Opinioni

Ribellarsi è giusto

Il disumano dilaga, oltre ogni limite sopportabile. Infiniti gli esempi possibili della fenomenologia dell'orrore. Ma qualche segnale positivo per la verità c'è stato

OPINIONI - Cos'altro deve succedere, in questa tremenda estate?! Il disumano dilaga, oltre ogni limite sopportabile. Infiniti gli esempi possibili della fenomenologia dell'orrore. A giugno le separazioni forzate tra genitori e figli dei migranti cosiddetti "illegali" negli Stati Uniti di Trump. Espulsioni, respingimenti, arresti. Lacrime innocenti. Insostenibili. Certo, anche una valanga di critiche. Ma l'amministrazione non si scompone più di tanto. E continua, anzi cresce, il business cinico e immorale - con al centro due note corporation (la Core e la Geo) - di quanti fanno profitti gestendo il dramma dei migranti bambini sottratti ai genitori. Un Presidente (sic!) fuori controllo, che annuncia un nuovo programma di riarmo e sogna le guerre stellari (promuovendo l'istituzione di una Space Force entro il 2020), e che intanto fa il bullo in giro per il mondo e ha la brillante idea di fare pressione sull'Epa, l’Agenzia di protezione dell’ambiente, per rendere legale l’utilizzo dell’amianto nei materiali per l’edilizia (proibito dalla fine degli anni Ottanta del secolo scorso). E pazienza se le malattie legate all’asbesto causano ogni anno negli Stati Uniti quasi quarantamila decessi.

E poi i razzi, i raid aerei, i cecchini a Gaza, sepolta dalle bombe israeliane. Le stragi in Yemen, in Siria, ovunque. Il dramma dei migranti. Le torture. Le stragi in mare. I porti chiusi. Il Piano ue sui profughi per spartirsi la quota di dolore, invece di ragionare e progettare un altro mondo possibile. Visegrad che avanza inesorabile...

Infine, la nostra povera Italia giallo-verde. L'odio e il rancore che inondano i social network e il quotidiano. Un ministro degli Interni senza più freni, che - che tra una battuta cretina sui "rosiconi di sinistra" e un affondo troglodita contro le famiglie omogenitoriali - questo clima di odio alimenta e capitalizza elettoralmente, schiacciando gli alleati del centrodestra e di governo, e volando nei sondaggi. Nel mirino sempre i più deboli, e in particolare i più deboli di tutti, la comunità Rom. La malsana idea del "censimento" e gli elogi alla capotreno razzista, tanto per dire. E gli spari derubricati a goliardia, le truffe pulp (gli “spaccaossa” di Palermo) e la strage dei braccianti, che per qualche giorno fa emergere dal silenzio la tragedia del caporalato, del nuovo schiavismo, dello sfrenato sfruttamento.

Il Capitale al lavoro, sempre e ovunque. Per nulla intimorito dalle retoriche sovraniste, che alimentano la guerra tra poveri, guardandosi bene dal mettere in discussione il vero problema del nostro tempo, ossia l'oscena disuguaglianza nella distribuzione delle ricchezze. Ovvio, dunque, che si santifichi Marchionne, capitano “coraggioso” di un capitalismo globale costruito sulla liquidazione progressiva - e bipartisan - dei diritti dei lavoratori.

Qualche segnale positivo per la verità c'è stato. Anche qui, esempi in ordine sparso. Le magliette rosse per l'accoglienza che hanno colorato un sabato di inizio luglio, e che hanno ricordato a tutti (tra i lazzi di una destra sempre più becera) che l'accoglienza è la base della civiltà. Oltre oceano, la vittoria alle presidenziali in Messico di Lòpez Obrador, che molte speranze sta suscitando in quel Paese piegato dalla corruzione e dalla malavita. La condanna della Monsanto per l’abuso del glisofato. E poco altro.

Appunto, troppo poco. Bisogna reagire in modo più vigoroso alla barbarie che avanza. Basta arretrare. Non più solo resistenza. Se non agiamo in fretta, potrebbe essere troppo tardi. Moltissime sono le persone che sanno ancora opporsi al disumano. Che sono solidali, accoglienti, capaci di bontà ed empatia. E che giustamente lo rivendicano. E non si illudano gli "odiatori" seriali, i cinici, i "cattivisti" di ogni ordine e grado. "Buono" non vuol dire ingenuo o imbelle. Per essere incisivi, però, occorre organizzarsi, imparare a rispondere colpo su colpo, con i nostri valori e i nostri ideali.

Denunciamo Salvini per istigazione all'odio razziale. Contrastiamo il razzismo ovunque, nelle strade e sui social network. Facciamo rete. Proviamo a cambiare il clima che si respira nel Paese, e a "riorientare" la prospettiva. Facciamo in modo che chi sta in basso inizi a sollevare uno sguardo ribelle verso l'alto, piuttosto che riversare rancore verso chi si trova ancora più giù. Riapriamo uno spazio per la politica e riattiviamo il conflitto. Quello “giusto”, però, quello verticale che muove, appunto, dal basso verso l'alto, dagli espropriati agli espropriatori, dagli sfruttati agli sfruttatori. Questo mondo capovolto non può durare. E allora lo dobbiamo rovesciare! On a raison de se révolter, scriveva Jean-Paul Sartre a metà degli anni Settanta. Credo che mai come oggi sia necessario ribellarsi al (dis)ordine costituito. E allora, anche ad agosto, buon lavoro e buona lotta, care compagne e compagni!
20/08/2018
Giorgio Barberis - www.volerelaluna.it - redazione@alessandrianews.it







blog comments powered by Disqus


Centostazioni

Opinioni | Con il termine "Centostazioni”, si definiva una società per azioni che era nata per riqualificare, valorizzare e gestire 103 stazioni italiane, con azionista di maggioranza le Ferrovie dello Stato. Il 15 novembre 2016, le FF.SS. ne divennero proprietarie al 100%. Cosa è successo da allora? E Alessandria?

I ponti di “Cultura e Sviluppo”

Opinioni | “Cultura e Sviluppo”, questa volta ha parlato di sé, non per celebrarsi, ma per ragionare sulle sue ispirazioni, sui suoi contenuti e metodi e sui suoi risultati, dopo quasi tre decenni di attività.

A Star is Born

Cinema | Il film, tra i più visti nelle sale italiane negli ultimi giorni, è fondamentalmente un melodramma che, nonostante l’impegno e la bravura dei suoi interpreti, non si discosta dai cliché del genere, un po’ convenzionale sia a livello narrativo che stilistico

Tra Piacenza e Tortona: il destino di Maiorano, ultimo imperatore di Roma

Intervistando la storia | Molti fanno risalire, convenzionalmente, la fine dell’Impero Romano alla deposizione di Romolo Augustolo nel 476 d.C. Altri, invece, considerano come ultimo imperatore romano d’Occidente un personaggio quasi sconosciuto al di fuori della cerchia degli studiosi: Giulio Valerio Maiorano

L’urbanistica della civiltà

Opinioni | L’organicità dell’attività di pianificazione è fondamentale nella misura in cui stabilire come si percorre la città presuppone a monte un’idea di città e di uso dei suoi spazi, senza farsi spaventare dai tempi di un’operazione inevitabilmente complessa. Parliamone