Opinioni

La democrazia è ancora un ideale per cui combattere?

Settant’anni fa, i giovani combattevano e morivano per un ideale: dare la possibilità di votare ai posteri. Oggi, i loro coetanei non si interessano più di politica, infatti non vanno neanche a votare. Cos’è successo nel corso della storia che ha provocato questo disinteressamento da parte dei giovani?

 OPINIONI - Settant’anni fa, i giovani combattevano e morivano per un ideale: dare la possibilità di votare ai posteri. Oggi, i loro coetanei non si interessano più di politica, infatti non vanno neanche a votare. Cos’è successo nel corso della storia che ha provocato questo disinteressamento da parte dei giovani? Non si riconoscono più nello Stato o non hanno più voglia di combattere per un ideale?

Il 4 marzo saranno chiamati a votare i cittadini italiani: neomaggiorenni, adulti e anziani. Queste tre fasce d’età sono molto diverse e hanno interessi differenti: forse è proprio per questo che l’impegno della politica e dei suoi rappresentanti non viene percepito e apprezzato allo stesso modo da tutti. Solo il 23,3% della popolazione italiana è sotto i 24 anni (dati ISTAT: distribuzione della popolazione 2017-Italia) e costituisce pertanto una minoranza. Di conseguenza l’orientamento dei politici è verso la soluzione di problemi che interessano la maggior parte della popolazione: tasse, mutui, lavoro, pensioni.

I giovani non si sentono considerati dal Governo e questo senso di sfiducia ha comportato una progressiva crisi di partecipazione alle istituzioni politiche tradizionali. I ragazzi percepiscono una politica lontana dai loro interessi, ma cosa fanno loro per far sentire la propria voce? Ormai tante battaglie non si combattono più in campo, uno vicino all’altro, ma nei forum sui social network, protetti da uno schermo e contando su un’unica arma: la parola. Quest’ultima viene molte volte utilizzata non per sostenere il proprio pensiero, ma con fini offensivi. Ma qual è il pensiero che accomuna tutti i giovani, che li rende partecipi nella lotta per un ideale?

Forse è proprio questo il problema, i ragazzi d’oggi non riescono più a identificarsi in un ideale, perché sono collegati con il mondo, ma scollegati tra di loro. Lo sviluppo tecnologico ha anche comportato una mancanza di desiderio da parte dei giovani: tutto è a portata di click. Non è più presente nell’animo dei ragazzi la tenacia nel perseguire un obiettivo ideologico e non materiale. Conseguentemente, il crescente disinteressamento dei giovani nei confronti della società italiana ha aumentato il numero dei “cervelli in fuga”, che non credono di essere in grado di cambiare la situazione in patria e decidono di andare all’estero, dove il futuro è già in atto.

Gli anni che ci separano dalle lotte partigiane sembrano un ricordo lontano, ma per gli anziani del Paese lo scenario della guerra è ancora troppo nitido. Vedendo il disinteressamento dei loro nipoti nei confronti delle istituzioni, proverebbero imbarazzo ripensando alle parole di Antonio Gramsci: “Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti”. Il voto alle urne rappresenta la democrazia e se vogliamo continuare ad essere cittadini non dobbiamo dimenticarlo. Perché “dietro ogni articolo della Carta Costituzionale stanno centinaia di giovani morti nella Resistenza. Quindi la Repubblica è una conquista nostra e dobbiamo difenderla, costi quel che costi”(Sandro Pertini).
3/03/2018
Elisabetta Distefano - redazione@alessandrianews.it







blog comments powered by Disqus


Da Voltaggio a Roma: Giovanni Battista de Rossi, un “santo del Confessionale”.

Intervistando la storia | La storia del nostro territorio è caratterizzata non solo da grandi personaggi che vennero e agirono qui da noi, ma anche da nostri conterranei che diedero altrove dimostrazione del proprio talento. E’ il caso di Giovanni Battista de Rossi, nato a Voltaggio nel 1698, che trovò la propria vocazione a Roma, dove morì nel 1764

La “Demacrazia” da Napoli ad Alessandria: il 'modello De Magistris' per un’alternativa possibile

Opinioni | Mercoledì 6 il Laboratorio Sociale di Alessandria ha ospitato il sindaco di Napoli Luigi De Magistris per la presentazione del libro di Giacomo Russo Spena 'Demacrazia - Il popolo è il mio partito': "Il diritto non è solo sanzione e divieto, ma un grande strumento di trasformazione sociale se si connette con le masse popolari”

Caos politico e difesa delle istituzioni

Opinioni | Il tema dell’Europa, dell’Unione, della moneta, del ruolo egemonico esercitato dalla Germania sono finalmente diventati argomenti di dibattito e di confronto, mentre erano stati colpevolmente trascurati e rimossi durante l’ultima campagna elettorale

Anna

Opinioni | Nuccio Lodato scrive "Professionista d'eccezione ma soprattutto donna straordinaria. Il suo entusiasmo e il suo sorriso ci mancheranno immensamente. Grazie Anna per tutto quello che hai fatto per la cultura della nostra città". A pochi giorni dalla scomparsa di Anna Tripodi...una vita spesa per il teatro

"Non legare il cuore. La mia storia persiana tra due Paesi e tre religioni" di Farian Sabahi

Lo scaffale | L'autrice propone il racconto di una giovane vita spesa nella costante certezza degli affetti di una famiglia “normale” anche se di tradizioni e costumi differenti e protesa al bene dei piccoli, vera e sublime ipoteca per il futuro