Gavi

Teatro, storia e cultura: al Forte di Gavi una domenica speciale

Ultimo appuntamento con Gavi Forte di cultura, arte e storia - promosso dal Polo museale del Piemonte - che permetterà ai partecipanti di conoscere meglio il Forte di Gavi attraverso uno spettacolo teatrale itinerante proposto da trenta attori e figuranti

GAVI -  Ultimo appuntamento con Gavi Forte di cultura, arte e storia - promosso dal Polo museale del Piemonte - che permetterà ai partecipanti di conoscere meglio il Forte di Gavi attraverso uno spettacolo teatrale itinerante proposto da trenta attori e figuranti.

Domenica 16 settembre, a partire dalle 10.00 e per l’intera giornata, gli attori della compagnia Teatro e Società di Torino guideranno i gruppi di partecipanti mettendo in scena un vero e proprio spettacolo che intreccerà le vicissitudini di personaggi contemporanei con quelli storici, in un racconto incalzante e con un mistero da risolvere che porterà a conoscere, in modo insolito e divertente, anche aspetti meno noti della storia del prestigioso maniero.

Lo spettacolo teatrale itinerante propone una riflessione sui molteplici significati del Forte di Gavi, per capire come abbia saputo adattarsi e resistere nel tempo, giungendo ai giorni nostri quale luogo di cultura, capace di accogliere e di restituire le emozioni e la storia di un territorio. Tra i personaggi, si incontrano Padre da Fiorenzuola rinomato ingegnere militare a cui si deve l’abilità di “far della montagna un Forte” per garantire la sicurezza di Genova e poi i soldati che in vari momenti storici hanno abitato e combattuto al Forte, i prigionieri, tra cui l’inglese Pringle, l’unico evaso con una fuga rocambolesca.

Le vicende del giovane Gavino, personaggio di fantasia coinvolto in un evento misterioso, accompagnano il percorso, coinvolgendo e divertendo il pubblico, guidato da una giovane esperta di fotografia. Insieme agli attori di Teatro e Società sono presenti il gruppo del laboratorio per la narrazione dei beni culturali e i due gruppi di figuranti della Compagnia della Picca e del Moschetto e dei Due x sei di Novi Ligure che, con i loro costumi, creano l'ambiente seicentesco del Forte.

Fino al 20 settembre è attivo il concorso fotografico #Gavifortedicultura che invita gli spettatori a raccontare con scatti fotografici su Instagram le emozioni della visita e la bellezza del luogo. Il concorso è aperto a tutti e premierà le foto più significative pubblicate sul proprio profilo instagram con hashtag #GAVIFORTEdicultura e #ForteGavi e con tag @teatrosocieta.

Repliche ogni ora e mezza, a partire dalle 10.00 fino alle 17.30. Per la salita al Forte è disponibile la navetta, con partenza ogni mezz'ora dal piazzale padre Benegassi (in prossimità di via al Forte e di fronte al cimitero).

Il progetto Gavi Forte di cultura, arte e storia è promosso dal Polo Museale del Piemonte - Direzione del Forte di Gavi - e realizzato dalla Compagnia Teatro e Società con il contributo della Compagnia di San Paolo nell’ambito del bando “Luoghi della Cultura”. Ha il patrocinio dell’Anno europeo del patrimonio culturale 2018, di Alexala-Agenzia Turistica Locale della Provincia di Alessandria e la collaborazione dei comuni di Arquata Scrivia, Gavi, Mornese, Novi Ligure, Serravalle Scrivia.

Le partenze a gruppi sono programmate ogni ora e mezza con i seguenti orari: 10.00 – 11.30 – 14.30 – 16.00 – 17.30. La permanenza al Forte è prevista per circa due ore, sono consigliate scarpe comode e si segnala che il percorso non è accessibile a carrozzelle e passeggini.

La partecipazione alle visite teatrali è gratuita, è previsto il costo del biglietto di ingresso al Forte di  5 euro per adulti. Per ottimizzare l’organizzazione dei gruppi è richiesta la prenotazione inviando un’e-mail a:prenotazione@teatrosocieta.it oppure contattando la segreteria di Teatro e Società, al 392 2906760 (dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 13.00).

Fino alla fine di settembre, gli spazi della fortezza accolgono le sculture di Nino Ventura - sirene, angeli e arcangeli, pesci, soldati di ogni sorta - che ha allestito la mostra "Ad occhi chiusi". Le sue sculture - impulsive, instabili e assurde - sono creature dal sapore fiabesco, deformi e innaturali che affascinano e contagiano il grande pubblico.
 
10/09/2018
Lucia Camussi - l.camussi@ilnovese.info







blog comments powered by Disqus


Mercatone Uno, timori sulla riapertura. Shernon chiede il concordato preventivo

Serravalle Scrivia | Solo l'incontro al Mise previsto per oggi potrà chiarire le cose in merito all'ex Mercatone Uno e alla Shernon Holding. L'azienda che aveva rilevato parte dei punti di vendita del Mercatone Uno ha presentato domanda di ammissione al concordato preventivo. Preoccupazione sulla riapertura del punto vendita di Serravalle

La battaglia di Novi rivive in una mostra, quell'evento che segnò la nostra storia

Novi Ligure | Apre in biblioteca "La battaglia e altre storie", una mostra dedicata allo scontro del 1799 tra l'armata napoleonica e l'esercito austrorusso che segnò la storia della città di Novi Ligure

Croce degli Alpini, messa in quota per ricordare anche Chaves, Salvucci e Mennella

Roccaforte Ligure | In val Borbera una messa in quota in suffragio di tutti gli Alpini "andati avanti" e dei giovani Andrea Chaves, Serena Salvucci e Alessandro Mennella

La programmazione al Megaplex Stardust

Cinema | Da giovedì 18 aprile Ma cosa ci dice il cervello, Il ragazzo che diventerà re, Il campione, La Llorona - le lacrime del male, A spasso con Willy, Wonder Park, After, Hellboy, Shazam!, Dumbo

Ecolibarna, altri quattro milioni e mezzo di euro per costruire il muro antiveleni

Serravalle Scrivia | Dopo un iter durato oltre un anno sono stati assegnati i lavori per proseguire la costruzione del diaframma antiveleni e portare via altro terreno inquinato dall'Ecolibarna di Serravalle Scrivia