Stazzano

Narra tè...notte, Barbara presenta il libro scritto insieme alla figlia

Té letterario a Stazzano nel parco di villa Gardella: a presentare il volume "Narra...té notte" sarà l'autrice Barbara Raineri. Edito da Puantoacapo editrice, con illustrazioni di Giulia Segantin, il libro è studiato per i bambini da zero a sei anni e per i loro genitori

STAZZANO - Metti un gruppo di giovani lettori seduti a un tavolino con una tazza di thè in mano e un biscottino nell’altra, metti un parco naturalistico con una nuova area giochi, metti un’insegnante, ma anche una mamma, che è riuscita a mettere nero su bianco la sua passione, scrivendo un libro che parla di lei, della sua bambina, ma anche di tutti i bambini ai quali si rivolge, oltre che dei loro genitori. Metti insieme tutti questi ingredienti ed ecco “Narra tè… notte!”, il libro di Barbara Raineri e il thè letterario per i giovani lettori che l’autrice organizza sabato 15 alle 16 al parco di Villa Gardella di Stazzano.

Edito da puntoacapo Editrice con illustrazioni di Giulia Segantin, il libro, scritto da Barbara in collaborazione con suo marito e sua figlia di 8 anni, è studiato principalmente per i bambini della fascia 0-6 anni, ma in realtà è rivolto anche ai loro genitori. Si tratta di un racconto dentro il racconto, dove la figlia di Barbara racconta ai lettori di sé stessa, delle fiabe che il suo papà le inventa e di quelle che la sua mamma le legge, ad alta voce. "Ho iniziato a insegnare molto giovane e negli anni ho sperimentato i libri e la lettura in tutte le sue forme, facendo della mia passione un lavoro che oggi si è concretizzato ancora di più con la pubblicazione del mio primo volume – spiega Barbara – Il progetto “Nati per leggere” è stato al centro della mia tesi di laurea, sono convinta che la lettura sia fondamentale fin da piccolissimi. Con il mio lavoro cerco di tenere vivo nei bambini e nelle famiglie il piacere della lettura e l’amore per i libri, perché quando un libro si spalanca regala a chi ascolta e a chi lo legge l’emozione forte di essere, insieme, complici di quella storia".

Sabato alle letture seguirà un laboratorio creativo per tutti i bambini.

"Oggi insegno alla scuola primaria di Vignole, ma ho insegnato per 15 anni nella scuola di infanzia di Stazzano e per me sarà molto emozionante leggere alle mie bambine, che nel frattempo sono diventate mamme". L’evento è organizzato in collaborazione con l’amministrazione comunale. Nei prossimi mesi seguiranno nuove presentazioni.
14/09/2018
Benedetta De Paolis - b.depaolis@ilnovese.info







blog comments powered by Disqus


"Giù le mani dalla Pernigotti": una città compatta a difesa della fabbrica

Novi Ligure | Muliere chiede che i Toksoz vendano fabbrica e marchio a imprenditori italiani e garantisce che nell'area dello stabilimento "non ci saranno speculazioni". I sindacati si preparano per portare a Roma tutti i dipendenti. Malpassi: "Due anni di 'cassa' per ristrutturazione, non accettiamo la cessazione"

"Non applaudite, non è teatro questo. Per salvare Pernigotti dovete fare di più"

Novi Ligure | Tanti gli interventi al consiglio comunale aperto convocato a Novi Ligure per discutere di Pernigotti. Mantegazza (Uila) ha chiesto di varare una legge che impedisca lo "scippo" dei marchi storici. Molinari (Lega): "Se sono in buona fede possiamo convincere i Toksoz". Gribaudo (Pd): "Siamo di fronte a speculatori"

Amministratore di condominio condannato per appropriazione indebita

Cronaca | Si è chiusa con una condanna la vicenda giudiziaria di un amministratore di Serravalle Scrivia, accusato di appropriazione indebita. Tra i conti del condominio stazione erano emersi ammanchi per circa 80 mila euro

A Novara battuta d'arresto per le ragazze del Novi Pallavolo

Pallavolo - Serie C Femminile | La trasferta novarese avrebbe dovuto dare positive conferme alla formazione novese per il proseguo della stagione. Purtroppo non è stato così: le ragazze di Gombi praticamente non sono mai state in partita

Al via la campagna vaccini antinfluenzale: 60 mila dosi in tutta la Provincia

Sanità | Obiettivo della Regione è vaccinare il 75% della popolazione anziana e il 40% del personale impegnato nelle attività di assistenza e amministrativo di front-office dell'Asl. "I medici diano il buon esempio"