Opinioni

Il Procione Luminoso: anche un nobel può dire bufale

Ovvero: A volte non è necessario prendere LSD per fare disinformazione

OPINIONI - Se leggiamo un articolo, un libro o anche solo un tweet scritto da una persona autorevole o con responsabilità pubblica pensiamo sia vero ma non è sempre così. A volte anche i premi nobel hanno sostenuto autentiche sciocchezze!, meno sorprendente che queste arrivino invece da politici o giornalisti.

Spesso ci lascia cadere nella tentazione di credere condividere notizie e informazioni che confermano le nostre credenze o preconcetti nei più svariati campi dalla politica alla medicina al clima. Sta nell'animo umani rifugiarsi nelle proprie certezze che non metterle in discussione. E se la notizia arriva da una persona da noi ritenuta fidata perché autorevole, scienziato oppure affine alle nostre idee politiche / morali allora diamo per scontato che sia sempre vera.

Spesso bufale o notizie date in modo non corretto o fuori dal loro contesto sono fatte di proposito per fini di propaganda. I politici spesso fanno largo uso di queste tecniche e sapendo che chi li sostiene è disposto a sostenerli o a cercare giustificazioni anche contro ogni evidenza. Abbiamo esempi nei campi più disparati da tutto lo schieramento politico:
dal tema dell'immigrazione, Salvini http://www.butac.it/salvini-gli-jihadisti-e-la-disinformazione/ agli OGM con Elena Fattori http://cattaneo-lescienze.blogautore.espresso.repubblica.it/2015/05/26/lonesta-andra-di-moda/ fino a quello della ricerca scientifica e l'ex-ministra Giannini http://cattaneo-lescienze.blogautore.espresso.repubblica.it/2016/02/14/due-parole-al-ministro-giannini/

Ad esempio sul tema caldo degli scorsi mesi, poi i vaccini si è visita un'esplosione di bufale e disinformazione. In questo caso spesso a condividere notizie false non verificate sono state persone istruite, molte volte addirittura persone che lavorano in ambito sanitario. In parte sono persone che approfittano della loro posizione sociale per speculare sulla credulità e buona fede della gente. Altre son vittime del fatto che possedere un titolo di studi anche elevato come laurea, un dottorato o addirittura un premio Nobel non significa essere esperti ed autorevoli su tutto anzi in un mondo complesso come quello di oggi si può essere veramente esperti su un campo molto limitato. In questo articolo ad esempio si parla “dell'ignoranza degli istruiti”
Esiste addirittura una sindrome da premi Nobel http://www.skepdic.com/nobeldisease.html.

Qui Dario Bressanini https://www.youtube.com/watch?v=EF0CvkLxGr4&feature=youtu.be ci racconta la storia di qualche premio Nobel che è "sbarrellato" come Kary Mullis premio nobel in medicina che è diventato un negazioni sta dell'Aids oltre a sostenere di essere rapito dagli alieni e di vedere procioni luminosi (ma questo per effetto del Lsd). Oppure James Watson che ha scoperto la struttura del Dna ma poi sostenne che gli africani hanno un'intelligenza inferiore.

Ecco altri esempi di scienziati, giornalisti o attivisti per l'ambiente che probabilmente hanno fatti prevalere le loro convinzioni ed ideali rispetto ai dati reali ed oggettivi:

Luc Montagnier. premio nobel che per ricerche svolte negli anni '70 e '80 ha preso nella sua vecchiaia una deriva anti-vaccinista non supportata da alcuna prova scientifica http://www.butac.it/montagnier-le-vaccinazioni-e-lanzianita/

Giulietto Chiesa. Stimato giornalista e corrispondete estero, che a partire dal 2001 con l'attentato alle Torri Gemelle sostiene alcune teorie del complotto sull'attentato scontrandosi con il noto debunker Paolo Attivissimo (qui un articolo che in modo ironico https://attivissimo.blogspot.it/2011/08/giulietto-chiesa-e-un-agente-del-nuovo.html risponde ad alcune teorie di Chiesa).

Vandana Shiva. La affidabilità della famosa attivista Indiana che si batte contro le multinazionali e la Monsanto in particolare, è stata messa in dubbio https://www.newyorker.com/magazine/2014/08/25/seeds-of-doubt dal fatto che portare avanti le sue cause utilizza dati falsi o non correttamente interpretati Le correlazioni fra fra suicidi di contadini indiane e Ogm che si è dimostrata inconsistente, come mostrato qui http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/10/02/l%E2%80%99inesistente-legame-tra-suicidi-e-cotone-ogm-parte-2/369869/

Infine Come difendersi da tutto ciò? Valutare l'affidabilità dell'affermazione stessa e non l'autorità del suo autore.


 
28/11/2017







blog comments powered by Disqus


Autodifesa al femminile: quando un corso è realmente efficace

Opinioni | Se è vero che la donna è meno forte e fisicamente strutturata in modo diverso rispetto all’uomo, è altrettanto vero che dispone di risorse aggressive sufficienti a scoraggiare o neutralizzare temporaneamente un aggressore. Combattere questa condizione di “soggezione psicologica” e rifiutare la condizione di vittima a priori è il primo passo per pensare di potersi difendere

20 aprile 1943: la grande fuga dal Forte di Gavi

Intervistando la storia | Dal gennaio 1942 al settembre 1943 il Forte di Gavi fu utilizzato dal Regio Esercito Italiano come “Campo N°5 per ufficiali pericolosi”. Grazie all’uscita del libro “Un uomo in fuga” di David Guss, possiamo fare qualche domanda agli autori di un tentativo di fuga (quasi) riuscito

Via Giordano Bruno: il cemento al posto del verde

Opinioni | Lo spazio centrale della via, pensato e progettato come una lunga aiuola verde, è stato, per una parte, già coperto dal cemento, mentre la restante è predisposta per esserlo. Una decisione e una modifica del progetto assunta senza suscitare, credo, proteste o clamori. Ma è con queste sbrigative “soluzioni” che la città diventa, non solo meno verde, ma più brutta e più triste

Letture per l’Attesa

Opinioni | La lettura è un prezioso strumento per i mesi di attesa dentro e fuori. Come orientarsi nella miriade di libri presenti in commercio? Quali devono essere le caratteristiche di una lettura perfetta in attesa?

Nel segno dei padri. La storia di Guglielmina e Peter

Lo scaffale | Se né le colpe né i meriti dei padri devono ricadere sui figli, la storia per questi due figli della guerra ha lasciato loro in dono una responsabilità molto forte. La responsabilità di raccontare, di capire, di comprendere, di perdonate, di riconciliare