Mondiali di Calcio 2018

Capitali Mondiali

Siamo quasi all'epilogo di questa lunga contesa, e il duello finale sarà quello più logico. Quello tra l'unica squadra che ha dimostrato di avere sempre la situazione sotto controllo, la Francia, e la nazionale che più di tutte è riuscita a coniugare fame, agonismo ed equilibrio, la Croazia

Siamo quasi all’epilogo di questa lunga contesa, e il duello finale sarà quello più logico. Quello tra l’unica squadra che ha dimostrato di avere sempre la situazione sotto controllo, la Francia, e la nazionale che più di tutte è riuscita a coniugare fame, agonismo ed equilibrio, la Croazia.
Intanto, per assistere alle due semifinali del Campionato del Mondo, ci siamo dovuti rassegnare a trasferirci nelle due capitali di questo immenso Paese, dopo aver respirato il futuro ad Ekaterinburg, oltre gli Urali, a Kazan, sulle rive del Volga e a Soči sul Mar Nero. In quelle metropoli, che la nostra curiosità inaridita ci impedisce di conoscere, abbiamo visto tutte le sfumature di una Russia che è molto di più che la grande caldaia d’Europa. E’ un fuoco turbolento e adolescente, con i grattacieli ben svettanti e la miseria ben nascosta agli occhi dei tifosi di tutto il pianeta, per una di quelle operazioni di igiene mediatica in cui si stanno specializzando gli stati di ogni ordinamento. Ma ciò a cui non riesci a sfuggire, se spalanchi bene lo sguardo e la mente, è che questa Russia europea è sempre più asiatica, sempre di più un lembo di Cina che si allunga verso di noi, piuttosto che un avamposto occidentale come in passato.

Lo capisci anche a San Pietroburgo dove, un tempo non lontano, per la Francia e la metà del Belgio sarebbe stato come giocare in casa; in un salotto di ottimo gusto dove tutti parlavano francese. Era questa la lingua delle persone colte; di un mondo estremo che produceva Tolstoj, Dostoevskij, Cechov e Gogol’ ma doveva esprimersi come a Versailles, per farsi accettare. Il derby di due giorni fa, in cui i Bleus hanno sancito contro i Diavoli Rossi la loro superiorità tattica e mentale, è stato invece una cosa per stranieri per il pubblico neutrale di questa città dai molti nomi, che con il calcio non ha mai avuto un grande feeling, nonostante i fasti recenti dello Zenit.

Il football era una cosa per moscoviti, quando era una città piena di fabbriche e operai, e il calcio dilagò, come avvenne ovunque, tra il popolo, che ancor prima dei soviet fondava i football club. Lo racconta bene Mario Alessandro Curletto nel suo piccolo magnifico libro ‘Spartak Mosca’edito da Il Melangolo, che attraverso l’epopea dei fratelli Starostin dice, della traiettoria e dei destini segnati del socialismo reale, molto di più che tanti trattati di storia. Ed è un peccato che non sia stato lo Spartak Stadium ma il sontuoso Lužniki, ad ospitare l’impresa croata contro un’Inghilterra con troppi giovani a difendere la troppa voglia di riscatto degli inventori del gioco. La squadra di Southgate ha perso con eleganza e dignità, lasciando a Modric, Perisic e Mandzukic il compito di impedire alla Francia di conquistare il secondo mondiale.

Noi la aspettiamo qui a San Pietroburgo, per la finale terzo e quarto posto che ovviamente è stata assegnata a questa ex capitale, che la storia dei sogni e del tramonto della Rivoluzione la racconta con l’urbanistica. La aspettiamo seguendo i consigli dello scrittore parmigiano Paolo Nori, mescolando vodka Diplomat e birra Baltica 9, guardando sulla facciata di un caseggiato di edilizia popolare sovietica la gigantesca scritta JA LJUBLJU TEBJA, ti amo.

Dasvidania Tovarishes.

12/07/2018
Simone Farello







blog comments powered by Disqus


Via Giordano Bruno: il cemento al posto del verde

Opinioni | Lo spazio centrale della via, pensato e progettato come una lunga aiuola verde, è stato, per una parte, già coperto dal cemento, mentre la restante è predisposta per esserlo. Una decisione e una modifica del progetto assunta senza suscitare, credo, proteste o clamori. Ma è con queste sbrigative “soluzioni” che la città diventa, non solo meno verde, ma più brutta e più triste

Letture per l’Attesa

Opinioni | La lettura è un prezioso strumento per i mesi di attesa dentro e fuori. Come orientarsi nella miriade di libri presenti in commercio? Quali devono essere le caratteristiche di una lettura perfetta in attesa?

Nel segno dei padri. La storia di Guglielmina e Peter

Lo scaffale | Se né le colpe né i meriti dei padri devono ricadere sui figli, la storia per questi due figli della guerra ha lasciato loro in dono una responsabilità molto forte. La responsabilità di raccontare, di capire, di comprendere, di perdonate, di riconciliare

Bernardo Bertolucci: “The Dreamer”

Cinema | Dalle radici contadine e parmensi il regista aveva istituito sin da ragazzo (e dalle prime opere giovanili) una sorta di naturale prossimità ma anche di salutare distanza, che gli rese possibile raccontare, negli anni, uomini e mondi distanti anni luce rispetto a quelli che avevano fatto da culla alla sua arte

Scienza e relativismo post-moderno

Opinioni | Quando l’obbiettivo è l’essere umano, con tutta la sua complessità e con le sue credenze spirituali o esoteriche, non ci sono prove sperimentali che possano sostenere le affermazioni dei ciarlatani, anzi, nella stragrande maggioranza dei casi, è possibile smentire queste affermazioni...