Opinioni

L'evoluzione della società da contadina a terziaria e la demografia della provincia

Nel ventennio 1951-1971 il grande esodo verso i centri zona.Dagli anni '70 inizia un progressivo calo demografico e invecchiamento della popolazione solo in parte attenuato dall'immigrazione fra il 2001 e il 2011

OPINIONI - Dai dati dei censimenti Istat possiamo vedere come è cambiata la distribuzione e il numero degli abitanti in provincia di Alessandria dal 1861 ad oggi. È interessante notare come sia cambiata in maniera sostanziale la distribuzione degli abitanti oltre che il loro numero. Ed è uno fra i vari indicatori del tipo di società, che in solo 150 anni è totalmente cambiata come mai prima (non solo qui ovviamente).

Nel 1861, la provincia (con Asti già scorporata dal conto) contava 438.000 abitanti, di questi circa il 71% viveva in paesi. Alessandria con circa 50.000 abitanti rappresentava circa il 12% della popolazione provinciale. Era una società povera basata sull’agricoltura, anche nelle zone montane dell’Appennino come Carrega Ligure che contava ben 3.200 abitanti. All’epoca ad esempio la mortalità infantile era del 320 per mille, un tasso di fertilità di 5 figli per donna, la speranza di vita di circa 30 anni.

Nel 1911, poco era cambiato, con oltre il 66% degli abitanti concentrati nei centri minori. La provincia nel suo complesso è intorno al numero massimo di abitanti. A partire da questa data inizia un primo lento esodo dalle campagne ai centri industriali. Nel 1951, all'inizio del boom economico la percentuale di chi abita nei piccoli centri supera ancora il 55%.

Nel ventennio 1951-1971 si ha il grande esodo verso i centri zona che ormai raccolgono oltre il 5% degli abitanti della provincia, e Alessandria da solo oltre il 20%. In questo periodo l’occupazione raggiunge il suo massimo.

Dagli anni '70 poi le proporzioni sono rimaste abbastanza invariate con un tendenza alla diminuzione della popolazione sia nei centri zona sia nel resto della provincia. Inizia un progressivo calo demografico e invecchiamento della popolazione solo in parte attenuato dall'immigrazione fra il 2001 e il 2011.

28/08/2018







blog comments powered by Disqus


Centostazioni

Opinioni | Con il termine "Centostazioni”, si definiva una società per azioni che era nata per riqualificare, valorizzare e gestire 103 stazioni italiane, con azionista di maggioranza le Ferrovie dello Stato. Il 15 novembre 2016, le FF.SS. ne divennero proprietarie al 100%. Cosa è successo da allora? E Alessandria?

I ponti di “Cultura e Sviluppo”

Opinioni | “Cultura e Sviluppo”, questa volta ha parlato di sé, non per celebrarsi, ma per ragionare sulle sue ispirazioni, sui suoi contenuti e metodi e sui suoi risultati, dopo quasi tre decenni di attività.

A Star is Born

Cinema | Il film, tra i più visti nelle sale italiane negli ultimi giorni, è fondamentalmente un melodramma che, nonostante l’impegno e la bravura dei suoi interpreti, non si discosta dai cliché del genere, un po’ convenzionale sia a livello narrativo che stilistico

Tra Piacenza e Tortona: il destino di Maiorano, ultimo imperatore di Roma

Intervistando la storia | Molti fanno risalire, convenzionalmente, la fine dell’Impero Romano alla deposizione di Romolo Augustolo nel 476 d.C. Altri, invece, considerano come ultimo imperatore romano d’Occidente un personaggio quasi sconosciuto al di fuori della cerchia degli studiosi: Giulio Valerio Maiorano

L’urbanistica della civiltà

Opinioni | L’organicità dell’attività di pianificazione è fondamentale nella misura in cui stabilire come si percorre la città presuppone a monte un’idea di città e di uso dei suoi spazi, senza farsi spaventare dai tempi di un’operazione inevitabilmente complessa. Parliamone