva il palazzetto dello sport. «Era un bravo calciatore, sempre attento soprattutto quando si ritrovava a giocare con ragazzi più piccoli di lui – racconta Cristiano Sias, all’epoca presidente dell’associazione sportiva – Era un giovane molto sensibile, dalla grande umanità, e la sua scomparsa è stata un brutto colpo per tutti i suoi amici». Ironia della sorte, l’anno scorso il “Baru” – come era soprannominato – aveva fatto parte della rappresentativa del paese nel torneo di calcio dedicato alla memoria di Marco Balostro, il 18enne di Vignole morto a maggio del 2016 in un incidente stradale.
Da poco Mattia aveva conseguito l’abilitazione alla guida del muletto e stava cercando lavoro.

Prima operaio, più di recente autotrasportatore, il 48enne Luca Baroni e la 44enne Maria Angela Mele stavano insieme da qualche tempo: entrambi arrivavano da un precedente matrimonio e stavano iniziando una nuova vita insieme. Luca Baroni aveva da qualche tempo intrecciato una relazione con Maria Angela Mele, 44 anni, di Gavi. Da Monica Bernardi, 45enne di Borghetto, dipendente della pizzeria Pietrino, Luca aveva avuto due figli (oltre a Mattia, Jessica di 18 anni). Anche Maria Angela aveva una figlia, di 10 anni, ora affidata al papà; la donna era titolare del negozio Acconciature Glamour, in via Voltaggio a Gavi.
10/01/2018







blog comments powered by Disqus


Sant'Andrea, oltre 6 mila firme nel censimento Fai. Ma l'impegno continua

Novi Ligure | Per la chiesa di Sant'Andrea a Novi Ligure raccolte 6.500 firme. Ma l'impegno dei volontari prosegue, dice Andrea Scotto: alla Pieve, con le visite per scoprire la simbologia dell'affresco di Boxilio, e con il dvd di Enzo De Cicco e Gianluigi Bailo, in cui Laura Moro e Laura Simonassi raccontano la Collegiata

Il miele migliore? Per Aspromiele è ancora quello di Corrado e Gabriele

Novi Ligure | Medaglia d'oro al convegno annuale Aspromiele per il miele d'acacia di Corrado Cassano e Gabriele Masucco, che nel 2017 avevano vinto il primo premio assoluto. Premi anche per diversi apicoltori di Novi, Bosio, Castelletto, Fresonara, Gavi, Grondona, Molare, Pozzolo e Voltaggio

La musica "Dona un sogno" ai bambini grazie al service del Rotary Club

Novi Ligure | Tradizionale concerto di Natale alla basilica della Maddalena di Novi Ligure, organizzato dal Rotary Club Gavi Libarna. Il ricavato verrà destinato al progetto "Dona un Sogno", destinato ai bambini del nostro territorio che presentano gravi problematiche e malattie

Lions Borghetto, a quattro studenti le borse di studio in ricordo di Calcagnino

Arquata Scrivia | Quattro studenti dei plessi di Vignole Borbera, Arquata Scrivia e Rocchetta Ligure sono stati premiati con le borse di studio messe in palio dai Lions di Borghetto e dalla famiglia Grosso-Calcagnino

Terzo Valico, Toninelli annuncia: andrà avanti

Grandi opere | Il ministro per le Infrastrutture Danilo Toninelli il Terzo Valico “non può che andare avanti”. Un eventuale recesso costerebbe circa 1,2 miliardi di Euro, a fronte di 1.5 miliardi già spesi, su un costo compressivo di 6,2. “Sarebbe uno spreco di risorse pubbliche”. Ma avverte: binari devono arrivare fin dentro il porto di Genova e bisogna poi rendere pienamente operativo lo snodo retroportuale di Alessandria