Lo scaffale

La fantasia del Bajkal di Quilici

Nel linguaggio comune, dell'uomo della strada, "fantasia" è sinonimo del contrario della realtà: una sequenza di immagini poco o male connesse fra loro che impediscono l'accesso a una vera e propria conoscenza delle cose...

LO SCAFFALE - La fenice del Bajkal di Folco Quilici Formato Kindle €6,99

Folco Quilici (Ferrara 1930 - Orvieto 2018) iniziata l'attività amatoriale in campo cinematografico ha studiato regia presso il Centro sperimentale di cinematografia di Roma specializzandosi in riprese sottomarine. Acquistata la grande fama come documentarista si è cimentato anche, nel campo della narrativa. Campo fertile è stato quello del cinema culturale trovando sia in Italia sia all'estero lo spazio per programmi televisivi di grande importanza. Per Rai 3 ha diretto, dal 1971 al 1989, la rubrica Geo. L'impegno nella TV culturale gli sono valsi numerosi premi internazionali come, a esempio, quello del 1976 con il Festival dei Popoli, il Primo Premio della Critica italiana per gli otto film della serie Alla Scoperta dell'India del 1968 e per la festa Barocca del 1983. Ha meritato anche, nel 1977, il Premio della critica Francese per Mediterranéé. Dal 2002 ha collaborato con importanti serie televisive a Sky. Dal 1954 in poi ha pubblicato, in Italia e all'estero, numerose opere di saggistica fino ad arrivare a La Fenice del Bajkal del 2005, Libeccio del 2008 e La Dogana del Vento del 2012.

Nel linguaggio comune, dell'uomo della strada, "fantasia" è sinonimo del contrario della realtà: una sequenza di immagini poco o male connesse fra loro che impediscono l'accesso a una vera e propria conoscenza delle cose. Anche nella storia della letteratura si è a lungo manifestata una simile differenza verso questa singolare capacità della mente umana.
Numerosi filosofi del passato hanno contrapposto all'esercizio dell'immaginazione e della fantasia quello della razionalità, l'unica, a loro dire, capace di condurre alla costruzione di concetti universalmente validi. Per quanto riguarda la letteratura, anche nel nostro secolo, si è spesso voluto privilegiare un tipo di narrativa (ma anche di pittura e di cinema) che rispecchiasse fedelmente la realtà, temendo che procedimenti artistici fantastici (o simbolico-allegorici-o grotteschi o altro) non aiutassero lettori e spettatori a comprendere le caratteristiche del mondo contemporaneo.
Sappiamo oggi (ma lo avevano intuito grandi scrittori e filosofi fin dall''antichità), che la fantasia è un modo complementare o anche alternativo alla ragione per analizzare e interpretare la realtà.
Ne La Fenice del Bajkal l'oceano che descrive l'Autore è diverso anche se la narrazione ci riconduce all'immenso Bajkal. E Marco Arnei e Sara Morasky lo affrontano con la grinta e la spregiudicatezza di un'avventura nuova e, naturalmente, piena d'incognite. Bajkal è il lago più profondo della terra, è gelido e tempestoso ed è la distesa d'acqua più grande della sconfinata regione siberiana. Certo è che nei suoi abissi i due oceanauti devono cercare un aereo italiano perduto nel 1945. Probabilmente quello stesso che aveva a bordo i diari di Mussolini destinati all'Imperatore del Giappone, e la ricerca si presenta subito pericolosa e carica di incognite.

 
2/03/2018







blog comments powered by Disqus


Ando Gilardi, fotografo e critico antigrazioso

Opinioni | La Gam di Torino dedica una mostra all’autore della storia della foto pornografica nato ad Arquata Scrivia e vissuto a Ponzone

Il gesuita con i pennelli: Andrea Pozzo e il dipinto della Collegiata

Intervistando la storia | Novi Ligure conserva opere significative del barocco genovese come il "San Francesco Saverio" della Collegiata. Grazie agli studi di Davide Ferraris possiamo "intervistare" l'autore di questo dipinto: il gesuita Andrea Pozzo

In viaggio verso la crescita con “Il tesoro di Lilith”

Opinioni | Il benessere sessuale è un aspetto fondamentale della salute di una persona, va costruito e affrontato a piccoli passi dalla crescita alla maturità fisica e psichica. Un libro può essere l’inizio di un discorso e di un viaggio alla scoperta della crescita e alla ridiscussione della nostra sessualità adulta

Ciliegi in fiore

Opinioni | Un film delicato, gentile, sulla persistenza dei sentimenti, persino al di là della vita: un viaggio intimista, in bilico tra allegria e malinconia, nelle mille sfaccettature di un rapporto di coppia, dalla Germania al Giappone, dove fioriscono i ciliegi

Il film degli Oscar: "Green Book"

Cinema | “Aiutare gli altri, essere gentili, chiedere scusa sono scelte che ci rendono quello che siamo. Non i nostri genitori, il colore della nostra pelle, quello che possediamo o le lauree che abbiamo. Piuttosto, è quel che facciamo, soprattutto quando nessuno ci vede. È il motivo per cui questo film è tanto bello”, commenta l’attore Viggo Mortensen a proposito del film trionfatore nella notte degli Oscar 2019.