Società

Dentro le miniere d'oro con caschetto e luce, alla scoperta di pipistrelli e geotritoni

Come si possono legare, unire e valorizzare allo stesso tempo la storia, il paesaggio, l’archeologia industriale e la memoria di un territorio, tutelando e facendo conoscere inoltre l'habitat naturale di alcune specie di interesse comunitario? A dare la risposta ci prova l'ente di gestione delle Aree Protette dell’Appennino piemontese con il progetto di riqualificazione delle miniere d'oro del Parco Capanne di Marcarolo

SOCIETA - Come si possono legare, unire e valorizzare allo stesso tempo la storia, il paesaggio, l’archeologia industriale e la memoria di un territorio, tutelando e facendo conoscere inoltre l’habitat naturale di alcune specie di interesse comunitario? A dare la risposta ci prova l’ente di gestione delle Aree Protette dell’Appennino piemontese con il progetto di riqualificazione delle miniere d'oro del Parco Capanne di Marcarolo.

Delle oltre 40 miniere censite nel territorio dell’area protetta si è arrivati a 20 (alcune sono crollate nel corso del tempo, altre risultano inaccessibili) e da lì a due grotte, che verranno sistemate e saranno visitabili da scolaresche e appassionati di escursioni, oro e animali. Le due ex miniere - ora rifugio dei chirotteri e dei geotritoni - si trovano rispettivamente a dieci minuti e a trenta minuti di cammino dalla diga della Lavagnina, nelle valli Piota e Gorzente e nei territori di Mornese e Casaleggio Boiro.

"È stata incaricata la ditta che eseguirà i lavori all’interno delle grotte e abbiamo eseguito insieme al progettista un sopralluogo per verificare la situazione - spiega il presidente dell’ente di gestione Dino Bianchi - La spesa, che verrà fatta in più anni, si aggira intorno ai 70-80 mila euro: si tratta di fondi che sono già nelle casse dell’ente grazie anche a finanziamenti regionali». Il tempo è tiranno però: per ragioni di sicurezza, all’interno delle ex miniere si può lavorare solo da agosto a fine ottobre. «Il nostro obiettivo è sistemare la grotta M1 entro ottobre e poi partire avanti la pulizia e la sistemazione di percorsi e mulattiere che collegano la prima con la seconda grotta e da lì al museo dell’oro".

La riqualificazione delle miniere è solo una parte del più ampio progetto che condurrà alla creazione del museo dell’oro, polo scientifico e informativo dell'intero complesso delle Aree Aurifodine previsto nei locali della vecchia palazzina di guardiania della centrale della diga della Lavagnina. «Iren dovrà effettuare dei lavori di compensazione per gli interventi effettuati sulle dighe e fra questi rientra proprio l’allestimento del museo dell’oro - afferma Bianchi - Qui verrà raccolto gran parte del materiale che era presente nei siti minerari, come i carrellini usati dai minatori, e pazientemente recuperato dal geologo Giuseppe Pipino. Un percorso ad anello collegherà la M1 con la M13 e questa miniera al museo».

Per completare l’intero percorso serviranno circa due anni e nella primavera del 2019 dovrebbe esserci l’apertura ufficiale.
11/09/2017
Lucia Camussi - l.camussi@ilnovese.info







blog comments powered by Disqus


All'Outlet di Serravalle un black friday lungo tre giorni

Serravalle Scrivia | Presso gli outlet targati McArthurGlen, come quello di Serravalle Scrivia, il Black Friday non si limiterà a venerdì 24 novembre ma proseguirà fino a domenica 26 novembre: tre giorni per approfittare di promozioni esclusive e ulteriori sconti su firme e marchi selezionati

Con Gianluigi Bailo il dialetto novese diventa un libro

Novi Ligure | Il progetto del notaio Gianluigi Bailo è diventato realtà: è pronto il libro "Dialètu, dialètu, dialètu. E sa faismu duu parole". L'autore, noto professionista, da tempo lavora al recupero del dialetto novese, un mezzo attraverso il quale vuole rendere omaggio alla sua città, nella speranza di riscoprire la novesità

Acciughe, aglio e fujot: scatta il Bagna Cauda Day. I locali in provincia

Provincia | Nato ad Asti, l'evento ha preso subito piede anche qui, grazie alla tradizione comune contadina. Molti i locali aderenti, che la servono come Dio comanda, eretica e atea (in base alla quantità d'aglio)

L'appello dei commercianti: "Basta con le beghe, rimbocchiamoci le maniche"

Novi Ligure | "Per la prima volta l'amministrazione comunale fa una proposta importante e seria. Ora spetta a noi rimboccarci le maniche". Lucia Ferrando, vicepresidente del consorzio Cuore di Novi, si rivolge ai colleghi e dice: "Basta con le beghe, solamente se siamo uniti possiamo davvero far rivivere la città"

Il Medioevo come metafora della civiltà contemporanea nel libro Pàrtagas

Novi Ligure | Sabato 25 novembre, in Biblioteca Civica a Novi, lo scrittore Gianluca D’Aquino presenterà il romanzo "Pàrtagas", affrontando, con la partecipazione dell’autrice Silvia Vigliotti, il tema centrale della guerra di religione, analizzando la pericolosa deriva del mondo occidentale