Intervistando la storia

L'inno polacco? Nacque in provincia

Un eroe nazionale polacco tra Novi, Serravalle e Ovada: il generale Jan Henryk Dąbrowski. L'inno della Polonia ha a che fare anche con la nostra Provincia. Ecco perché

INTERVISTANDO LA STORIA - Un eroe nazionale polacco tra Novi, Serravalle e Ovada: il generale Jan Henryk Dąbrowski.
Il generale polacco Jan Henryk Dąbrowski (o Dombrowsi, a seconda degli autori) è stato uno dei protagonisti della storia militare europea dell’epoca della Rivoluzione Francese, fino alla caduta di Napoleone e oltre. Il suo ruolo ci è noto grazie al volume “Da Novi a Marengo” di Resi Cibabene e Cesare Simonassi e a un recentissimo studio di Pier Giorgio Fassino appena uscito sulla rivista “Urbs” dell’Accademia Urbense di Ovada.

Generale, è intitolata a lei la “Mazurek Dąbrowskiego”, dal 1926 ad oggi inno nazionale della Polonia?
Sì, è stata composta a Reggio Emilia nel 1797 da Józef Wybicki, un mio ufficiale: dopo l’occupazione della Polonia nel 1795, io e altri patrioti esuli in Francia abbiamo dato vita alla Legione Polacca che partecipò alla Prima Campagna d’Italia.

In effetti, questo inno dice: “Marcia, marcia Dąbrowski, dalla terra italiana alla Polonia”. Nelle terre italiane sulle quali avete combattuto, ci sono anche le nostre?
Certo. Nel dispiegamento di forze volute dal generale Joubert per la Battaglia di Novi (15 agosto 1799), esteso dalla Scrivia alla Vallemme, io ero incaricato di tenere sotto tiro il Forte di Serravalle per impedire ai nemici che lo occupavano di prendere alle spalle l’esercito francese: verso sera, quando gli Austriaci si incunearono tra Novi e Gavi, costringendo i Francesi a ritirarsi passando attraverso la stretta di Pasturana (che si rivelò una trappola mortale), feci giusto in tempo a ritirarmi a Gavi.

Rimase lì, a difenderne il Forte?

No. Ovada era rimasta sguarnita, e occorreva presidiarla per controllare la via di accesso a Genova dalla parte di Voltri. Dato che durante la Battaglia di Novi, di fatto, eravamo rimasti inattivi, l’ordine fu dato a noi. Fu una marcia pericolosa, condotta in inferiorità numerica rispetto agli Austro-Russi vittoriosi e padroni del campo: ma vuoi per il fatto che era il 16 agosto, festa di San Giacinto Odrowaz predicatore domenicano soprannominato l’Apostolo della Polonia” (fu Pio X che spostò la festa al 17), vuoi per le perdite subite dagli stessi Austro-Russi, gravi quanto quelle dei Francesi, che ne condizionarono l’operatività, fatto sta che arrivammo ad Ovada sani e salvi.

Come andarono le cose ad Ovada?
Innanzitutto ci fu la sorpresa di scoprire che anche lì San Giacinto Odrowaz era considerato un santo protettore. Installammo il quartier generale della Legione Polacca prima a Campo Freddo (dal 1884 Campo Ligure), poi, l’11 novembre, nella stessa Ovada, a Palazzo Maineri, ben accolti dalle famiglie più importanti della città, che facevano a gara per ospitare i nostri ufficiali.

Quanto rimaneste?
Giusto un mese: il 12 dicembre ci ritirammo da Ovada per completare il ridispiegamento a ridossi della linea dei Forti e delle Mura di Genova. Iniziò così quell’assedio che terminò con la resa della città nel maggio 1800. Tornato in Francia, venni poi a sapere che, invece, il Forte di Gavi aveva resisto, rimanendo sotto controllo francese fino a dopo la Battaglia di Marengo.

Vi ritiraste a vita privata?
Sì, ma solo dopo essere tornato in Polonia quando, caduto Napoleone, lo zar mi chiamò a riorganizzare l’esercito del Regno di Polonia che, pur come stato vassallo dell’Impero Russo, era stato ricostituito dal Congresso di Vienna nel 1815, e che sopravvisse fino alla rivolta del 1863, soffocata dai Russi nel 1865. I soldati miei compatrioti invocavano: “Marcia, marcia Dąbrowski, dalla terra italiana alla Polonia”, e in questo modo li esaudii.
9/12/2017







blog comments powered by Disqus


Le nuove priorità del terzo millennio

Opinioni | Il mondo aveva come romantica priorità la cultura, la formazione, lo studio. Seguivano, la gestione pubblica del sociale e, al terzo posto, il profitto d’impresa. Oggi le priorità si sono drammaticamente invertite, sia per quanto riguarda i rapporti fra Stati che per quanto concerne i rapporti fra ceti, gruppi, singoli individui...

Le Americhe di Pit Piccinelli, una contagiosa empatia

Opinioni | Una vasta mostra alla Galleria Milano presenta nel capoluogo lombardo disegni e dipinti di questo multiforme personaggio vissuto per moltissimi anni a Ottiglio in Monferrato

Savino da Voltaggio ed Enrichetto da Capriata, balestrieri della Repubblica

Intervistando la storia | Spirito d’avventura, necessità economiche? Non sappiamo cosa veramente spinse molti uomini a lasciare le proprie famiglie in Oltregiogo per andare a combattere, nel Mediterraneo e in tutt’Europa, partecipando alle guerre che Genova, allora potenza marittima paragonabile all’Inghilterra del XIX secolo, combatteva in tutto allora conosciuto. Lo abbiamo chiesto a due balestrieri

Vaccini, la buona informazione non fa male

Opinioni | Siamo arrivati alle scadenze imposte dalla legge Lorenzin, che introdotto l'obbligatorietà di una serie di vaccini, pena la non ammissione dei bambini a scuola e multe per i genitori: giovedì 17 maggio a Ovada si terrà un incontro pubblico con lo scopo di informare correttamente

Opportunità in transito

Opinioni | La recente notizia del varo del piano industriale di Amag Mobilità e la contestuale conferma di un suo buon andamento economico rivela quanto felice sia stata la politica della passata amministrazione comunale sul delicato tema delle società partecipate