Novi Ligure

Al liceo Amaldi la fiaccola olimpica di Billy Martini, maratoneta e docente

Le celebrazioni per i cinquant'anni del liceo Amaldi si concluderanno con un momento dedicato al più recente degli indirizzi attivati dall'istituto scolastico di Novi Ligure: quello sportivo. Sarà scoperta la teca contenente la fiaccola olimpica usata dal tedoforo Renato Martini

NOVI LIGURE – Le celebrazioni per i cinquant’anni del liceo Amaldi si concluderanno con un momento dedicato al più recente degli indirizzi attivati dall’istituto scolastico di Novi Ligure: quello sportivo. Oggi, venerdì 12 ottobre, sarà infatti scoperta la teca contenente la fiaccola olimpica usata dal tedoforo novese Renato Martini nel 2006.

L'appuntamento è doppio. Prima al museo del ciclismo, con l’intervento di Flavio Repetto, patron della Novi-Elah-Dufour (ore 9.00) e dell’editore Claudio Chirivì, che presenterà la seconda edizione del Festival della conoscenza in programma a Novi nel marzo del prossimo anno (ore 11.00). Poi nella sede del liceo di via Mameli, dove verrà scoperta la teca contenente la fiaccola di Renato Martini, il compianto maratoneta alle Olimpiadi di Monaco del 1972 e insegnante di educazione fisica sia all’Amaldi che all’istituto Ciampini (ore 12.00). Scomparso nel 2016, “Billy” Martini – come era soprannominato – nel 2006 aveva portato la fiamma olimpica verso i giochi invernali di Torino e ora la sua fiaccola rimarrà in mostra al liceo, la sua seconda casa. A volere così la vedova Antonina, il cui desiderio è stato recepito dal preside Giampaolo Bovone.

Le cerimonie per i cinquant’anni del liceo Amaldi erano cominciate la settimana scorsa. Durante la giornata inaugurale, era stato mostrato il video realizzato dalla studentessa Noemi Rubini con la supervisione della docente Antonella Ghibaudi. Particolarmente sentito anche l’intervento di Carla Daglio [foto sopra con Giampaolo Bovone], prima vicaria dell’istituto, nel 1968, quando il liceo – che all’epoca si trovava nella ex fabbrica Nitens di corso Piave – contava appena un centinaio di allievi.

Anni difficili, quelli dal Sessantotto in poi: «C’era la contestazione e avevamo un unico corridoio che condividevamo con la scuola media. I ragazzi arrivavano sul terrapieno davanti oppure sostavano in strada ed ero terrorizzata che qualcuno si facesse male, così chiesi al Comune di avere un vigile all’ora di apertura e le strisce pedonali».
L’impegno profuso dai docenti della nuova scuola era massimo. Un episodio vale per tutti: «Non sono riuscita a godermi il congedo di maternità: il 1° giugno del 1969 ebbi una figlia e l’8 ero già impegnata negli scrutini», ha ricordato Carla Daglio. Presente alla cerimonia anche un’altra storica figura del liceo, la professoressa Franca Doglioli, che dell’Amaldi è stata dirigente nel 2004-2005.

Ha collaborato Enrico Varrecchione.
12/10/2018







blog comments powered by Disqus


Daniela Valiante, l'epilogo peggiore: ritrovata cadavere nella propria auto

Gavi | Si è conclusa nel peggiore dei modi la vicenda di Daniela Valiante, la 47enne di Gavi che venerdì aveva fatto perdere le proprie tracce. A Grondona la sua auto: a bordo c'era il suo cadavere. Si sarebbe tolta la vita sparandosi

"Ripartire dal lavoro", Epifani incontra i sindacati provinciali

Novi Ligure | L'ex numero uno della Cgil sarà a Novi Ligure per un convegno sul mondo del lavoro. Poi inaugurerà la nuova sede di Articolo 1 - Mdp. Con lui il capogruppo di Leu Federico Fornaro e il consigliere regionale Walter Ottria

La val Lemme va in televisione, in onda "Sereno Variabile"

Val Lemme | Programmata la puntata di "Sereno Variabile" dedicata alle bellezze della val Lemme e dell'alto Monferrato. Le riprese hanno interessato Bosio, Carrosio, Fraconalto, Voltaggio, Lerma, Casaleggio Boiro e Mornese

Amori e amicizie dei "Ragazzi della Pieve" raccontati da Sacco in un libro

Novi Ligure | "Fare un viaggio nel tempo. Ricordare, oltre che rivivere, gli anni della mia giovinezza con gli amici è stato come fare un bagno di salute. Mi ha fatto sentire più giovane, e sentirsi più giovani non guasta mai". Questa la risposta alla domanda sulle motivazioni che hanno spinto Salvatore Sacco, per tutti Moloc, a scrivere il volume "I ragazzi della Pieve" che verrà presentato a Novi

Attenzione alla nebbia

Meteo | Settimana di stampo autunnale, con tempo nuvoloso e nebbia a banchi