Cronaca

"Ho vissuto la vita che ho sempre sognato"

"Posso dire di essere felice. Ho vissuto sempre con la luce del sole nel cuore, ho vissuto la vita che ho sempre sognato": sono le parole che Andrea Chaves ha scritto ai genitori e che la madre ha voluto leggere durante i funerali che si sono tenuti martedì mattina a Cantalupo Ligure

CANTALUPO LIGURE - "Ha scavalcato le montagne, che lui amava tanto. Resterà sempre nei nostri cuori". Non sono parole di circostanza quelle pronunciate dal don Jairo, parroco di Cantalupo Ligure dove ieri centinaia di persone hanno dato l'ultimo saluto ad Andrea Chaves, il ragazzo di 21 anni di Novi, morto sul monte Bianco, durante una scalata in solitaria. C'erano i compagni di scuola del liceo Amaldi, quelli del karate di Novi, dell'atletica novese, i compagni di arrampicata. Era uno sportivo e un poeta, appassionato di Dante, del quale conosceva a memoria i versi della Divina Commedia.

C'erano, prima di tutti, i genitori, Patrizia Marchesotti e Yonny Chaves che, al termine dell'omelia hanno letto le parole scritte da Andrea. "Posso dire di essere felice. Ho vissuto sempre con la luce del sole nel cuore, ho vissuto la vita che ho sempre sognato". E' stata la mamma a dare voce a quelle parole del figlio, con la voce rotta dall'emozione e tra la commozione dei presenti. 
Le ha scritte prima di partire in uno dei suoi avventurosi viaggi, che lo hanno portato sulle vette delle montagne, passando notti "sotto le stelle", come amava dire, spesso da solo: "Siate forti - scriveva ai genitori - contro chi dirà che è colpa vostra. Posso dire di essere felice. Ho vissuto per amare ogni singolo istante della vita, e questa è l'unica cosa importante". Come se sapesse che la sua breve ma intensa vita si sarebbe, prima o poi, spezzata, anzitempo. 

Lo ha ricordato anche don Jairo, insieme a don Franco, sacerdote bolognese e confessore di Andrea: "Aspirava alle grandi cose – ha detto nell'omelia don Jairo, che insieme a don Franco, prete bolognese e confessore di Andrea, ha celebrato il rito funebre – le cose terrene non gli interessavano. Per questo puntava in alto. Ora ha trovato la pace. Ci guarda dall'alto, non dal balcone del monte Bianco, ma dal balcone del cielo. Vivrà sempre nei nostri cuori".
"Un ragazzo che, nonostante la sua giovane età, era maturo. Pieno d'altruismo – ha detto ancora don Jairo – ha colto i talenti che Dio gli ha donato e li ha messi a disposizione di tutti. Che sia di esempio per molti giovani. Grazie a Patrizia e Yonny per questo figlio meraviglioso, grazie per quello che Andrea ha condiviso con tutti noi".  
13/09/2017







blog comments powered by Disqus


Ilva e Terzo Valico, per gli autotrasportatori lo spettro dei mancati pagamenti

Novi Ligure | L'Ilva continua a tenere con il fiato sospeso gli autotrasportatori novesi, che vantano fatture per 5 milioni di euro. E come se non bastasse ora ci si aggiunge anche il Terzo Valico. Trasportounito ha infatti denunciato "un insostenibile ritardo nel pagamento dei servizi di sgombero dei materiali di scavo"

Asilo Morando, chiuse le indagini: ex direttrice accusata di truffa e peculato

Arquata Scrivia | Chiusura delle indagini da parte della Procura sugli ammanchi all'asilo nido Morando di Arquata Scrivia. La ex direttrice è accusata di peculato e truffa. "Risarciremo il Comune"

Soldi spariti all'asilo di Arquata, la protesta dei genitori

Arquata Scrivia | L'amministrazione comunale di Arquata Scrivia chiede alle famiglie di pagare le rette versate ma tenute per sé dall'ex direttrice dell'asilo Morando, ora sotto indagine. Protestano i genitori: "Non paghiamo per l'inadeguatezza di altri". Sabbi (opposizione): "Il controllo sui dipendenti spetta al Comune"

Saldi, all'Outlet di Serravalle atteso l'ultimo assalto

Serravalle Scrivia | Conclusione scoppiettante per i saldi invernali 2018. Sabato 24 febbraio e domenica 25 febbraio all'Outlet di Serravalle Scrivia si potrà approfittare di sconti al 70 per cento

Forum Giovani e Uici, cena al buio al castello

Pozzolo Formigaro | Il Forum Giovani di Pozzolo Formigaro organizza una cena al buio nelle cantine del castello medievale del paese. Un'esperienza altamente coinvolgente che ha anche un nobile scopo: il ricavato sarà devoluto in beneficenza all'Uici, Unione italiana dei ciechi e degli ipovedenti, di Alessandria