Novi Ligure

Scomparso da oltre un mese, l'appello della famiglia in tv

Francesco Dell'Aquila, il 35enne di Novi Ligure scomparso nella notte tra il 16 e il 17 agosto scorso, manca da casa ormai da più di un mese. La famiglia è disperata, desidera solo che Francesco ritorni e ha affidato il proprio appello alle telecamere di "Chi l'ha visto"

NOVI LIGURE – Francesco Dell’Aquila, il 35enne di Novi Ligure scomparso nella notte tra il 16 e il 17 agosto scorso, manca da casa ormai da più di un mese. La famiglia è disperata, desidera solo che Francesco ritorni e ha affidato il proprio appello alle telecamere di “Chi l’ha visto”. Per due volte la popolare trasmissione di Rai Tre condotta da Federica Sciarelli si è occupata del caso di “Checco” – come è soprannominato da amici e familiari – ma di lui finora non è stata trovata traccia, se non un biglietto accartocciato tra i rifiuti.

Francesco si è allontanato di casa nella notte, dopo aver ricevuto una misteriosa telefonata. Come hanno raccontato il fratello Diego e la madre Cristina Baccaglini, il 16 agosto, durante la cena, Francesco si è alzato per andare a rispondere al telefonino. «Ma non ha risposto in casa, è sceso in strada». Un comportamento anomalo per lui, come se non volesse farsi sentire. I familiari non hanno dato peso alla cosa, ma il mattino dopo hanno scoperto che Checco non aveva dormito a casa: nella notte si era allontanato, portando con sé solo il cellulare (che risulta sempre spento) e uno zainetto nero.

Chi lo ha chiamato? È stata proprio quella telefonata a spingerlo ad andarsene da casa? Per cercare di capire bisogna fare un passo indietro, a qualche mese prima, quando Checco si lascia con la compagna con cui è rimasto fidanzato 16 anni e da cui ha avuto una bimba che oggi ha due anni. Il 35enne novese così torna a vivere nell’appartamento di famiglia in viale Pinan Cichero. Dopo qualche tempo conosce e intreccia una relazione con una ragazza, Gabriella. Tutto sembra andare per il meglio tra i due, ma il 16 agosto litigano: lui vorrebbe vederla, lei ha impegno con la madre. Una banale discussione, come se avvengono spesso tra fidanzati. Ma si conclude con Francesco che decide di lasciare Gabriella: «Mi ha detto “Sono confuso, non so se voglio continuare la nostra storia, ho paura che anche questa relazione finisca male come la precedente”», racconta la 20enne all’inviata di “Chi l’ha visto”.

Qualche ora dopo la telefonata misteriosa, quando tutti in casa dormono, Checco esce, probabilmente a piedi visto che la sua auto è ancora parcheggiata in cortile («Ma è anche pensabile che qualcuno lo sia passato a prendere in macchina», dice la cugina Flora). Ha solo uno zainetto e i vestiti che ha indosso. «Dal 17 agosto non risultano nemmeno pagamenti o prelievi con il bancomat», afferma la madre. Di lui non c’è traccia nelle telecamere di sorveglianza della stazione e dunque pare essere decaduta anche l’ipotesi che si sia allontanato da Novi in treno.

Al mattino del 17 agosto, quando un collega lo passa a prendere per andare al lavoro in una ditta pochi chilometri fuori città, la madre si accorge che Francesco non è nella sua stanza e non ha dormito nel suo letto. Il cellulare è spento e da allora nessuno è mai più riuscito a contattarlo.
Rovistando nella stanza, i familiari trovano un biglietto accartocciato, come se Checco l’avesse scritto ma poi avesse deciso di buttarlo. È rivolto alla mamma e al papà Pancrazio: parla di una «vecchia ferita», «non so cosa mi stia capitando – scrive – è già un po’ di tempo che sento un vuoto dentro di me. Vi voglio bene, tornerò presto». È proprio quello che i tuoi desiderano Francesco, che torni a casa presto.

22/09/2018







blog comments powered by Disqus


Morì dopo due ricoveri, caso ancora aperto: i familiari si oppongono all'archiviazione

Cronaca | La famiglia della donna di 76 anni deceduta dopo due ricoveri, il primo all'ospedale di Ovada e il successivo a Novi, non si arrende e presenta nuovamente istanza di opposizione all'archiviazione del caso, richiesta dal pubblico ministero

Travolse con l'auto un gruppo di conoscenti: “Tra loro c'era chi mi aveva tirato un pugno”

Cronaca | E' stato condannato a svolgere per un anno lavori socialmente utili un cittadino di origine straniera, residente nel novese, accusato di lesioni. All'uscita di un locale dove era scoppiata una rissa, in retromarcia, cercò di investire chi, a suo dire, gli aveva sferrato un pugno

La "nuova" Aedes di patron Roveda sbarca a Piazza Affari

Economia | Una "nuova" Aedes Siiq è sbarcata in Borsa: la settimana scorsa a Milano si è tenuta la cerimonia della campanella con l'apertura delle contrattazioni per la società dell'imprenditore valborberino Giuseppe Roveda

La "Notte di follia" di Tedeschi e Caprioglio in scena al Giacometti

Novi Ligure | Solo una coppia ben affiatata di attori come quella formata da Corrado Tedeschi e Debora Caprioglio poteva portare in teatro un incontro inatteso tra due persone apparentemente sole ma accomunate dallo stesso segreto. Al teatro Giacometti di Novi Ligure il nuovo anno si apre con lo spettacolo "Notte di follia"

Confindustria: vince il pessimismo all'ombra della crisi

Economia | La prima indagine congiunturale 2019 di Confindustria apre l'anno all'insegna del pessimismo. Si teme un calo di ordinativi, compensati solo in parte dall'export. Stabili investimenti ed occupazione. Su Pernigotti: "auspichiamo una svolta positiva anche se la proprietà ha dimostrato rigidità"