Novi Ligure

Migranti, il Comune cerca un partner per un progetto di accoglienza

Il Comune di Novi Ligure ha bandito gara per l'individuazione di un partner per attivare un progetto di accoglienza dei richiedenti asilo. Attualmente in città sono ospitati circa 130 migranti, suddivisi tra il Leon d'Oro e la comunità di via Oneto

NOVI LIGURE – È stato pubblicato all’albo pretorio del Comune di Novi il bando di gara per l’individuazione di un partner per attivare un progetto di accoglienza, integrazione e tutela dei richiedenti asilo e rifugiati. “Questi progetti erano stati promossi dal Ministero degli Interni in passato – spiega l’assessore agli Affari Sociali, Felicia Broda – poi con l’emergenza immigrati scoppiata nel 2010, le condizioni sono cambiate. Ora il Ministero promuove nuovamente questa forma di accoglienza e integrazione e, noi, come Comune di Novi, intendiamo partecipare se riusciamo a trovare il partner attuatore che dovrà essere un’associazione o una cooperativa già impegnata in questo settore”. La durata del progetto sarà triennale.

A partire dalle esperienze di accoglienza decentrata e in rete, realizzate tra il 1999 e il 2000 da associazioni e organizzazioni non governative, nel 2001 il Ministero dell’interno, l’associazione nazionale dei Comuni italiani e l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati siglarono un protocollo d’intesa per la realizzazione di un “Programma nazionale asilo”. Nasceva, così, il primo sistema pubblico per l’accoglienza di richiedenti asilo e rifugiati, diffuso su tutto il territorio italiano, con il coinvolgimento delle istituzioni centrali e locali, secondo una condivisione di responsabilità tra Ministero dell’interno ed enti locali. Nel 2002 la legge ha istituzionalizzato queste misure di accoglienza organizzata, prevedendo la costituzione del Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati (“Sprar”).

Ultimamente in città non si sono registrati nuovi arrivi di immigrati, oggi presso il Leon d’Oro sono ospitate un centinaio di persone e una trentina sono al “Giglio” in via Oneto.
12/03/2018
Marzia Persi - m.persi@ilnovese.info







blog comments powered by Disqus


Operazione Triangolo, le prime testimonianze sull'inchiesta rifiuti

Cronaca | Diciannove indagati, tra i quali nomi noti dell'imprenditoria alessandrina nel settore delle cave e della lavorazione rifiuti. Un centinaio i testimoni che saranno chiamati a rendere deposizioni davanti al giudice del tribunale di Alessandria. In aula, ieri, i primi tre testimoni: funzionari e dipendenti della Provincia che hanno effettuato sopralluoghi nei siti oggetto di indagine

Basta morti sul lavoro, sindacati e Prefettura pensano ad un protocollo

Provincia | Un centinaio i manifestanti dei sindacati Cgil, Cisl e Uil davanti alla Prefettura di Alessandria in occasione dello sciopero di quattro ore proclamato per chiedere misure di sicurezza sui luoghi di lavoro. Quattro gli incidenti da inizio anno in Provincia. L'ultimo alla Sli di Vignole dove ha perso la vita un giovane di 22 anni

Il Novese di domani, argomenti in anteprima

Novi Ligure | Sanità in primo piano con la nomina dei nuovi direttori dell'Azienda Ospedaliera e dell'Asl Al e le strategie da applicare per risolvere i problemi che da anni affliggono il Dea di Novi Ligure

Sapori e profumi del nostro territorio: cena gourmet con Caffè Gel e Valditerra

Informazione delle aziende | Una serata all'insegna della buona tavola e del buon vino: “Sapori e profumi del nostro territorio”... con qualche divagazione di pesce! La Cantina di Fra Lele presenta sabato 23 giugno dalle ore 19.30
 una cena gourmet con degustazione dei vini Valditerra 
presso il Caffè Gel Bistrot di corso Italia 12 a Novi Ligure

Il “caso” Kme discusso davanti al ministero dello Sviluppo Economico

Lavoro | Sindacati e azienda sono stati convocati il prossimo 22 giugno dal ministero dello Sviluppo Economico per esaminare il piano industriale sul futuro del gruppo industriale in Italia. I sindacati chiedono garanzie sugli ammortizzatori sociali