Vignole Borbera

Tragedia a Vignole, il monossido di carbonio stermina una famiglia

[AGGIORNAMENTO] Tragedia a Vignole Borbera dove una intera famiglia è morta a seguito delle esalazioni di monossido di carbonio. Le vittime hanno 48, 45 e 19 anni. La morte li avrebbe colti nel sonno ma i corpi sono stati scoperti solo nel primo pomeriggio

VIGNOLE BORBERA – Probabilmente sono morti nel sonno, senza accorgersi di nulla, avvelenati respiro dopo respiro dal monossido di carbonio. Luca Baroni, suo figlio Mattia e la compagna del padre Maria Angela Mele sono stati uccisi a Vignole Borbera dal “killer silenzioso”, il gas incolore e inodore dagli effetti letali.

Si presume che la tragedia sia avvenuta questa notte, a cavallo tra domenica 7 e lunedì 8 gennaio, a causa del malfunzionamento di una calderina a metano installata nell’abitazione dei tre, in località Mulino, un nucleo di case sorto attorno all’ex cotonificio, nei pressi del campo sportivo. «Ho mandato un messaggio intorno alle 10 di questa mattina ma non ho ricevuto risposta – racconta una parente – Poi ho provato a telefonare verso mezzogiorno e anche in questo caso nessuno ha risposto». A dare l’allarme sarebbe stata la madre del ragazzo, Monica Bernardi (45 anni, dipendente della pizzeria Pietrino), preoccupata perché dalla sera precedente non aveva più avuto notizie del figlio.

I vigili del fuoco sono stati allertati alle 15 ma quando sono arrivati sul posto per Luca, Mattia e Mariangela non c’era più nulla da fare. Per fortuna non era presente l’altra figlia, Jessica Baroni, 18 anni, altrimenti l’incidente avrebbe potuto avere dimensioni ancora più terribili. I rilievi dei carabinieri sono andati avanti per tutto il pomeriggio e solo qualche ora dopo i corpi delle tre vittime sono state trasferite all’obitorio di Novi Ligure, in attesa delle decisioni della procura. Nella casa di località Mulino i soccorritori hanno trovato un solo sopravvissuto: un gatto che Luca Baroni aveva adottato e che ora è affidato alle cure del veterinario Gian Paolo Cardis.

In paese a Vignole c’è dolore e commozione per la tragedia. Luca Baroni, 48 anni, lavorava come autotrasportatore, mentre Mattia, che di anni ne avrebbe compiuto 20 a marzo, dopo gli studi allo Cnos Fap di Serravalle Scrivia stava cercando un impiego. Maria Angela Mele, 44 anni, era titolare del negozio Acconciature Glamour, in via Voltaggio a Gavi, e lascia una figlia di 10 anni.

CRONACA - Tragedia a Vignole Borbera, in località Molino, dove un uomo, la sua compagna e il figlio diciannovenne di lui hanno perso la vita, presumibilmente a causa delle esalazioni di monossido di carbonio provenienti dalla candaia. Si tratta di Luca Baroni, il figlio Mattia e la compagna di Luca, M.M.
A dare l'allarme sarebbe stata la madre del ragazzo che dalla sera prima non aveva notizie del figlio. 
Dalla prima ricostruzione fatta dai carabinieri, sembra che il monossido si sia sprigionato durante la notte, cogliendo i tre nel sonno.
Immediati gli interventi dei vigili del fuoco e delle forze dell'ordine ma per Luca, Mattia e Maraingela non c'era già più nulla da fare.
I corpi sono stati trasportati all'obitorio di Novi e sono a disposizione dell'autorità giudiziaria che aprirà probabilmente un'inchiesta. 
(seguiranno aggiornamenti) 
8/01/2018







blog comments powered by Disqus


Serravalle, contro la sosta selvaggia ora arrivano le ganasce

Serravalle Scrivia | Giro di vite a Serravalle Scrivia contro chi lascia la propria vettura negli spazi riservati agli invalidi. Controlli più serrati anche su chi guida con il telefonino. Il sindaco Carbone: "Bene la sicurezza, i reati calano". Dati positivi anche dai Velo Ok: in pochi superano i limiti. Ma il traffico è in costante aumento

Via Roma, la discussione in negozio finisce in rissa

Novi Ligure | Quattro persone sono state bloccate dalla polizia municipale in via Roma, a Novi Ligure: avevano iniziato a picchiarsi all'interno di un negozio. Protagonisti della vicenda due uomini e due donne. Ancora da chiarire i motivi della lite

Scuola, per la sicurezza degli edifici investiti 15 milioni in provincia

Novi Ligure | Sono oltre 100 i milioni di euro destinati ad interventi per la messa in sicurezza e la riqualificazione delle scuole in tutto il Piemonte. Lo ha sottolineato il deputato del Partito Democratico Fabio Lavagno, facendo sapere che 15,3 milioni di euro sono stati destinati alle scuole della provincia di Alessandria

Uccise la moglie nel bosco, il giudice dispone la perizia psichiatrica

Cronaca | Nell'ottobre 2016 uccise la moglie in un bosco a Capanne di Marcarolo e tentò di togliersi la vita subito dopo. Ora è a processo per omicidio. Durante la prima udienza, con il rito abbreviato, il giudice ha disposto che venga sottoposto a perizia psichiatrica

A casa nostra, la fotografia al servizio della solidarietà

Serravalle Scrivia | I ventisei volti famosi che scandiscono i momenti più significativi della brillante carriera internazionale della fotografa di origini novesi Annalisa Flori, esposti presso il Serravalle Designer Outlet dallo scorso dicembre, saranno banditi all'asta per beneficenza a favore di Aism. Madrina dell'evento sarà Filippa Lagerback