Provincia

Suona la campanella, si torna a scuola tra "vecchi" problemi

Sono 46.202 gli studenti che da questa mattina tornano sui banchi di scuola, ma mancano all'appello ancora circa 600 insegnanti che saranno nominati in due tornate, al 15 settembre e a metą mese

PROVINCIA - Sono 46.202 gli studenti in tutta la Provincia che da questa mattina tornano sui banchi di scuola, dalla materna (oggi scuola dell'infanzia) alle superiori (scuola media secondaria).
Alla scuola dell’infanzia si sono iscritti  in 7.209; alle elementari sono 15.789 studenti. La popolazione scolastica alle medie, in netta diminuzione per il calo demografico, sono 8.400 mentre gli alunni delle superiori sono 14.804. 
Sono cambiati i nomi, ma i problemi restano quelli di sempre. In particolare quelli relativi alla mancanza cronica di insegnanti. 
Mancano all'appello circa 600 insegnati, secondo le stime dei sindacati, e non perchè manchino i laureati. Sono le risorse economiche a mancare e che impediscono di procedere con assunzioni a tempo indeterminato. Si "rimedia" con le supplenze. 

"Le nomine stanno creando qualche problema – ammette Carlo Cervi di Cisl scuola – una prima tornata di nomine per i supplenti sarà fatta solo venerdì. Una seconda, si spera, a fine mese".
E' il cosiddetto “organico di fatto” a non essere ancora definito. Le nomine saranno a termine, lasciate ai dirigenti scolastici dei diversi plessi.
"Avevamo chiesto al Ministero dell'istruzione di consentire nomine annuali, in modo da garantire la continuità educativa per gli alunni. - dice ancora Cervi - Invece sembra che sarà possibile nominare supplenti solo fino a maggio 2018. Questo significa che quasi in diritura d'arrivo, molte classi si vedranno cambiare il docente".
Eppure, secondo i sindacati, "non si tratta di sostituzioni di docenti in malattia o permesso, sono posti 'mancanti' in tutto e per tutto". 

Da punto di vista delle strutture, non si segnalano problemi particolari. La Provincia ha messo mano al bilancio per assicurare, nelle scuole medie superiori, investimenti di manutenzione per circa 500 mila euro. Pochi ma, pare, sufficienti almeno per le emergenze.
Preoccupa, in previsione, il calo della popolazione scolastica. A Novi, a causa del calo delle iscrizioni e dei costi di manutenzione, non riapre la scuola elementare Oneto, accorpata con le scuole Martiri. 
A breve, potrebbe non essere l'unico caso in provincia. 
11/09/2017







blog comments powered by Disqus


Ex vigile condannato a tre mesi per aver abbassato una multa

Cronaca | Ha patteggiato la pena di tre mesi di carcere, con la condizionale l'ex vigile di Gavi accusato di abuso d'ufficio e falso per aver abbassato la multa a due ragazzini in motorino. Nel frattempo il vigile si č dimesso dal suo incarico. Non ha mai spiegato i motivi che l'hanno spinto ad abbassare la sanzione, ma ha negato di aver voluto favorire qualcuno

Quando a Novi arrivņ il mare: cinquant'anni di storia in un libro

Novi Ligure | La storia degli ultimi cinquant'anni a Novi Ligure racchiusi in un libro che celebra la nascita della piscina comunale: č "Quando a Novi arrivņ il mare", il volume a cura di Lorenzo Robbiano che sarą presentato al Museo dei Campionissimi

Non solo cyberbullismo: le tante facce della violenza in rete

Novi Ligure | La Torre di Carta, la fiera del libro e degli illustratori, sbarca anche nelle scuole superiori: durante il primo incontro si parlerą di cyberbullismo con Giovanni Ziccardi, autore del libro "L'odio online". Appuntamento al Museo dei Campionissimi di Novi Ligure

Coppa del Governatore, dai Lions oltre 4 mila euro per i disabili

Novi Ligure | I fondi raccolti grazie al torneo di golf organizzato dai Lions del Distretto IA2 andranno a due progetti importanti: l'allestimento di alcuni locali attrezzati per disabili presso il rifugio di Piuzzo e il service "Adotta un disabile e portalo in vacanza"

Servizi scolastici: č tempo di iscrizioni per mensa, bus e prescuola

Novi Ligure | Stringono i tempi per l'iscrizione ai servizi scolastici della cittą di Novi Ligure: mensa scolastica, servizio di prescuola e scuolabus