Villalvernia

Villalvernia, bilancio ok ma per la tassa rifiuti ritocco all'insù

Nel 2018 gli abitanti di Villalvernia pagheranno 30 o 40 euro in più a famiglia per la Tari (tassa sui rifiuti). Questo è stato deciso durante l'ultima seduta del consiglio comunale. L'incremento dovrà servire, nelle intenzioni dell'amministrazione, a migliorare la raccolta differenziata

VILLALVERNIA – Nel 2018 gli abitanti di Villalvernia pagheranno 30 o 40 euro in più a famiglia per la Tari (tassa sui rifiuti). Questo è stato deciso durante l’ultima seduta del consiglio comunale. Questo incremento potrà consentire, nelle mire dell’amministrazione, un aumento del numero dei cassonetti per la raccolta differenziata, sarà fatta maggior informazione presso le scuole, verranno distribuiti dépliant informativi e sarà organizzato un incontro pubblico con la popolazione.

Il sindaco Franco Persi, durante il suo intervento, ha detto che «ultimamente sono venute a mancare alcune attività commerciali e mancano entrate previste. Così, per poter pareggiare è prevista in aumento la quota ai privati. Chiaramente per chi non paga è previsto il ruolo coattivo». A fronte di questa decisione il solo consigliere Cesare Morreale ha votato contro.

Per quanto concerne l’Imu, è confermata l’aliquota dello scorso anno su altri immobili al 9 per mille; l’addizionale comunale Irpef viene confermata con l’aliquota al 7 per mille con la soglia fino a 10 mila euro; anche la Tasi è confermata all’1 per mille. Ognuna di queste delibere ha visto il voto contrario del consigliere Morreale. Va ricordato che le aliquote delle imposte o tasse (a eccezione della Tari) per il 2018 non possono essere aumentate rispetto al 2017.

Prima di passare all’approvazione del bilancio triennale 2018/2020 il sindaco ha rimarcato come lo Stato trasferisca quest’anno al Comune 15 mila euro in meno e, a fronte di una richiesta del consigliere Morreale di diminuire la pressione sui cittadini, si sarebbe aspettato una proposta su dove reperire i fondi per le eventuali coperture. Sono previsti contributi di 25 mila euro dalla Regione, settore Genio Civile, per sistemazione alveo e risagomatura del Rio Castellania con rimozione di piante e ghiaia. Sono previsti in entrata 21 mila euro da vendita di loculi e oneri urbanizzazione. Comunque il bilancio di previsione è mirato in buona sostanza al mantenimento dei servizi in essere.

La seduta si è conclusa con l’approvazione del piano intercomunale di Protezione Civile con capofila Cassano Spinola, Sardigliano, Sant’Agata Fossili, Carezzano e Villalvernia. Manca, per evidenti motivi, dopo l’accorpamento con Cassano, il Comune di Gavazzana.
12/02/2018
Giampaolo Pepe - novionline@novionline.net







blog comments powered by Disqus


Novi-Tortona, dopo l'ospedale ora lo scontro è sui servizi sociali

Novi Ligure | I consorzi dei servizi sociali di Novi e Tortona sono destinati a essere accorpati. Ma è già scontro su chi dovrà guidare il nuovo ente e come dovrà essere finanziato. E Muliere chiama a riunione la nuova Consulta della sanità

Ristrutturazione in vista per il palazzetto dello sport

Serravalle Scrivia | Previsti interventi di ristrutturazione e ampliamento al palazzetto dello sport di Serravalle Scrivia per una spesa di 648 mila euro. Il Coni ha già detto sì al progetto

Poesia protagonista nella rassegna Un libro in galleria

Novi Ligure | Altro appuntamento della rassegna Un libro in galleria: questa settimana, a essere presentati alla galleria Pagetto di Novi Ligure saranno le raccolte poetiche "Vedere al buio" di Mauro Ferrari e "La casa bianca" di Emanuele Spano, pubblicati da puntoacapo Editrice

Dieci anni di Anioc, i Cavalieri vanno a convegno

Francavilla Bisio | Da dieci anni nella zona di Novi Ligure è attiva una delegazione dell'Anioc, l'associazione degli insigniti di onorificenze cavalleresche. Mario Mazzarello chiama a raccolta gli iscritti per un convegno a Francavilla Bisio

Ai Giovedì Culturali scienziati a confronto sui cambiamenti climatici

Alessandria | Riccardo Valentini, membro dell’Intergovernmental Panel on Climate Change a cui è stato conferito il Nobel nel 2007, parlerà con Paola Rivaro, nota per le sue ricerca in Antardide, della necessità di una nuova economia e una nuova etica politica per accompagnare la crescita della nostra società verso forme più sostenibili in grado di lasciare alle nuove generazioni un futuro più sicuro e accogliente