Lo scaffale

"Ape Pinu e fuco Fra", un esempio di creatività a quattro mani

Il libro è impreziosito dai disegni degli allievi del Liceo Artistico “Carlo Carrà” di Valenza – indirizzo Arti Figurative – della professoressa Licia Pagano che paiono sprigionare l’anima assopita del tratto di penna

LO SCAFFALE - "Ape Pinu e fuco Fra" di Albina Bersano e Stefania Tavarone – Stamperia21 – 2017.

Nella stagione speciale della rinascita della letteratura per l’infanzia la favola, forma narrativa oggetto di crescente interesse per le case editrici, si caratterizza da sempre per arrivare diritta all’anima dei bambini ma anche degli adulti per il semplice meccanismo che, spingendo il lettore di ogni età all’identificazione con il protagonista, fa saltare le difese razionali aiutandolo a vedere la realtà sì nella sua crudezza ma a riconoscere il male e il bene, i vizi e le virtù. Mentre la parola, più generosa rispetto ad altre forme di scrittura, grazie anche a un diverso statuto, manifesta una capacità quasi unica di estendersi nel tempo e nello spazio. 
Ogni scrittore, si sa, ha un suo linguaggio privato che utilizza strumenti e stilemi sempre diversi. La favola dal titolo “Ape Pinu e fuco Fra”, che si presente con un’elegante livrea di colore giallo scritta da Albina Bersano e Stefania Tavarone, è un esempio di creatività a quattro mani, dove l’individualità si fonde nel lavoro di coppia generando un testo didattico permeato di passione. 
Grazie all’attenzione delle due Autrici, che mettendo a disposizione la loro esperienza nel campo della formazione hanno costruito un percorso a più livelli adatto a tutte le età, l’originalità sta nelle succulenti pillole di erudizione. 
Impreziosito dai disegni degli allievi del Liceo Artistico “Carlo Carrà” di Valenza – indirizzo Arti Figurative – della professoressa Licia Pagano che paiono sprigionare l’anima assopita del tratto di penna, la diversità sta nella freschezza intrinseca del gioco drammaturgico come valore unico e immortale della favola.

Albina Bersano – Borgoratto Alessandrino, 1964 – forte dei diplomi di Maturità Tecnica Commerciale ed Educatrice professionale e l’attestato di Operatore di Fattorie Didattiche, pur operando a più livelli e differenziando le sue molteplici esperienze, concentra l’attività lavorativa nella conduzione dell’Azienda Agricola “Cascina dei Moggia” della quale è titolare. Come coltivatrice diretta ne certifica la produzione “biologica” per il settore apistico e senza paragoni può vantare un’attività didattica storica all’interno del progetto GIALLO come il MIELE facendo risalire i primi laboratori al 2015 presso la Scuola dell’Infanzia “Bovio” di Alessandria. E’ vincitrice del Premio Nazionale “Oscar Green” promosso dalla Coldiretti Giovani Impresa in collaborazione con la rivista Campagna Amica per la categoria “originalità nella diversificazione”. Stefania Tavarone – Acqui Terme 1976 – dopo la laurea a pieni voti in Scienze Politiche indirizzo Amministrativo presso la Facoltà di Genova inizia l’attività lavorativa sperimentando con successo l’innata attitudine nell’organizzazione del lavoro sia di squadra che individuale. Riconosciuta ben presto la vera vocazione, quella della valorizzazione della natura e dell’ambiente, non esita a riprendere gli studi approfondendo il mondo apistico e dei mieli che genera la nascita di una fiorente attività imprenditoriale “L’ape Ste”. Senza trascurare la didattica impegnandosi come responsabile nel progetto “apiario Sociale” della Casa di Reclusione di San Michele.





 
2/12/2017







blog comments powered by Disqus


Autodifesa al femminile: quando un corso è realmente efficace

Opinioni | Se è vero che la donna è meno forte e fisicamente strutturata in modo diverso rispetto all’uomo, è altrettanto vero che dispone di risorse aggressive sufficienti a scoraggiare o neutralizzare temporaneamente un aggressore. Combattere questa condizione di “soggezione psicologica” e rifiutare la condizione di vittima a priori è il primo passo per pensare di potersi difendere

20 aprile 1943: la grande fuga dal Forte di Gavi

Intervistando la storia | Dal gennaio 1942 al settembre 1943 il Forte di Gavi fu utilizzato dal Regio Esercito Italiano come “Campo N°5 per ufficiali pericolosi”. Grazie all’uscita del libro “Un uomo in fuga” di David Guss, possiamo fare qualche domanda agli autori di un tentativo di fuga (quasi) riuscito

Via Giordano Bruno: il cemento al posto del verde

Opinioni | Lo spazio centrale della via, pensato e progettato come una lunga aiuola verde, è stato, per una parte, già coperto dal cemento, mentre la restante è predisposta per esserlo. Una decisione e una modifica del progetto assunta senza suscitare, credo, proteste o clamori. Ma è con queste sbrigative “soluzioni” che la città diventa, non solo meno verde, ma più brutta e più triste

Letture per l’Attesa

Opinioni | La lettura è un prezioso strumento per i mesi di attesa dentro e fuori. Come orientarsi nella miriade di libri presenti in commercio? Quali devono essere le caratteristiche di una lettura perfetta in attesa?

Nel segno dei padri. La storia di Guglielmina e Peter

Lo scaffale | Se né le colpe né i meriti dei padri devono ricadere sui figli, la storia per questi due figli della guerra ha lasciato loro in dono una responsabilità molto forte. La responsabilità di raccontare, di capire, di comprendere, di perdonate, di riconciliare