Mondiali di Calcio 2018

Capitali Mondiali

Siamo quasi all'epilogo di questa lunga contesa, e il duello finale sarà quello più logico. Quello tra l'unica squadra che ha dimostrato di avere sempre la situazione sotto controllo, la Francia, e la nazionale che più di tutte è riuscita a coniugare fame, agonismo ed equilibrio, la Croazia

Siamo quasi all’epilogo di questa lunga contesa, e il duello finale sarà quello più logico. Quello tra l’unica squadra che ha dimostrato di avere sempre la situazione sotto controllo, la Francia, e la nazionale che più di tutte è riuscita a coniugare fame, agonismo ed equilibrio, la Croazia.
Intanto, per assistere alle due semifinali del Campionato del Mondo, ci siamo dovuti rassegnare a trasferirci nelle due capitali di questo immenso Paese, dopo aver respirato il futuro ad Ekaterinburg, oltre gli Urali, a Kazan, sulle rive del Volga e a Soči sul Mar Nero. In quelle metropoli, che la nostra curiosità inaridita ci impedisce di conoscere, abbiamo visto tutte le sfumature di una Russia che è molto di più che la grande caldaia d’Europa. E’ un fuoco turbolento e adolescente, con i grattacieli ben svettanti e la miseria ben nascosta agli occhi dei tifosi di tutto il pianeta, per una di quelle operazioni di igiene mediatica in cui si stanno specializzando gli stati di ogni ordinamento. Ma ciò a cui non riesci a sfuggire, se spalanchi bene lo sguardo e la mente, è che questa Russia europea è sempre più asiatica, sempre di più un lembo di Cina che si allunga verso di noi, piuttosto che un avamposto occidentale come in passato.

Lo capisci anche a San Pietroburgo dove, un tempo non lontano, per la Francia e la metà del Belgio sarebbe stato come giocare in casa; in un salotto di ottimo gusto dove tutti parlavano francese. Era questa la lingua delle persone colte; di un mondo estremo che produceva Tolstoj, Dostoevskij, Cechov e Gogol’ ma doveva esprimersi come a Versailles, per farsi accettare. Il derby di due giorni fa, in cui i Bleus hanno sancito contro i Diavoli Rossi la loro superiorità tattica e mentale, è stato invece una cosa per stranieri per il pubblico neutrale di questa città dai molti nomi, che con il calcio non ha mai avuto un grande feeling, nonostante i fasti recenti dello Zenit.

Il football era una cosa per moscoviti, quando era una città piena di fabbriche e operai, e il calcio dilagò, come avvenne ovunque, tra il popolo, che ancor prima dei soviet fondava i football club. Lo racconta bene Mario Alessandro Curletto nel suo piccolo magnifico libro ‘Spartak Mosca’edito da Il Melangolo, che attraverso l’epopea dei fratelli Starostin dice, della traiettoria e dei destini segnati del socialismo reale, molto di più che tanti trattati di storia. Ed è un peccato che non sia stato lo Spartak Stadium ma il sontuoso Lužniki, ad ospitare l’impresa croata contro un’Inghilterra con troppi giovani a difendere la troppa voglia di riscatto degli inventori del gioco. La squadra di Southgate ha perso con eleganza e dignità, lasciando a Modric, Perisic e Mandzukic il compito di impedire alla Francia di conquistare il secondo mondiale.

Noi la aspettiamo qui a San Pietroburgo, per la finale terzo e quarto posto che ovviamente è stata assegnata a questa ex capitale, che la storia dei sogni e del tramonto della Rivoluzione la racconta con l’urbanistica. La aspettiamo seguendo i consigli dello scrittore parmigiano Paolo Nori, mescolando vodka Diplomat e birra Baltica 9, guardando sulla facciata di un caseggiato di edilizia popolare sovietica la gigantesca scritta JA LJUBLJU TEBJA, ti amo.

Dasvidania Tovarishes.

12/07/2018
Simone Farello







blog comments powered by Disqus


Tra Piacenza e Tortona: il destino di Maiorano, ultimo imperatore di Roma

Intervistando la storia | Molti fanno risalire, convenzionalmente, la fine dell’Impero Romano alla deposizione di Romolo Augustolo nel 476 d.C. Altri, invece, considerano come ultimo imperatore romano d’Occidente un personaggio quasi sconosciuto al di fuori della cerchia degli studiosi: Giulio Valerio Maiorano

L’urbanistica della civiltà

Opinioni | L’organicità dell’attività di pianificazione è fondamentale nella misura in cui stabilire come si percorre la città presuppone a monte un’idea di città e di uso dei suoi spazi, senza farsi spaventare dai tempi di un’operazione inevitabilmente complessa. Parliamone

Paolo VI, oltre la “falange di Cristo Redentore”

Opinioni | Domani sarà canonizzato Paolo VI; l’occasione suggerisce un ritorno alla sua vicenda, dal punto di vista della storia della Chiesa e in considerazione della centralità di un personaggio troppo dimenticato dall’opinione pubblica anche cattolica

Ritratto di cena con artista, una mostra che racconta l'arte di rappresentare il cibo

Opinioni | A Valenza una mostra per raccontare l’arte di rappresentare il cibo. Tra le opere esposte una selezione di dipinti della collezione d’arte del Centro comunale di cultura cui si aggiungono lavori di artisti e designer contemporanei

Missione compiti!

Scuola | I bambini e i ragazzi tendono a far slittare il ‘tempo dei compiti’  preferendo altre attività come quelle ludiche o sportive. I genitori, spesso  le madri, si dividono tra chi vorrebbe seguire i figli in questa attività svolgendo al tempo stesso il ruolo di supervisore, tutor, consigliere e motivatore, e chi invece non vorrebbe proprio occuparsene, chiedendo ai figli un’autonomia di gestione e di organizzazione che non possono avere