Opinioni

Drin drin fa il campanello

Prendere una strada contro mano, senza scampanellare o almeno rallentare, sembra diventato uno sport nazionale. Ormai è facile vedere uno che fila come un razzo sul marciapiede, facendosi largo tra i pedoni che vi transitano. Non credo che si possa andare avanti così. Credo, piuttosto, che sia necessaria qualche regolata

OPINIONI - Sto tranquillamente camminando lungo il marciapiede del viale quando, dietro di me, sento il suono di un campanello e una vocina che dice: “scusi signore…signore…”. Mi giro e vedo un ragazzotto in bicicletta che mi guarda, proprio dietro di me. “Signore…”

Guardo meglio e, sì, ha proprio ragione lui. O, meglio, non ha ragione del tutto perché io non sto camminando sulla pista ciclabile, ma questa è così ingombra di pasticci che il ragazzotto non ha potuto fare a meno di evitarla anche lui. Dietro noi due, infatti, sulla ciclabile fanno bella mostra di loro un camion in fase di scaricamento di scatoloni, un’auto parcheggiata per traverso e, addirittura, qualche deiezione canina.

La cosa che mi intriga più di tutte, comunque, è la sua scampanellata. Ai miei bei tempi, ricordo ancora come l’aria fosse piena di scampanellate delle “borsaline” che uscivano dalla fabbrica e si disperdevano nel centro della città. Tutti le guardavano, soprattutto gli uomini, ma io ero ancora troppo giovane per guardarle così. Mi fermavo, osservavo, battevo le mani e basta,

Poi, a un certo punto, le “borsaline” scomparvero e con loro i campanelli. Da quel momento mi sembrò che il loro uso si facesse più rado, come le biciclette o forse no. Adesso, sembra che i campanelli non li adoperi più nessuno. I ciclisti ti sfrecciano accanto senza fare alcun rumore, come se fossero silenziosi killer. Beh, magari proprio killer no, ma comunque pronti a spedirti all’ospedale se tu fai un passetto di lato o ti fermi di botto.

E la situazione peggiora. Prendere una strada contro mano, senza scampanellare o almeno rallentare, sembra diventato uno sport nazionale. Ormai è facile vedere uno che fila come un razzo sul marciapiede, facendosi largo tra i pedoni che vi transitano. Pedoni, badate bene, che dalle mie parti sono spesso donne anziane con tanto di badante, le quali si scansano come possono, gettando veri e propri urli di terrore.

Non credo che si possa andare avanti così. Credo, piuttosto, che sia necessaria qualche regolata. Ad esempio, si potrebbero curare meglio le piste ciclabili che già ci sono, aumentandone il numero e, magari multando chi le invade indebitamente con ogni ingombro possibile e immaginabile. Poi, fare la stessa cosa con i ciclisti killer che straripano per ogni dove. Persino i ragazzini, ormai, attraversano le strisce pedonali senza manco scendere dalla bicicletta e mettendo in gioco il loro collo sulla circonvallazione.

Non so se esiste un patentino per i ciclisti ma, se non c’è, forse sarebbe il caso di istituirlo oppure, se c’è, di sospenderlo a chiunque venga sorpreso mentre fa le manovre che dicevo.
È possibile? Se sì, staremmo veramente tutti più tranquilli. Davvero.
22/09/2018
Giancarlo Patrucco - redazione@alessandrianews.it







blog comments powered by Disqus


Centostazioni

Opinioni | Con il termine "Centostazioni”, si definiva una società per azioni che era nata per riqualificare, valorizzare e gestire 103 stazioni italiane, con azionista di maggioranza le Ferrovie dello Stato. Il 15 novembre 2016, le FF.SS. ne divennero proprietarie al 100%. Cosa è successo da allora? E Alessandria?

I ponti di “Cultura e Sviluppo”

Opinioni | “Cultura e Sviluppo”, questa volta ha parlato di sé, non per celebrarsi, ma per ragionare sulle sue ispirazioni, sui suoi contenuti e metodi e sui suoi risultati, dopo quasi tre decenni di attività.

A Star is Born

Cinema | Il film, tra i più visti nelle sale italiane negli ultimi giorni, è fondamentalmente un melodramma che, nonostante l’impegno e la bravura dei suoi interpreti, non si discosta dai cliché del genere, un po’ convenzionale sia a livello narrativo che stilistico

Tra Piacenza e Tortona: il destino di Maiorano, ultimo imperatore di Roma

Intervistando la storia | Molti fanno risalire, convenzionalmente, la fine dell’Impero Romano alla deposizione di Romolo Augustolo nel 476 d.C. Altri, invece, considerano come ultimo imperatore romano d’Occidente un personaggio quasi sconosciuto al di fuori della cerchia degli studiosi: Giulio Valerio Maiorano

L’urbanistica della civiltà

Opinioni | L’organicità dell’attività di pianificazione è fondamentale nella misura in cui stabilire come si percorre la città presuppone a monte un’idea di città e di uso dei suoi spazi, senza farsi spaventare dai tempi di un’operazione inevitabilmente complessa. Parliamone