Stazzano

Narra tè...notte, Barbara presenta il libro scritto insieme alla figlia

Té letterario a Stazzano nel parco di villa Gardella: a presentare il volume "Narra...té notte" sarà l'autrice Barbara Raineri. Edito da Puantoacapo editrice, con illustrazioni di Giulia Segantin, il libro è studiato per i bambini da zero a sei anni e per i loro genitori

STAZZANO - Metti un gruppo di giovani lettori seduti a un tavolino con una tazza di thè in mano e un biscottino nell’altra, metti un parco naturalistico con una nuova area giochi, metti un’insegnante, ma anche una mamma, che è riuscita a mettere nero su bianco la sua passione, scrivendo un libro che parla di lei, della sua bambina, ma anche di tutti i bambini ai quali si rivolge, oltre che dei loro genitori. Metti insieme tutti questi ingredienti ed ecco “Narra tè… notte!”, il libro di Barbara Raineri e il thè letterario per i giovani lettori che l’autrice organizza sabato 15 alle 16 al parco di Villa Gardella di Stazzano.

Edito da puntoacapo Editrice con illustrazioni di Giulia Segantin, il libro, scritto da Barbara in collaborazione con suo marito e sua figlia di 8 anni, è studiato principalmente per i bambini della fascia 0-6 anni, ma in realtà è rivolto anche ai loro genitori. Si tratta di un racconto dentro il racconto, dove la figlia di Barbara racconta ai lettori di sé stessa, delle fiabe che il suo papà le inventa e di quelle che la sua mamma le legge, ad alta voce. "Ho iniziato a insegnare molto giovane e negli anni ho sperimentato i libri e la lettura in tutte le sue forme, facendo della mia passione un lavoro che oggi si è concretizzato ancora di più con la pubblicazione del mio primo volume – spiega Barbara – Il progetto “Nati per leggere” è stato al centro della mia tesi di laurea, sono convinta che la lettura sia fondamentale fin da piccolissimi. Con il mio lavoro cerco di tenere vivo nei bambini e nelle famiglie il piacere della lettura e l’amore per i libri, perché quando un libro si spalanca regala a chi ascolta e a chi lo legge l’emozione forte di essere, insieme, complici di quella storia".

Sabato alle letture seguirà un laboratorio creativo per tutti i bambini.

"Oggi insegno alla scuola primaria di Vignole, ma ho insegnato per 15 anni nella scuola di infanzia di Stazzano e per me sarà molto emozionante leggere alle mie bambine, che nel frattempo sono diventate mamme". L’evento è organizzato in collaborazione con l’amministrazione comunale. Nei prossimi mesi seguiranno nuove presentazioni.
14/09/2018
Benedetta De Paolis - b.depaolis@ilnovese.info







blog comments powered by Disqus


Morì dopo due ricoveri, caso ancora aperto: i familiari si oppongono all'archiviazione

Cronaca | La famiglia della donna di 76 anni deceduta dopo due ricoveri, il primo all'ospedale di Ovada e il successivo a Novi, non si arrende e presenta nuovamente istanza di opposizione all'archiviazione del caso, richiesta dal pubblico ministero

Travolse con l'auto un gruppo di conoscenti: “Tra loro c'era chi mi aveva tirato un pugno”

Cronaca | E' stato condannato a svolgere per un anno lavori socialmente utili un cittadino di origine straniera, residente nel novese, accusato di lesioni. All'uscita di un locale dove era scoppiata una rissa, in retromarcia, cercò di investire chi, a suo dire, gli aveva sferrato un pugno

La "nuova" Aedes di patron Roveda sbarca a Piazza Affari

Economia | Una "nuova" Aedes Siiq è sbarcata in Borsa: la settimana scorsa a Milano si è tenuta la cerimonia della campanella con l'apertura delle contrattazioni per la società dell'imprenditore valborberino Giuseppe Roveda

La "Notte di follia" di Tedeschi e Caprioglio in scena al Giacometti

Novi Ligure | Solo una coppia ben affiatata di attori come quella formata da Corrado Tedeschi e Debora Caprioglio poteva portare in teatro un incontro inatteso tra due persone apparentemente sole ma accomunate dallo stesso segreto. Al teatro Giacometti di Novi Ligure il nuovo anno si apre con lo spettacolo "Notte di follia"

Confindustria: vince il pessimismo all'ombra della crisi

Economia | La prima indagine congiunturale 2019 di Confindustria apre l'anno all'insegna del pessimismo. Si teme un calo di ordinativi, compensati solo in parte dall'export. Stabili investimenti ed occupazione. Su Pernigotti: "auspichiamo una svolta positiva anche se la proprietà ha dimostrato rigidità"