Tassarolo

Premio a Badiini e Rigo e concerto a San Nicolao

Novità per la 15ª edizione del premio internazionale dedicato a Carlo Capriata e in ricordo di Giuseppe Bruno: i premiati saranno due perché da quest'anno ci sarà anche una sezione junior. Durante il concerto a Tassarolo - che fa parte della rassegna Orchestra in provincia - verranno consegnati premi a Paolo Badiini e Diletta Rigo

TASSAROLO - Novità per la 15ª edizione del premio internazionale dedicato a Carlo Capriata e in ricordo di Giuseppe Bruno: i premiati saranno due perché da quest'anno ci sarà anche una sezione junior.

Sabato 15 settembre, alle ore 21.00 a Tassarolo, si terrà il concerto, organizzato da amministrazione comunale, pro loco, e Orchestra Classica di Alessandria, con la consulenza artistica del contrabbassista Giovanni Chiaramonte, avrà come location la chiesa di San Nicolao.

Nelle precedenti 14 edizioni si sono avvicendati i migliori contrabbassisti a livello internazionale: stavolta il prestigioso riconoscimento andrà a Paolo Badiini, concertista, jazzista, docente di contrabbasso al conservatorio Vivaldi di Alessandria. Dopo aver conseguito il diploma in contrabbasso al conservatorio Nicolini di Piacenza, si è perfezionato per 2 anni all'Accademia di virtuosismo ''Walter Stauffer ''di Cremona. Nel 2000 ha vinto il concorso come primo contrabbasso nella Slovenska Filharmonija di Lubiana. Ha suonato in molte delle sale più prestigiose al mondo collaborando con importanti direttori del panorama mondiale.

A Tassarolo Badiini sarà accompagnato dagli archi dell'Orchestra Classica di Alessandria con un programma a sorpresa.

La novità 2018 - come anticipato prima - consiste nella prima edizione del premio assegnato, in ambito Junior, a Diletta Rigo, studentessa al conservatorio alessandrino. Diletta è attualmente iscritta al secondo anno del corso accademico di Contrabbasso sotto la guida di Paolo Badiini e al quarto anno del liceo linguistico Saluzzo-Plana di Alessandria. Collabora ed ha collaborato con svariate formazioni, ha partecipato a diverse masterclasses e corsi di perfezionamento e ha ricevuto la borsa di studio '' Gustavo e Delfina Ivaldi''.

La serata sarà presentata da Luciano Tirelli. Al termine, seguirà un rinfresco a cura della pro loco di Tassarolo.
Il concerto fa parte della rassegna cameristico-sinfonica “Orchestra in provincia”, sostenuta tra l'altro da Regione Piemonte, Fondazioni Cral e Crt. Rotary Club e Rotaract Gavi Libarna consegneranno un piccolo presente ai due vincitori. L'ingresso è libero.
14/09/2018
Lucia Camussi - l.camussi@ilnovese.info







blog comments powered by Disqus


Morì dopo due ricoveri, caso ancora aperto: i familiari si oppongono all'archiviazione

Cronaca | La famiglia della donna di 76 anni deceduta dopo due ricoveri, il primo all'ospedale di Ovada e il successivo a Novi, non si arrende e presenta nuovamente istanza di opposizione all'archiviazione del caso, richiesta dal pubblico ministero

Travolse con l'auto un gruppo di conoscenti: “Tra loro c'era chi mi aveva tirato un pugno”

Cronaca | E' stato condannato a svolgere per un anno lavori socialmente utili un cittadino di origine straniera, residente nel novese, accusato di lesioni. All'uscita di un locale dove era scoppiata una rissa, in retromarcia, cercò di investire chi, a suo dire, gli aveva sferrato un pugno

La "nuova" Aedes di patron Roveda sbarca a Piazza Affari

Economia | Una "nuova" Aedes Siiq è sbarcata in Borsa: la settimana scorsa a Milano si è tenuta la cerimonia della campanella con l'apertura delle contrattazioni per la società dell'imprenditore valborberino Giuseppe Roveda

La "Notte di follia" di Tedeschi e Caprioglio in scena al Giacometti

Novi Ligure | Solo una coppia ben affiatata di attori come quella formata da Corrado Tedeschi e Debora Caprioglio poteva portare in teatro un incontro inatteso tra due persone apparentemente sole ma accomunate dallo stesso segreto. Al teatro Giacometti di Novi Ligure il nuovo anno si apre con lo spettacolo "Notte di follia"

Confindustria: vince il pessimismo all'ombra della crisi

Economia | La prima indagine congiunturale 2019 di Confindustria apre l'anno all'insegna del pessimismo. Si teme un calo di ordinativi, compensati solo in parte dall'export. Stabili investimenti ed occupazione. Su Pernigotti: "auspichiamo una svolta positiva anche se la proprietà ha dimostrato rigidità"