Opinioni

L'evoluzione della società da contadina a terziaria e la demografia della provincia

Nel ventennio 1951-1971 il grande esodo verso i centri zona.Dagli anni '70 inizia un progressivo calo demografico e invecchiamento della popolazione solo in parte attenuato dall'immigrazione fra il 2001 e il 2011

OPINIONI - Dai dati dei censimenti Istat possiamo vedere come è cambiata la distribuzione e il numero degli abitanti in provincia di Alessandria dal 1861 ad oggi. È interessante notare come sia cambiata in maniera sostanziale la distribuzione degli abitanti oltre che il loro numero. Ed è uno fra i vari indicatori del tipo di società, che in solo 150 anni è totalmente cambiata come mai prima (non solo qui ovviamente).

Nel 1861, la provincia (con Asti già scorporata dal conto) contava 438.000 abitanti, di questi circa il 71% viveva in paesi. Alessandria con circa 50.000 abitanti rappresentava circa il 12% della popolazione provinciale. Era una società povera basata sull’agricoltura, anche nelle zone montane dell’Appennino come Carrega Ligure che contava ben 3.200 abitanti. All’epoca ad esempio la mortalità infantile era del 320 per mille, un tasso di fertilità di 5 figli per donna, la speranza di vita di circa 30 anni.

Nel 1911, poco era cambiato, con oltre il 66% degli abitanti concentrati nei centri minori. La provincia nel suo complesso è intorno al numero massimo di abitanti. A partire da questa data inizia un primo lento esodo dalle campagne ai centri industriali. Nel 1951, all'inizio del boom economico la percentuale di chi abita nei piccoli centri supera ancora il 55%.

Nel ventennio 1951-1971 si ha il grande esodo verso i centri zona che ormai raccolgono oltre il 5% degli abitanti della provincia, e Alessandria da solo oltre il 20%. In questo periodo l’occupazione raggiunge il suo massimo.

Dagli anni '70 poi le proporzioni sono rimaste abbastanza invariate con un tendenza alla diminuzione della popolazione sia nei centri zona sia nel resto della provincia. Inizia un progressivo calo demografico e invecchiamento della popolazione solo in parte attenuato dall'immigrazione fra il 2001 e il 2011.

28/08/2018







blog comments powered by Disqus


Novità positive dalla manifestazione di Roma

Opinioni | Uno degli aspetti più importanti della manifestazione sindacale di sabato 9 febbraio è stato il ritorno all’unità d’azione di Cgil, Cisl e Uil, tanto più necessaria dopo che, nell’ultimo decennio, il sindacato ha duramente pagato lo scotto della crisi

Basta!!!

Opinioni |  La storia di Simona ha colpito l’opinione pubblica per la sua tragicità, suscitando sentimenti di dolore e pietà, ma ha anche acceso i riflettori, nuovamente, sull’inadeguatezza del sistema giuridico italiano, in ambito di violenza di genere, perché ancora una volta ci si ritrova a commentare qualcosa che le Istituzioni avrebbero potuto evitare

“Quando tutto è a portata di un click”

Opinioni | L’importanza di educarsi ed educare ad un uso consapevole delle nuove tecnologie. Proibirne l’uso, oltre che impossibile, sarebbe controproducente perché innescherebbe conflitti e non aiuterebbe a proteggersi dai pericoli della Rete

Food And The City

Life | Le pillole di benessere di Nene. I termini "allergia" e "intolleranza" declinati in ambito alimentare, vengono spesso utilizzati erroneamente come sinonimi ma, in realtà, si tratta di condizioni che hanno cause e sintomi diversi, così come differenti sono i loro percorsi diagnostici e terapeutici

“Mamma Roma” e Pasolini: un difficile incontro

Cinema | Breve viaggio in chiaroscuro fra le pieghe di un connubio artistico complesso e irrisolto: lo scontro tra due modi antitetici di concepire l'arte e il ruolo dell'attore, dal "naturalismo" della Magnani al "manierismo" di Pasolini, sullo sfondo delle case, della pioggia e della luce abbagliante di Cecafumo. “Perché in fondo fare il cinema è una questione di sole”