Gavi

Da torri di guardia a residenze nobiliari: il Fai apre le porte delle tenute più belle

In occasione della Giornata d'Autunno del Fai, la delegazione novese aprirà a Gavi la villa Centuriona e la Giustiniana. A Francavilla sarà aperta la tenuta Bisio

GAVI – Tutto pronto per la Giornata d’Autunno del Fai, che nel nostro territorio si svolgerà dopodomani, domenica 14 ottobre. La delegazione Fai novese aprirà a Gavi la villa Centuriona, lungo la strada per Carrosio. Sulla strada tra Francavilla e Gavi saranno aperte le tenute Bisio e Giustiniana.

Il percorso studiato dal Fai interessa tre edifici che ben rappresentano l’unione tra patrimonio storico-culturale e produzione agricola. Immersi nel paesaggio vitivinicolo collinare del basso Piemonte, questi antichi insediamenti integrano architettura e paesaggio, agricoltura ed enogastronomia.

Il complesso di Bisio, grangia cistercense del monastero di Sestri Ponente nel medioevo, dal Quattrocento è un feudo dei Guasco i cui discendenti ancora lo posseggono. Una piccola galleria di ritratti degli antenati e una stanza che raccoglie numerose mappe dei possedimenti della famiglia sono il cuore storico della dimora che è collegata a una preziosa cappella per le celebrazioni religiose. 

La Giustiniana è una villa tardo settecentesca fatta costruire dai nobili genovesi Giustiniani nel sito in cui, nell’alto medioevo, sorgeva una grangia monastica benedettina i cui resti sono ancora oggi rintracciabili nell’antica torre di guardia, nella cappella e in alcune stanze del complesso.

Ultimo edificio visitabile grazie al Fai sarà la Centuriona. La villa si staglia lungo l’antica strada di collegamento che da Novi conduceva a Genova, nel tratto tra Gavi e Carrosio. La favorevole posizione dell’edificio, dal quale si può controllare il tracciato sottostante, ha fatto pensare a una sua antica funzione di torre di guardia. La sua edificazione risale alla seconda metà del Cinquecento.

Le visite guidate saranno condotte dai volontari del Fai e dagli Apprendisti Ciceroni del liceo Amaldi di Novi Ligure. La tenute Bisio, Giustiniana e Centuriona saranno visitabili domenica 14 ottobre dalle 10.30 alle 18.30 (ultimo ingresso ore 18.00). Per i soli iscritti Fai, inoltre, alla Centuriona sarà possibile accedere alla parte destinata a rimessaggio della preziosa collezione di carrozze d’epoca, fino ad oggi chiusa al pubblico. Risalenti in buona parte ad un periodo compreso tra la fine del Settecento e l’inizio del Novecento, le carrozze ospitate negli spazi della Centuriona sono circa cinquanta.

La visita ai beni aperti dal Fai sarà anche l’occasione per poter passeggiare tra le vie del centro di Gavi dove gli esercizi commerciali saranno aperti, mentre a Francavilla si potrà visitare la biblioteca comunale (con la sua particolare sezione dedicata alla famiglia Kennedy) e il centro di documentazione di storia locale. Infine a Novi Ligure le vie saranno animate dalle iniziative e dagli stand dedicati all’arte del cioccolato con i tre giorni del Chocoday (da venerdì 12 a domenica 14).
12/10/2018







blog comments powered by Disqus


Daniela Valiante, l'epilogo peggiore: ritrovata cadavere nella propria auto

Gavi | Si è conclusa nel peggiore dei modi la vicenda di Daniela Valiante, la 47enne di Gavi che venerdì aveva fatto perdere le proprie tracce. A Grondona la sua auto: a bordo c'era il suo cadavere. Si sarebbe tolta la vita sparandosi

"Ripartire dal lavoro", Epifani incontra i sindacati provinciali

Novi Ligure | L'ex numero uno della Cgil sarà a Novi Ligure per un convegno sul mondo del lavoro. Poi inaugurerà la nuova sede di Articolo 1 - Mdp. Con lui il capogruppo di Leu Federico Fornaro e il consigliere regionale Walter Ottria

La val Lemme va in televisione, in onda "Sereno Variabile"

Val Lemme | Programmata la puntata di "Sereno Variabile" dedicata alle bellezze della val Lemme e dell'alto Monferrato. Le riprese hanno interessato Bosio, Carrosio, Fraconalto, Voltaggio, Lerma, Casaleggio Boiro e Mornese

Amori e amicizie dei "Ragazzi della Pieve" raccontati da Sacco in un libro

Novi Ligure | "Fare un viaggio nel tempo. Ricordare, oltre che rivivere, gli anni della mia giovinezza con gli amici è stato come fare un bagno di salute. Mi ha fatto sentire più giovane, e sentirsi più giovani non guasta mai". Questa la risposta alla domanda sulle motivazioni che hanno spinto Salvatore Sacco, per tutti Moloc, a scrivere il volume "I ragazzi della Pieve" che verrà presentato a Novi

Attenzione alla nebbia

Meteo | Settimana di stampo autunnale, con tempo nuvoloso e nebbia a banchi