Opinioni

Alessandria, la città dei 'paletti dissuasori': ma sono legali?

"Sarebbe opportuna una …seria….valutazione da parte della Pubblica Amministrazione sulla questione, onde evitare ulteriori problematiche al proposito onde favorire anziché “intralciare” il commercio e l’eventuale risarcimento danni agli “sventurati” automobilisti"

OPINIONI - Circolando per le vie della città, non si può far a meno di notare la quantità incredibile di “paletti dissuasori” che sono stati posti ai margini del manto stradale ad ipotetica salvaguardia del “parcheggio selvaggio”, anche con evidente dispendio di denaro pubblico.v

Buon ultima la “trovata” di restringere l’ingresso di Via Dante, onde evitare il parcheggio di 2/3 automobili in divieto di sosta, conclusione: maggior pericolo per pedoni ed automobilisti in transito, ostacolo al commercio per coloro i quali hanno attività in quel luogo, spesa pubblica aumentata, inutilità dei lavori, piazzetta creata inutilmente etc. etc..

Data la nostra attività, siamo sovente in trasferta in altre città, italiane ed europee ma, mai ci siamo trovati di fronte a cotanta solerzia “dissuasiva”. Ciò rappresenta anche un notevole ostacolo e pericolo per l’incolumità, non solo degli automobilisti ma anche per gli sventurati pedoni che, oltrepassando casualmente la linea demarcata da tali oggetti, si trovano immancabilmente a stretto contatto con le vetture sopraggiungenti.

Non parliamo poi, del “pericolo” che i “paletti dissuasori”, rappresentano proprio per gli automobilisti che, in caso di necessità di “scarto improvviso” (ad esempio per evitare un cagnolino che improvvisamente decide di attraversare la strada), o di un ciclista (non scordiamo che Alessandria, in tal senso, fa buona concorrenza alle città del Nord Europa per l’uso della bicicletta), che a volte si trova l’ostacolo avanti a se!!!

Sorge poi il fondato dubbio che tali “paletti dissuasori”, siano posti illegalmente, non tanto per l’averli piazzati ma per il come lo sono stati. Infatti invadono la carreggiata stradale, limitando la larghezza della medesima e riducendo il manto percorribile delle già anguste vie cittadine, particolarmente nel centro di Alessandria Al limite, dovrebbero essere posti all’interno dei marciapiedi!!!. Al proposito, sarà nostra premura contattare le competenti Autorità (ovviamente a livello Nazionale e non locale) in materia di viabilità e sicurezza, onde avere conferma sulla legittimità o meno di tali strumenti.

Sorge anche il dubbio che, ove siano stati piazzati da privati per delimitare la loro proprietà, essendo installati su suolo pubblico, non sia stata chiesta l’autorizzazione e pagata la relativa “tassa di occupazione suolo pubblico”. Sarebbe opportuna una …seria….valutazione da parte della Pubblica Amministrazione sulla questione, onde evitare ulteriori problematiche al proposito onde favorire anziché “intralciare” il commercio e l’eventuale risarcimento danni agli “sventurati” automobilisti che dovessero inavvertitamente o per manovre di sicurezza, urtare i medesimi.


Globo Consumatori
Sede Nazionale Via Cremona 6 – 15121 Alessandria (AL)
Tel.: +39 0131 261455 r.a. – Fax: +39 0131 317130 r.a.
15/12/2017
GloboConsumatori Alessandria - redazione@alessandrianews.it







blog comments powered by Disqus


Terapista della neuro e psicomotricità dell'età evolutiva e psicomotricista: ecco le differenze

Salute | Spesso si sente parlare di psicomotricità che fa bene ai bambini, a chi rivolgersi, quando e perchè?

Un affare di famiglia

Cinema | "Tutte le famiglie felici si assomigliano fra loro, ogni famiglia infelice è infelice a suo modo". Sembra nascere e crescere sotto questo assunto, l’ultima opera cinematografica - vincitrice della Palma d'oro la scorsa primavera al Festival di Cannes - del giapponese Kore'eda, indefesso e acuto esploratore della complessità dei legami familiari già nei suoi precedenti film

Drin drin fa il campanello

Opinioni | Prendere una strada contro mano, senza scampanellare o almeno rallentare, sembra diventato uno sport nazionale. Ormai è facile vedere uno che fila come un razzo sul marciapiede, facendosi largo tra i pedoni che vi transitano. Non credo che si possa andare avanti così. Credo, piuttosto, che sia necessaria qualche regolata

Sulla mia pelle

Cinema | Il regista Alessio Cremonini sottolinea senza enfasi ma con rigore, nel racconto delle ultime ore di vita di Stefano Cucchi, il progressivo e colpevole scivolamento in un buco nero di violenza esibita o trattenuta, lassismo, incapacità. Alessandro Borghi dimagrito diciotto chili, è misurato nell’interpretazione ma intenso così come Jasmine Trinca, che ultimamente non sbaglia un colpo a ogni ruolo

Il “carabiniere volante” – un tortonese asso dell’aviazione nella Prima Guerra Mondiale

Intervistando la storia |  A poco più di cent’anni dopo la realizzazione del Volo su Vienna da parte dei Gabriele d’Annunzio, grazie alle ricerche di Paolo Varriale, da lui pubblicate in “Gli assi italiani della Grande Guerra”, abbiamo il piacere di intervistare un nostro conterraneo asso dell’aviazione italiana di quegli anni: il tortonese Ernesto Cabruna