Opinioni

San Giovannino: uno scrigno rococò

Le splendide statue lignee fanno della chiesa un gioiello che non molti conoscono. Il restauro si spinge a fare cose che non immaginiamo neppure per salvare le opere d’arte

OPINIONI - Tornate dopo essere state “insaccate” affinché l’anossia uccidesse le uova dei microorganismi che ne minacciavano la sopravvivenza. Il restauro si spinge a fare cose che non immaginiamo neppure per salvare le opere d’arte.  I quattro gruppi lignei settecenteschi della chiesa di San Giovannino versavano in condizioni assai rischiose e sono stati restaurati grazie all’intervento della Consulta per la valorizzazione dei beni culturali dell’Alessandrino, presieduta da Pier Giacomo Guala.

A compiere il restauro Nino Silvestri, che nel suo laboratorio di Genova ha messo in atto tutte le più aggiornate metodiche per arrivare allo scopo. Ed ecco che le nicchie della chiesa che sovrastano gli altari laterali e l’altare maggiore sono tornate ad accogliere i quattro gruppi lignei che rappresentano scene dell’Antico Testamento: Caino e Abele, Abramo e Isacco, il sacrificio di Noè e dei suoi figli dopo il diluvio e l’episodio di Mosè e del serpente.

Al di là della notizia, che data da più di un mese, e oltre le ipotesi riguardanti l’attribuzione e la destinazione a casse processionali delle sculture, al di là delle informazioni, preziose, sulla storia costruttiva delle statue, del suo autore, ciò che preme sottolineare è l’interesse della scultura lignea del Settecento in Piemonte e Lombardia, dai Sacri Monti alle chiese delle Confraternite, come questa di San Giovannino. La devozione e la determinazione dei confratelli ha contribuito in questo come in altri casi – non lontano da noi il Sacro Monte di Crea – a conservare un patrimonio che – come scriveva Giovanni Testori – disegna un grande Teatro del Sacro di cui San Giovannino è di certo un importante capitolo, con i suoi santi dalle meravigliose policromie, quei volti che sembrano disegnati da uno scultore espressionista del Novecento.

A interpretare l’importanza del gruppo ligneo lo storico dell’arte Fulvio Cervini, docente dell’Università di Firenze, che ha sottolineato la contestualità del gruppo con la chiesa, l’omogeneità di contenitore (oggetto di un precedente restauro seguito dall’architetto Andrea Milanese). E la difficoltà di mettere a punto il restauro, vista la leggerezza del materiale usato.

La presenza di un lato b (la schiena è scolpita in modo meno raffinato della parte anteriore) fa pensare, secondo lo studioso, che le statue fossero utilizzate in occasioni cerimoniali paraliturgiche. Ha sottolineato la scelta iconografica non comune di personaggi veterotestamentari. Insomma una vicenda che – come spesso accade nella storia dell’arte – è un appassionante giallo tra attribuzioni e interpretazioni. Una storia che ci auguriamo venga raccontata nel dettaglio da Fulvio Cervini, uno storico dell’arte che ha la stoffa dell’affabulatore.
18/11/2017
Maria Luisa Caffarelli - redazione@alessandrianews.it







blog comments powered by Disqus


Cyberbullismo: quando l’offesa e la violenza passano attraverso la rete

Opinioni | I bambini e gli adolescenti sono i primi che, con il loro comportamento, possono evitare di incorrere in situazioni spiacevoli online. È importante che vengano seguiti e supportati dai loro adulti di riferimento nell'utilizzo degli strumenti digitali e che loro per primi mettano in atto comportamenti responsabili che li aiutino ad auto-tutelarsi

Un bergamasco a Pozzolo: il condottiero di ventura Bartolomeo Colleoni

Intervistando la storia | Il castello di Pozzolo Formigaro, oggi sede comunale, ha tuttora l’aspetto di una roccaforte di pianura, e non sulla cima delle colline o a guardia di passi e salite. A tutto c’è una spiegazione, e noi, grazie agli studi di Italo Cammarata, possiamo chiederlo a un protagonista della storia militare italiana del XV secolo: il condottiero di ventura Bartolomeo Colleoni

Siamo tutti Kalidou

Opinioni | Il campionato di serie A si ferma per tre settimane. Sarebbe questo il momento giusto per un bilancio della prima parte di stagione. Ma non è dei risultati sul campo che abbiamo voglia di parlare (con uno scudetto praticamente già assegnato allo squadrone bianconero, primo a suon di record, e sotto l'occhio vigile e talvolta compiacente del var e delle giacchette nere...). Vogliamo, anzi dobbiamo tornare a parlare di quanto accaduto durante la partita tra l'Inter e il Napoli

Van Gogh - Sulla soglia dell’eternità

Cinema | La pellicola, presentata in anteprima alla recente Mostra del Cinema di Venezia, premiata con la Coppa Volpi per la miglior interpretazione maschile e con una candidatura per il miglior attore in un film drammatico al superlativo Willem Dafoe, dall’espressività fuori del comune, non si configura come una biografia convenzionale, ma presenta, sia a livello estetico che narrativo, numerosi spunti di originalità

"La grande storia della Resistenza 1943 - 1948" di Gianni Oliva

Lo scaffale | Partendo da una rigorosa cronistoria di fatti, tralasciando narrazioni e contronarrazioni, Oliva racconta, per intero e senza pregiudizi, La grande storia della Resistenza offrendo una mappa dettagliata e precisa a chi voglia comprendere le ragioni, il senso e le conseguenze di un’esperienza complessa e fondamentale