Voltaggio

La musica di Chopin risuona al convento dei Cappuccini

Il fortepianista Gian Maria Bonino si esibirà alla chiesa del convento dei Cappuccini di Voltaggio in un programma dedicato a Chopin

VOLTAGGIO – Prosegue la 39esima stagione internazionale di concerti sugli organi storici della provincia di Alessandria che, organizzata dall’associazione Amici dell’Organo e con la direzione artistica della docente e organista Letizia Romiti, ha come scopo quello di valorizzare e far conoscere al grande pubblico il prezioso patrimonio artistico locale attraverso concerti di artisti di grande rilievo culturale.

A settembre tre sono gli appuntamenti. Domenica 16 alle 17.00 presso la chiesa del convento dei Cappuccini di Voltaggio si esibirà il fortepianista Gian Maria Bonino [nella foto] con brani di Fryderyk Chopin. Bonino, dopo il diploma presso il Conservatorio Verdi di Milano, si specializza in clavicembalo presso il Conservatorio di Genova e ottiene il diploma in pianoforte presso quello di Winterthur, intraprendendo dunque una prolifica carriera artistica sia in Italia che all’estero sia come solista che in formazioni orchestrali.

Venerdì 21 settembre alle 21.15 presso il Duomo di Valenza l’organista Liuwe Tamminga si esibirà nel “Concerto in memoria del Maestro Luigi Ferdinando Tagliavini” interpretando musiche di Antonio Vivaldi, Domenico Cimarosa, Domenico Scarlatti, Giuseppe Verdi, Giovanni Battista Martini e Gaetano donizetti, programma eseguito dal Maestro Tagliavini presso il Duomo di Valenza nel 2005. Tamminga, considerato uno dei massimi esperti del repertorio organistico italiano del Cinque e Seicento, è titolare degli organi storici della Basilica di San Petronio a Bologna e porta avanti, nel contempo, un’intensa attività concertistica in Europa, Stati Uniti, America Latina e Giappone.

Sabato 22 settembre alle 21.00 presso il Santuario della Madonna della Guardia di Tortona l’organista Olivier Eisenmann, in ricordo del musicista Paolo Perduca, eseguirà musiche di Johann Sebastian Bach, Felix Mendelssohn, Josef Gabriel Rheinberger, Fanny-Hensel Mendelssohn, Max Reger, Gustav Adolph Merkel, Egil Hovland e Marian Sawa. Eisenmann, dopo il diploma al Conservatorio di Lucerna, ha svolto attività concertistica sia come pianista sia come organista nelle più importanti città europee e americane come solista e con le più prestigiose orchestre internazionali.
9/09/2018
Michela Ferrando - novionline@novionline.net







blog comments powered by Disqus


Morì dopo due ricoveri, caso ancora aperto: i familiari si oppongono all'archiviazione

Cronaca | La famiglia della donna di 76 anni deceduta dopo due ricoveri, il primo all'ospedale di Ovada e il successivo a Novi, non si arrende e presenta nuovamente istanza di opposizione all'archiviazione del caso, richiesta dal pubblico ministero

Travolse con l'auto un gruppo di conoscenti: “Tra loro c'era chi mi aveva tirato un pugno”

Cronaca | E' stato condannato a svolgere per un anno lavori socialmente utili un cittadino di origine straniera, residente nel novese, accusato di lesioni. All'uscita di un locale dove era scoppiata una rissa, in retromarcia, cercò di investire chi, a suo dire, gli aveva sferrato un pugno

La "nuova" Aedes di patron Roveda sbarca a Piazza Affari

Economia | Una "nuova" Aedes Siiq è sbarcata in Borsa: la settimana scorsa a Milano si è tenuta la cerimonia della campanella con l'apertura delle contrattazioni per la società dell'imprenditore valborberino Giuseppe Roveda

La "Notte di follia" di Tedeschi e Caprioglio in scena al Giacometti

Novi Ligure | Solo una coppia ben affiatata di attori come quella formata da Corrado Tedeschi e Debora Caprioglio poteva portare in teatro un incontro inatteso tra due persone apparentemente sole ma accomunate dallo stesso segreto. Al teatro Giacometti di Novi Ligure il nuovo anno si apre con lo spettacolo "Notte di follia"

Confindustria: vince il pessimismo all'ombra della crisi

Economia | La prima indagine congiunturale 2019 di Confindustria apre l'anno all'insegna del pessimismo. Si teme un calo di ordinativi, compensati solo in parte dall'export. Stabili investimenti ed occupazione. Su Pernigotti: "auspichiamo una svolta positiva anche se la proprietà ha dimostrato rigidità"