Opinioni

Secondo ponte. Sì, ma dove e come?

Il “secondo ponte” sulla Bormida riveste da tempo per  l’alessandrino – città e ampi dintorni –  caratteri di chiara necessità per la sicurezza e la fluidità dei traffici. Ogni tanto se ne parla, poi lunghi silenzi, poi se ne riparla…

OPINIONI - Il “secondo ponte” sulla Bormida riveste da tempo per  l’alessandrino – città e ampi dintorni –  caratteri di chiara necessità per la sicurezza e la fluidità dei traffici, ma, ad un tempo, l’argomento registra anche un andamento carsico: ogni tanto se ne parla, poi lunghi silenzi, poi se ne riparla… Talora viene anche riesumata una vecchia immagine progettuale (rendering?) di ponticello minimale  per una strada, a due corsie, in servizio tra  la “zona Panorama” e Spinetta Marengo. Una proposta, per quanto se ne sa, priva di ogni consistenza decisionale, ma idonea a saltar fuori da qualche cassetto ove condizioni politiche, maritate opportunamente con la “somma urgenza”  che minimizza le discussioni, ne favorissero la reviviscenza.

Del resto, e non a caso, quando finora si parlato di secondo ponte la cittadinanza è stata “informata” nel senso che  il problema ammettesse una sola soluzione: quella  descritta “a monte” dell’attuale scavalco, per probabili funzioni di urbanizzazione dell’Oltrebormida-Marengo (erano i tempi dei magnifici destini dell’ex-Zuccherificio) più che di risposte adeguate alle carenze della grande viabilità ad Est, sicurezza compresa.

E’ stato accuratamente evitato, in altri termini,  che la medesima cittadinanza venisse  conoscenza che esistevano, ed esistono, due alternative di collocazione del nuovo ponte, quella “a monte”, (appena ricordata e caldeggiata dagli ambienti di Palazzo Rosso), e quella “a valle” dell’attuale manufatto, col particolare non secondario che quest’ultima fosse sostenuta – sotto il profilo tecnico, strategico e di protezione civile – dalla Provincia ( DGP n 772 del 14.12.2005) e recepita dalla Regione ( DGR 7.2.2006) .

Questo per dire che, se e quando il problema “secondo ponte” dovesse tornare concretamente all’ordine del giorno degli Enti locali, il discorso progettuale dovrebbe correttamente ripartire dalla  doppia alternativa, qui sommariamente ricordata, evitando di imboccare scorciatoie di corto respiro, anche in orizzonte “rischi di incidente rilevante” connessi al polo chimico di Spinetta.

Resta a capire se la Provincia , come decapitata politicamente dagli avventurosi riformatori costituzionali, avrà ancora in carico il suo tradizionale ruolo tecnico nella determinazione dell’assetto del territorio, ovvero se il suo “peso” sarà stato in qualche modo “alleggerito” nel quadro delle conseguenti ricomposizioni di competenze tra Enti e livelli amministrativi. Ma questo, come al solito, è un altro problema.

 
25/01/2018
Dario Fornaro - Redazione Appunti Alessandrini - redazione@alessandrianews.it







blog comments powered by Disqus


Terapista della neuro e psicomotricità dell'età evolutiva e psicomotricista: ecco le differenze

Salute | Spesso si sente parlare di psicomotricità che fa bene ai bambini, a chi rivolgersi, quando e perchè?

Un affare di famiglia

Cinema | "Tutte le famiglie felici si assomigliano fra loro, ogni famiglia infelice è infelice a suo modo". Sembra nascere e crescere sotto questo assunto, l’ultima opera cinematografica - vincitrice della Palma d'oro la scorsa primavera al Festival di Cannes - del giapponese Kore'eda, indefesso e acuto esploratore della complessità dei legami familiari già nei suoi precedenti film

Drin drin fa il campanello

Opinioni | Prendere una strada contro mano, senza scampanellare o almeno rallentare, sembra diventato uno sport nazionale. Ormai è facile vedere uno che fila come un razzo sul marciapiede, facendosi largo tra i pedoni che vi transitano. Non credo che si possa andare avanti così. Credo, piuttosto, che sia necessaria qualche regolata

Sulla mia pelle

Cinema | Il regista Alessio Cremonini sottolinea senza enfasi ma con rigore, nel racconto delle ultime ore di vita di Stefano Cucchi, il progressivo e colpevole scivolamento in un buco nero di violenza esibita o trattenuta, lassismo, incapacità. Alessandro Borghi dimagrito diciotto chili, è misurato nell’interpretazione ma intenso così come Jasmine Trinca, che ultimamente non sbaglia un colpo a ogni ruolo

Il “carabiniere volante” – un tortonese asso dell’aviazione nella Prima Guerra Mondiale

Intervistando la storia |  A poco più di cent’anni dopo la realizzazione del Volo su Vienna da parte dei Gabriele d’Annunzio, grazie alle ricerche di Paolo Varriale, da lui pubblicate in “Gli assi italiani della Grande Guerra”, abbiamo il piacere di intervistare un nostro conterraneo asso dell’aviazione italiana di quegli anni: il tortonese Ernesto Cabruna