Novi Ligure

Trinità, ritorna in chiesa l'organo in restauro da vent'anni

L'organo della Trinità di Novi Ligure, datato 1777, dagli anni Novanta è custodito in un deposito del novarese: ora è pronto per tornare a casa. Intanto, grazie alla vendita della farmacia comunale e ai contributi di due fondazioni bancarie, saranno restaurate anche quattro tele settecentesche e la cassa processionale dell'oratorio

NOVI LIGURE – Uno spazio per le attività culturali, tra cui esposizioni e concerti. È il progetto dell’amministrazione comunale di Novi Ligure per l’oratorio della Santissima Trinità che – per quanto lontano dalla sua realizzazione concreta – ha ricevuto nuovo impulso grazie alla vendita della farmacia di via Verdi e ai contributi ricevuti da due fondazioni bancarie.

La priorità ora va al recupero dei beni provenienti dall’oratorio posto all’incrocio tra via Gramsci e via Cavanna. E così potrà anche tornare in città l’organo della chiesa, che dagli anni Novanta è custodito in un deposito del novarese. «La nostra intenzione è di ricollocarlo alla Trinità», spiega l’assessore alla Cultura Cecilia Bergaglio.
La Soprintendenza aveva finanziato il restauro (curato dall’esperto Mario Marzi di San Maurizio d’Opaglio), ma poi l’organo non era più tornato nella sua sede originale. Trasportare a Novi, installare e accordare il prezioso strumento musicale – è datato 1777 e l’autore è Tommaso Roccatagliata – costerà 7 mila euro, interamente finanziati con la vendita della farmacia comunale.

Circa 35 mila euro costerà invece il restauro della cassa processionale dell’Oratorio. La somma sarà coperta con un contributo di 20 mila euro da parte della Compagnia di San Paolo e con 15 mila euro sempre provenienti dalla cessione della farmacia. A occuparsi del restauro saranno Aurelia Costa, Emanuela Spera e Francesca Ventre del Laboratorio delle Scuole Pie di Genova.

L’intervento più importante però riguarderà le ultime quattro tele settecentesche provenienti dalla Trinità. Il restauro costerà 41.500 euro (21.500 euro arriveranno dalla Fondazione della Cassa di risparmio di Torino e il resto dall’alienazione della farmacia) e sarà affidato allo studio Gabbantichità di Tortona.
Le tele sono state realizzate dal maestro Giovanni Raffaele Badaracco (“Santa Chiara che scaccia i saraceni”, primo decennio del Settecento), Francesco Campora (“Mater Divinae Providentiae” e “San Carlo Borromeo”, entrambe del 1739/40) e Luigi Tassistro (“Deposizione dalla Croce”, 1789).
11/01/2018







blog comments powered by Disqus


Messa di Natale, il vescovo celebra alla Pernigotti

Novi Ligure | Non sarà in Duomo a Tortona la messa di Natale celebrata dal vescovo, bensì alla Pernigotti di Novi Ligure. "Una presenza che vuole essere un seguito del piccolo gesto che la nostra Diocesi ha avviato aprendo il conto bancario in favore dei lavoratori", ha detto monsignor Viola

Campari non rinnova i contratti dei precari, in quindici perdono il posto

Novi Ligure | Per 15 lavoratori della Campari di Novi Ligure i cancelli si sono aperti per l'ultima volta venerdì scorso. Di 21 dipendenti precari 6 saranno però stabilizzati con contratti a tempo indeterminato

Pernigotti, patron Stefano non scorda gli operai. E lo spettacolo è un successo

Novi Ligure | Centinaia di persone hanno assistito allo spettacolo organizzato a Novi Ligure per i lavoratori di Pernigotti e Iperdì. Applausi per patron Stefano, primo a partecipare al fondo di solidarietà con una cospicua donazione. Venerdì nuovo incontro al ministero dello Sviluppo economico, ma potrebbe saltare

Primarie Pd: vince Marino ma crolla l'affluenza

Politica | Si dimezza in provincia l'affluenza alle urne per le primarie del Pd. Militanti e simpatizzanti erano chiamati a scegliere il futuro segretario regionale. In testa Mauro Maria Marino, di estrazione renziana. Nessuno ha raggiunto però il 50%: la scelta quindi passa all'assemblea regionale

Novi Pallavolo fa 3-2 in casa del S. Anna e non perde terreno dalle prime

Pallavolo - Serie B Maschiel | Vincendo al tie-break 3-2 in casa del S. Anna la Novi Pallavolo mantiene il passo di chi la precede e diventa prima inseguitrice delle lepri Alba Parella Torino e Cirié