Cronaca

Trent'anni di carcere alla donna che uccise il marito

E' stata condannata ad una pena di 30 anni di carcere la donna che uccise il marito in una villetta a Basaluzzo. La donna era stata fermata dai carabinieri sul vialetto di casa con il coltello in borsa. Aveva ammesso l'uccisione del marito

CRONACA – Aveva ammesso di avere ucciso il marito a coltellate la mattina all'alba del ferragosto 2017, dopo una lite. Aveva sferrato una decina di colpi con un coltello da cucina. Ana Fernando Nhare era stata fermata dai carabinieri sul vialetto di casa, a Basaluzzo, con il coltello in borsa e gli abiti insanguinati ancora addosso: “stavo venendo da voi”, aveva detto ai militari.
E' stata condannata ieri per l'omicidio di Walter Corradini ad una pena di 30 anni di carcere dal giudice del tribunale di Alessandria, Paolo Bargero, giudicata con rito abbreviato. Il pubblico ministero aveva chiesto la condanna a 16 anni, il giudice ha applicato invece la pena massima.
Alla donna, originaria del Mozambico, sono state riconosciute solo le attenuanti generiche. Il giudice, pur riconoscendo che la donna, in passato, era stata sottoposta ad episodi di violenza e vessazioni da parti del marito, non ha concesso ulteriori sconti. Ora la difesa attende di leggere le motivazioni per presentare un probabile appello.
Corradini era un tecnico del gruppo Eni, ormai in pensione. In uno dei viaggi all'estero per motivi di lavoro aveva conosciuto la donna. Si erano sposati ed avevano avuto un figlio, che oggi ha circa 24 anni. Negli ultimi anni i rapporti si erano però deteriorati. Per un certo periodo la donna era andata a vivere insieme al figlio, lasciando la casa di Basaluzzo. Ma tornava spesso nell'abitazione coniugale. Aveva confidato ad alcune amiche di stare attraversando un momento difficile. Dopo l'omicidio aveva ricordi confusi, tanto che la difesa chiese che fosse sottoposta a perizia psichiatrica.
Ieri, davanti al giudice del tribunale, è stato celebrato il processo con rito abbreviato dopo il quale è stata emessa sentenza: condanna alla massima pena.
16/10/2018







blog comments powered by Disqus


Non è ancora chiuso il caso della donna morta dopo due ricoveri. I famigliari si oppongono all'archiviazione

Cronaca | La famiglia della donna di 76 anni deceduta dopo due ricoveri, il primo all'ospedale di Ovada ed il successivo trasferimento a Novi, non si arrende e presenta nuovamente istanza di opposizione all'archiviazione del caso, richiesta dal pubblico ministero

Travolse con l'auto un gruppo di conoscenti: “Tra loro c'era chi mi aveva tirato un pugno”

Cronaca | E' stato condannato a svolgere per un anno lavori socialmente utili un cittadino di origine straniera, residente nel novese, accusato di lesioni. All'uscita di un locale dove era scoppiata una rissa, in retromarcia, cercò di investire chi, a suo dire, gli aveva sferrato un pugno

Confindustria: vince il pessimismo all'ombra della crisi

Economia | La prima indagine congiunturale 2019 di Confindustria apre l'anno all'insegna del pessimismo. Si teme un calo di ordinativi, compensati solo in parte dall'export. Stabili investimenti ed occupazione. Su Penigotti: "auspichiamo una svolta positiva anche se la proprietà ha dimostrato rigidità"

La "nuova" Aedes di patron Roveda sbarca a Piazza Affari

Economia | Una "nuova" Aedes Siiq è sbarcata in Borsa: la settimana scorsa a Milano si è tenuta la cerimonia della campanella con l'apertura delle contrattazioni per la società dell'imprenditore valborberino Giuseppe Roveda

La "Notte di follia" di Tedeschi e Caprioglio in scena al Giacometti

Novi Ligure | Solo una coppia ben affiatata di attori come quella formata da Corrado Tedeschi e Debora Caprioglio poteva portare in teatro un incontro inatteso tra due persone apparentemente sole ma accomunate dallo stesso segreto. Al teatro Giacometti di Novi Ligure il nuovo anno si apre con lo spettacolo "Notte di follia"