Scuola

Missione compiti!

I bambini e i ragazzi tendono a far slittare il ‘tempo dei compiti’  preferendo altre attività come quelle ludiche o sportive. I genitori, spesso  le madri, si dividono tra chi vorrebbe seguire i figli in questa attività svolgendo al tempo stesso il ruolo di supervisore, tutor, consigliere e motivatore, e chi invece non vorrebbe proprio occuparsene, chiedendo ai figli un’autonomia di gestione e di organizzazione che non possono avere

SCUOLA - Ogni volta che ricomincia la scuola lo svolgimento dei compiti pomeridiani può essere vissuto dai genitori come un momento di confronto difficile con i propri figli in cui si prova inadeguatezza, frustrazione, nervosismo sino a giungere a un contrasto che può arrivare a ledere la serenità familiare. I bambini e i ragazzi tendono a far slittare il ‘tempo dei compiti’  preferendo altre attività come quelle ludiche o sportive. I genitori, spesso  le madri, si dividono tra chi vorrebbe seguire i figli in questa attività svolgendo al tempo stesso il ruolo di supervisore, tutor, consigliere e motivatore, e chi invece non vorrebbe proprio occuparsene, chiedendo ai figli un’autonomia di gestione e di organizzazione che non possono avere. Cosa è possibile e cosa è meglio fare?

Molti genitori esprimono dubbi e talvolta un atteggiamento critico nei confronti della necessità e dell’utilità dei compiti a casa, dopo tante ore passate a scuola. Come sottolinea Daffi nel suo libro “Missione compiti”(2009), “ i compiti rappresentano l’opportunità di avere lo spazio e il tempo per “digerire” ciò che l’insegnante ha servito in tavola durante la lezione in classe”. I compiti a casa sono da vedere come un’attività di integrazione del lavoro svolto a scuola, per permettere all’alunno di verificare quanto ha assimilato e compreso della spiegazione dell’insegnante, ma anche di provare ad elaborare personalmente quanto sentito e sperimentato in classe, attività senza la quale il processo di apprendimento non si completa. Obiettivi secondari sono quelli di aumentare la fiducia del bambino e del ragazzo nelle proprie capacità e il proprio senso di competenza, favorire l’accrescimento dell’autodisciplina, attraverso la necessità di imparare a seguire un ordine, definire priorità, organizzarsi nella giornata e nella settimana. Anche la necessità di gestire alcuni atteggiamenti, rimandare i propri desideri e sopportare alcune fatiche aumentano l’autonomia e favoriscono la crescita dei figli. Ulteriore obiettivo secondario è il coinvolgimento diretto dell’adulto nel percorso scolastico e di crescita personale del figlio. La strutturazione dei compiti, il modo e l’ordine in cui sono assegnati, gli argomenti trattati favoriscono nel genitore la consapevolezza del percorso didattico e dello stile e del metodo di insegnamento adottato, oltre a permettere al genitore di verificare concretamente le capacità e le difficoltà scolastiche del figlio.

E’ importante che il genitore affianchi i figli in questa attività non come arbitro o spettatore, ma come “allenatore”, non deve sostituirsi ai figli nello svolgimento dei compiti, ma deve sapere quali compiti sono stati assegnati e riconoscerne l’importanza, ponendosi come risorsa disponibile e con un atteggiamento sereno e attivo, che inevitabilmente si trasmette ai figli.

  • Deve aiutare il bambino ad individuare un ambiente adeguato dove svolgere i compiti e ad organizzare il materiale necessario (diario, quaderni, penne…)

  • Deve guidare il bambino/ragazzo in una pianificazione dello studio, che il bambino per molto tempo non sarà in grado di fare da solo, che tenga conto di tempi e impegni e che preveda un tempo minimo e massimo da passare sui compiti.

  • Prevedere l’alternanza tra attività semplici e complesse e l’eventualità di dover incrementare i compiti assegnati con altri esercizi, là dove necessario.

  • Verificare sempre i compiti svolti e la preparazione anche quando il figlio è già in possesso di una certa autonomia esecutiva.

  • Favorire progressivamente una motivazione nel bambino e soprattutto nel ragazzo più grande, che non si basi solo su fattori esterni, come la paura di far figuracce, prendere brutti voti, incappare in punizioni dei genitori o dell’insegnante, o in positivo assicurarsi la stima di genitori, insegnanti e compagni o vincere un confronto competitivo, ma che sia una motivazione più profonda alla conoscenza e alla scoperta di cose nuove.

Voglio concludere questo articolo ricordando ai genitori la metafora dell’allenatore: un atleta ha bisogno di qualcuno che lo accompagni nel suo allenamento, guidandolo nello svolgimento e sostenendolo nelle difficoltà e nella fatica, ma che tuttavia non può sostituirsi a lui nel momento della gara…

Dott.ssa Lorena Boscaro
Psicologa, Psicoterapeuta
Studio FisicALmente, Alessandria
lorena.boscaro@virgilio.it
fisicalmente@gmail.com

10/10/2018







blog comments powered by Disqus


Tra Piacenza e Tortona: il destino di Maiorano, ultimo imperatore di Roma

Intervistando la storia | Molti fanno risalire, convenzionalmente, la fine dell’Impero Romano alla deposizione di Romolo Augustolo nel 476 d.C. Altri, invece, considerano come ultimo imperatore romano d’Occidente un personaggio quasi sconosciuto al di fuori della cerchia degli studiosi: Giulio Valerio Maiorano

L’urbanistica della civiltà

Opinioni | L’organicità dell’attività di pianificazione è fondamentale nella misura in cui stabilire come si percorre la città presuppone a monte un’idea di città e di uso dei suoi spazi, senza farsi spaventare dai tempi di un’operazione inevitabilmente complessa. Parliamone

Paolo VI, oltre la “falange di Cristo Redentore”

Opinioni | Domani sarà canonizzato Paolo VI; l’occasione suggerisce un ritorno alla sua vicenda, dal punto di vista della storia della Chiesa e in considerazione della centralità di un personaggio troppo dimenticato dall’opinione pubblica anche cattolica

Ritratto di cena con artista, una mostra che racconta l'arte di rappresentare il cibo

Opinioni | A Valenza una mostra per raccontare l’arte di rappresentare il cibo. Tra le opere esposte una selezione di dipinti della collezione d’arte del Centro comunale di cultura cui si aggiungono lavori di artisti e designer contemporanei

Umberto Boccioni Arte - Vita

Lo scaffale | Un testo ricco di spunti e riferimenti storiografici che ristabilisce i corretti riferimenti della morte, avvenuta a Chievo all’età di 33 anni dovuta a una caduta da cavallo, dettaglia la distruzione dolosa di gran pare delle sue sculture, analizza gli aspetti della sua complessa personalità e i rapporti conflittuali con gli altri artisti, la madre e le amanti