Provincia

Centro documentazione Benedicta, la Provincia dā il via libera

Il consiglio provinciale approva il protocollo di intesa per il completamento e la gestione del centro di documentazione della Benedicta e trova i 250 mila euro promessi. “L'ecomostro” sarā terminato ma resta il nodo della gestione. L'ente Aree Protette (Parco) si chiama fuori

PROVINCIA – Un altro tassello è stato messo per il completamento del centro di documentazione della Benedicta, nel territorio di Bosio e del parco Capanne di Marcarolo, ma il tavolo resta zoppo. Anche la Provincia di Alessandria ha infatti approvato il protocollo di intesa per terminare i lavori a quello che venne definito un “ecomostro”. Il centro, a ridosso del sacrario dove vennero trucidati i partigiani, avrebbe dovuto diventare un centro didattico e di informazione sul periodo storico e sul territorio. Il progetto prese il via già nel 1999 ma la realizzazione della struttura, rimasta poi incompiuta, iniziò a prendere forma nel 2005. I lavori vennero poi interrotti per una controversia con la ditta esecutrice e per la necessità di rivedere il progetto. A quel punto, finirono anche i fondi.
La Regione lo scorso anno ha stanziato 500 mila euro per il completamento. La Provincia si era impegnata a metterne altri 250 mila. Ieri in consiglio provinciale, approvando il protocollo di intesa, ha messo nero su bianco il suo impegno. “Nonostante le difficoltà di bilancio – ha detto il presidente Gianfranco Baldi – onoriamo l'impegno. Abbiamo faticosamente trovato i fondi. E' un luogo di memoria storica importante, la struttura va completata e resa fruibile. Il compito della Provincia sarà quello di supervisionare gli appalti”. Resta il nodo, non secondario, della gestione. “In un secondo tempo si deciderà come gestirla – anticipa Baldi – e sono dell'avviso che debba spettare agli enti territoriali”.
Gli enti, però, nicchiano per timore di doversi sobbarcare, in futuro, l'intero onere della gestione. Senza garanzie sui fondi per la gestione, l'ente Aree Protette (ex Ente Parco) ha già fatto sapere di non volere firmare la convenzione. Anche l'Unione dei Comuni sembra orientata per un “no”, in assenza di un impegno da parte di Regione e Provincia. Se il protocollo non sarà siglato da tutti i soggetti, non è dato sapere cosa accadrà una volta terminato in centro, dal punto di vista strutturale.
14/03/2018







blog comments powered by Disqus


Si č spento Salvatore Acri, custode della storia novese

Novi Ligure | Salvatore Acri, 80 anni, poteva vantare una collezione composta da oltre 150 mila cartoline storiche, molte delle quali relative al territorio di Novi Ligure, che generosamente metteva a disposizione ogni volta che ci fosse un'iniziativa benefica a favore delle associazioni cittadine

La mamma di oggi, alla ricerca di una sana complicitā femminile

Novi Ligure | Metti un gruppo di mamme (e papā) che si ritrovano tutte le settimane con i loro piccoli a ballare la country dance. Divertimento? Non solo. Hanno trovato nel ballo anche un'occasione per incontrarsi, trovare nuove amicizie e condividere gioie e sofferenze della vita da neo genitore

I Mondiali oltre gli Urali

Fifa World Cup Russia 2018 | Delle undici cittā che ospitano la 32esima edizione dei Campionati Mondiali di Calcio solo una č collocata oltre gli Urali: Ekaterinburg. Questo centro industriale in cui il tempo non solo č passato invano, ma praticamente non č passato proprio, č ancora in Europa per soli quaranta chilometri

Pendolari, esposto ai carabinieri per il bus soppresso

Novi Ligure | Nuova riunione per l'associazione dei pendolari novesi. Diversi gli argomenti messi all'ordine del giorno dal presidente dell'Apn Andrea Pernigotti, a cominciare dall'esposto presentato ai carabinieri per interruzione di pubblico servizio dell'autobus sostitutivo Novi-Tortona

Le storie impossibili (ma non troppo) di Federica e suor Anna Maria

Mornese | Domenica 17 giugno verrā presentato presso il collegio delle Figlie di Maria Ausiliatrice a Mornese il libro "Impossibili ma non troppo", scritto a quattro mani da Federica Storace e Anna Maria Frison