Arquata Scrivia

Mai Morti, alla Juta il delirio nostalgico portato in scena da Bebo Storti

"Un monologo che cerca di rammentare, a chi se lo fosse dimenticato o non l'avesse mai appreso che la parola antifascismo ha ancora un fondamentale e profondo motivo di esistere". "Mai morti", lo spettacolo che l'attore Bebo Storti porterà in scena al teatro della Juta di Arquata Scrivia punta alla riflessione su temi delicati e importanti

ARQUATA SCRIVIA - "Un monologo che cerca di rammentare, a chi se lo fosse dimenticato o non l'avesse mai appreso che la parola antifascismo ha ancora un fondamentale e profondo motivo di esistere, e per riflettere su quanto, in Italia, il razzismo, il nazionalismo e la xenofobia siano difficili da estirpare". “Mai morti”, lo spettacolo che l'attore Bebo Storti porterà in scena al teatro della Juta di Arquata, con il testo e per la regia di Renato Sarti, punta alla riflessione su temi delicati e importanti.

Venerdì 23 marzo, alle ore 21.00, l'attore milanese porterà in scena una “affabulazione nera” che fa arrabbiare, divide, emoziona e commuove. Mai Morti era il nome di uno dei più terribili battaglioni della Decima Mas. A questa formazione, che operò a fianco dei nazisti nella repressione antipartigiana, e al magma inquietante del pianeta fascista il personaggio interpretato da Bebo Storti guarda con delirante nostalgia. Durante una notte milanese dei nostri giorni, il protagonista si abbandona a ricordi sacri, lontani, cari. Evoca le “gloriose” azioni della Ettore Muti, come le torture praticate nelle stanze di quello che diventerà il Piccolo Teatro di Milano. Ricorda le stragi compiute dall'Esercito Italiano in Africa e l'uso indiscriminato e massiccio dei gas contro le popolazioni civili. Ad animare i suoi sogni a occhi aperti sono anche alcune vicende del passato più prossimo e del nostro presente: dalla strage di piazza Fontana nella Milano incandescente del 1969 fino al G8 di Genova.

Bebo Storti è attore di cinema, teatro, televisione. È conosciuto al grande pubblico grazie al programma televisivo Mai dire Gol, dove interpreta personaggi comici come il Conte Uguccione, Alfio Muschio, Thomas Prostata e Adelmo Stecchetti. Al cinema lavora per molti registi, tra cui Gabriele Salvatores, Francesca Comencini, Neri Parenti, Marco Risi, Paolo Virzì, Fausto Brizzi e Marco Tullio Giordana. Recita inoltre per molte fiction televisive, tra cui “Le mani dentro la città”, regia di Alessandro Angelini, “1992” e “Non uccidere”, regia di Giuseppe Gagliardi. Nel 2002 inizia al Teatro dell'Elfo la tournée del monologo drammatico "Mai Morti".

Posto unico 12 euro. Apertura biglietteria ore 20.00. Informazioni e prenotazioni: cell. 345 0604219.
21/03/2018
Lucia Camussi - l.camussi@ilnovese.info







blog comments powered by Disqus


Billy Martini, insegnante e olimpionico: una "fiamma" che non si spegne

Novi Ligure | La fiaccola che il maratoneta Renato Martini ha portato alle Olimpiadi di Torino del 2006 da oggi è custodita al liceo Amaldi di Novi Ligure. A consegnarla sono stati la vedova e il figlio del tedoforo novese

Amministratori comunali al voto per il rinnovo del consiglio provinciale

Politica | Sindaci e consiglieri dei 188 comuni della provincia sono chiamati alle urne per il rinnovo del consiglio provinciale. Due liste per dodici posti che dovranno rapportarsi alla giunta del presidente Baldi, che resta in carica

Le Allieve Gold della Forza e Virtù sul gradino più alto al 'Regionale'

Ginnastica artistica | Una prestazione importante per le giovani ginnaste novesi che però non è stata sufficiente per aggiudicarsi il titolo regionale andato alla Victoria Torino, assente in questa prova ma con un punteggio più alto ottenuto nella precedente

Ferrario nella 'top five' al Trofeo Oldrini di Somma Lombardo

Ciclismo | Luca Ferrario trova il varco giusto nella volata a ranghi compatti in leggera salita e si aggiudica un ottimo 5° posto

"Colmata" dei pifferi a Cosola, tradizione che si rinnova

Cabella Ligure | A Capanne di Cosola 19ª edizione della Curmà di Pinfri, il grande raduno dei suonatori tradizionali delle valli delle Quattro Province, che vede ogni anno riunirsi ballerini e cultori delle musiche di tradizione provenienti dalla val Borbera, dalle valli vicine e da località più distanti