Opinioni

San Giovannino: uno scrigno rococò

Le splendide statue lignee fanno della chiesa un gioiello che non molti conoscono. Il restauro si spinge a fare cose che non immaginiamo neppure per salvare le opere d’arte

OPINIONI - Tornate dopo essere state “insaccate” affinché l’anossia uccidesse le uova dei microorganismi che ne minacciavano la sopravvivenza. Il restauro si spinge a fare cose che non immaginiamo neppure per salvare le opere d’arte.  I quattro gruppi lignei settecenteschi della chiesa di San Giovannino versavano in condizioni assai rischiose e sono stati restaurati grazie all’intervento della Consulta per la valorizzazione dei beni culturali dell’Alessandrino, presieduta da Pier Giacomo Guala.

A compiere il restauro Nino Silvestri, che nel suo laboratorio di Genova ha messo in atto tutte le più aggiornate metodiche per arrivare allo scopo. Ed ecco che le nicchie della chiesa che sovrastano gli altari laterali e l’altare maggiore sono tornate ad accogliere i quattro gruppi lignei che rappresentano scene dell’Antico Testamento: Caino e Abele, Abramo e Isacco, il sacrificio di Noè e dei suoi figli dopo il diluvio e l’episodio di Mosè e del serpente.

Al di là della notizia, che data da più di un mese, e oltre le ipotesi riguardanti l’attribuzione e la destinazione a casse processionali delle sculture, al di là delle informazioni, preziose, sulla storia costruttiva delle statue, del suo autore, ciò che preme sottolineare è l’interesse della scultura lignea del Settecento in Piemonte e Lombardia, dai Sacri Monti alle chiese delle Confraternite, come questa di San Giovannino. La devozione e la determinazione dei confratelli ha contribuito in questo come in altri casi – non lontano da noi il Sacro Monte di Crea – a conservare un patrimonio che – come scriveva Giovanni Testori – disegna un grande Teatro del Sacro di cui San Giovannino è di certo un importante capitolo, con i suoi santi dalle meravigliose policromie, quei volti che sembrano disegnati da uno scultore espressionista del Novecento.

A interpretare l’importanza del gruppo ligneo lo storico dell’arte Fulvio Cervini, docente dell’Università di Firenze, che ha sottolineato la contestualità del gruppo con la chiesa, l’omogeneità di contenitore (oggetto di un precedente restauro seguito dall’architetto Andrea Milanese). E la difficoltà di mettere a punto il restauro, vista la leggerezza del materiale usato.

La presenza di un lato b (la schiena è scolpita in modo meno raffinato della parte anteriore) fa pensare, secondo lo studioso, che le statue fossero utilizzate in occasioni cerimoniali paraliturgiche. Ha sottolineato la scelta iconografica non comune di personaggi veterotestamentari. Insomma una vicenda che – come spesso accade nella storia dell’arte – è un appassionante giallo tra attribuzioni e interpretazioni. Una storia che ci auguriamo venga raccontata nel dettaglio da Fulvio Cervini, uno storico dell’arte che ha la stoffa dell’affabulatore.
18/11/2017
Maria Luisa Caffarelli - redazione@alessandrianews.it







blog comments powered by Disqus


Sogni in campo aperto

Campionati Mondiali di Calcio 2018 | Dunque dopo due partite vinte ai rigori ed una ai supplementari, dopo aver cantato tra le più belle arie calcistiche di questo mondiale, la Croazia, come Gilda, la figlia di Rigoletto, al fin è caduta. Il condottiero Didier Deschamps, non lo ammetterà mai, ma ha vinto giocando all'italiana

Vigilia di Finale

Mondiali di Calcio 2018  | Mentre a San Pietroburgo sta per andare in scena la finale di consolazione dei Campionati Mondiali di Calcio, gli appassionati di tutto il globo stanno prendendo posizione ed emettendo pronostici in vista di Francia-Croazia

Un prete durante la Rivoluzione Francese: don Boccardi, parroco di Novi

Intervistando la storia | Intervistiamo Carlo Gerolamo Francesco Boccardi, conosciuto grazie agli studi pubblicati da uno dei parroci suoi successori, l’indimenticato don Franco Zanolli. Don Boccardi portò a compimento il lavoro di ristrutturazione e rinnovamento stilistico della chiesa di S. Andrea, per la quale è in corso una raccolta firme nell’ambito del concorso “I Luoghi del Cuore – edizione 2018” indetto dal FAI – Fondo Ambiente Italiano.

Capitali Mondiali

Mondiali di Calcio 2018  | Siamo quasi all'epilogo di questa lunga contesa, e il duello finale sarà quello più logico. Quello tra l'unica squadra che ha dimostrato di avere sempre la situazione sotto controllo, la Francia, e la nazionale che più di tutte è riuscita a coniugare fame, agonismo ed equilibrio, la Croazia

Scenari Mondiali

Mondiali di Calcio 2018  | A Soci i calciatori del ct Stanislav Cercesov ci hanno provato sino all’ultimo; sino a quando la freddezza di Rakitic non ha dato alla Croazia quello che è in fondo sacrosanto: una semifinale da giocarsi con la quadrata Inghilterra