Mondiali di Calcio 2018

Scenari Mondiali

A Soci i calciatori del ct Stanislav Cercesov ci hanno provato sino all’ultimo; sino a quando la freddezza di Rakitic non ha dato alla Croazia quello che è in fondo sacrosanto: una semifinale da giocarsi con la quadrata Inghilterra

La città di Soči, che nel 2014 ha ospitato le Olimpiadi Invernali, è gemellata, tra le altre con Mentone, Long Beach e Rimini. E non si tratta di attrazione degli opposti: Soči è una rinomata località turistica, una città di dacie, pinne fucili ed occhiali, dove i russi facoltosi vengono a cercare un sentore di Mediterraneo.
Un Mediterraneo che questo immenso paese ha vissuto sempre come un miraggio; il seducente effluvio proveniente da carovane arabe, veneziane e genovesi che trasportavano merci dall’Asia all’Europa e viceversa. La maggior parte dei Russi sono stati per secoli quasi solo questo: contadini, servi della gleba, che guardavano i nomadi e i mercanti passare, portando tutto altrove, compresi i cambiamenti. I Turchi, almeno, avevano il Bosforo; mentre il Caucaso e gli Urali chiudevano a doppia mandata uno sterminato paesaggio di regolarità umana, che forse per contrappasso si è volentieri prestato alle eccezioni, spesso fragorose: i balletti di San Pietroburgo, le avanguardie artistiche, la rivoluzione, l’uomo nello spazio.

Un numero di trapezio che. in nome della tradizione circense, i calciatori del CT Stanislav Čerčesov hanno provato ad eseguire sino all’ultimo; sino a quando la freddezza di Rakitić non ha dato alla Croazia quello che è in fondo sacrosanto: una semifinale da giocarsi con la quadrata Inghilterra. Del resto il pragmatismo con cui Vladimir Putin ha lasciato al premier Mevedev i posti riservati in Tribuna d’Onore, è l’ennesima dimostrazione della consapevolezza del nuovo Zar che in questo Mondiale i padroni di casa non avrebbero potuto farsi forza della loro arma più letale: l’inverno.

Del resto nessuno aveva messo il cuore più di tanto su questa squadra con molti centimetri e pochissime tracce di estro, inadatta a costruire più di una dignitosa presenza in una manifestazione da cui dovevano uscire a testa alta i politici più che i giocatori. Ora i russi potranno tornare a dedicarsi ai giochi a loro più congeniali, dall’’hockey su ghiaccio al pattinaggio artistico; dal salto con l’asta alla sciabola, commissioni antidoping permettendo. Allo stesso modo la nuova Guerra Fredda tra Russia e Inghilterra può continuare tra un avvelenamento e un sospetto, un hackeraggio e una sanzione, senza dover ricorrere ad intricate tattiche per contenere le folate agonistiche dei ragazzi di Southgate, che cominciano davvero a crederci.

Sognano i britannici, una finale: e che sia coi francesi, nella più classiche delle rivalità se ad un certo punto della storia non fossero spuntati i Tedeschi. Francia – Inghilterra sarebbe uno straordinario epilogo per gli appassionati delle vicende degli Stati e delle Nazioni; ma se preferite il calcio Belgio – Croazia sarebbe il degno atto conclusivo per un Mondiale che, vada come vada, avrà stravolto le gerarchie recenti di questo sport. Uno scontro tra Hazard e Modric sarebbe il sogno di qualsiasi appassionato, che nel controllo della palla a tesa alta e nel guizzo denso di intelligenza. ancor prima che di agonismo, vede il grado zero del gioco: quell’attimo in cui sul divano allarghi le braccia e sussurri “magnifico”.

Dasvidania Tovarishes.

9/07/2018
Simone Farello







blog comments powered by Disqus


Centostazioni

Opinioni | Con il termine "Centostazioni”, si definiva una società per azioni che era nata per riqualificare, valorizzare e gestire 103 stazioni italiane, con azionista di maggioranza le Ferrovie dello Stato. Il 15 novembre 2016, le FF.SS. ne divennero proprietarie al 100%. Cosa è successo da allora? E Alessandria?

I ponti di “Cultura e Sviluppo”

Opinioni | “Cultura e Sviluppo”, questa volta ha parlato di sé, non per celebrarsi, ma per ragionare sulle sue ispirazioni, sui suoi contenuti e metodi e sui suoi risultati, dopo quasi tre decenni di attività.

A Star is Born

Cinema | Il film, tra i più visti nelle sale italiane negli ultimi giorni, è fondamentalmente un melodramma che, nonostante l’impegno e la bravura dei suoi interpreti, non si discosta dai cliché del genere, un po’ convenzionale sia a livello narrativo che stilistico

Tra Piacenza e Tortona: il destino di Maiorano, ultimo imperatore di Roma

Intervistando la storia | Molti fanno risalire, convenzionalmente, la fine dell’Impero Romano alla deposizione di Romolo Augustolo nel 476 d.C. Altri, invece, considerano come ultimo imperatore romano d’Occidente un personaggio quasi sconosciuto al di fuori della cerchia degli studiosi: Giulio Valerio Maiorano

L’urbanistica della civiltà

Opinioni | L’organicità dell’attività di pianificazione è fondamentale nella misura in cui stabilire come si percorre la città presuppone a monte un’idea di città e di uso dei suoi spazi, senza farsi spaventare dai tempi di un’operazione inevitabilmente complessa. Parliamone