Opinioni

Secondo ponte. Sì, ma dove e come?

Il “secondo ponte” sulla Bormida riveste da tempo per  l’alessandrino – città e ampi dintorni –  caratteri di chiara necessità per la sicurezza e la fluidità dei traffici. Ogni tanto se ne parla, poi lunghi silenzi, poi se ne riparla…

OPINIONI - Il “secondo ponte” sulla Bormida riveste da tempo per  l’alessandrino – città e ampi dintorni –  caratteri di chiara necessità per la sicurezza e la fluidità dei traffici, ma, ad un tempo, l’argomento registra anche un andamento carsico: ogni tanto se ne parla, poi lunghi silenzi, poi se ne riparla… Talora viene anche riesumata una vecchia immagine progettuale (rendering?) di ponticello minimale  per una strada, a due corsie, in servizio tra  la “zona Panorama” e Spinetta Marengo. Una proposta, per quanto se ne sa, priva di ogni consistenza decisionale, ma idonea a saltar fuori da qualche cassetto ove condizioni politiche, maritate opportunamente con la “somma urgenza”  che minimizza le discussioni, ne favorissero la reviviscenza.

Del resto, e non a caso, quando finora si parlato di secondo ponte la cittadinanza è stata “informata” nel senso che  il problema ammettesse una sola soluzione: quella  descritta “a monte” dell’attuale scavalco, per probabili funzioni di urbanizzazione dell’Oltrebormida-Marengo (erano i tempi dei magnifici destini dell’ex-Zuccherificio) più che di risposte adeguate alle carenze della grande viabilità ad Est, sicurezza compresa.

E’ stato accuratamente evitato, in altri termini,  che la medesima cittadinanza venisse  conoscenza che esistevano, ed esistono, due alternative di collocazione del nuovo ponte, quella “a monte”, (appena ricordata e caldeggiata dagli ambienti di Palazzo Rosso), e quella “a valle” dell’attuale manufatto, col particolare non secondario che quest’ultima fosse sostenuta – sotto il profilo tecnico, strategico e di protezione civile – dalla Provincia ( DGP n 772 del 14.12.2005) e recepita dalla Regione ( DGR 7.2.2006) .

Questo per dire che, se e quando il problema “secondo ponte” dovesse tornare concretamente all’ordine del giorno degli Enti locali, il discorso progettuale dovrebbe correttamente ripartire dalla  doppia alternativa, qui sommariamente ricordata, evitando di imboccare scorciatoie di corto respiro, anche in orizzonte “rischi di incidente rilevante” connessi al polo chimico di Spinetta.

Resta a capire se la Provincia , come decapitata politicamente dagli avventurosi riformatori costituzionali, avrà ancora in carico il suo tradizionale ruolo tecnico nella determinazione dell’assetto del territorio, ovvero se il suo “peso” sarà stato in qualche modo “alleggerito” nel quadro delle conseguenti ricomposizioni di competenze tra Enti e livelli amministrativi. Ma questo, come al solito, è un altro problema.

 
25/01/2018
Dario Fornaro - Redazione Appunti Alessandrini - redazione@alessandrianews.it







blog comments powered by Disqus


Giovanni Carpenè, il volto sorridente della cooperazione alessandrina

Opinioni | Prete operaio, sindacalista di sinistra e intellettuale perché è da lui che partono gli stimoli in direzione di quello che sarà il suo contributo più importante al nostro vivere civile: la giustizia sociale e l’accoglienza degli immigrati, la cooperazione internazionale

Festival della prevenzione e innovazione in oncologia ad Alessandria

Opinioni |  Si è appena conclusa la kermesse organizzata dall’Associazione Italiana di Oncologia Medica. Sono stati tre giorni intensi, in cui medici e operatori sanitari sono scesi in piazza per informare e sensibilizzare i cittadini sull’importanza di preservare la propria salute e di prevenire la malattia

Città di ferro e football

Mondiali di calcio 2018 | I molti esordi deludenti delle nazionali favorite per la vittoria finale del 21esimo Mondiale di calcio rischiano di essere considerate un grave sgarbo diplomatico

Da Voltaggio a Roma: Giovanni Battista de Rossi, un “santo del Confessionale”.

Intervistando la storia | La storia del nostro territorio è caratterizzata non solo da grandi personaggi che vennero e agirono qui da noi, ma anche da nostri conterranei che diedero altrove dimostrazione del proprio talento. E’ il caso di Giovanni Battista de Rossi, nato a Voltaggio nel 1698, che trovò la propria vocazione a Roma, dove morì nel 1764

La “Demacrazia” da Napoli ad Alessandria: il 'modello De Magistris' per un’alternativa possibile

Opinioni | Mercoledì 6 il Laboratorio Sociale di Alessandria ha ospitato il sindaco di Napoli Luigi De Magistris per la presentazione del libro di Giacomo Russo Spena 'Demacrazia - Il popolo è il mio partito': "Il diritto non è solo sanzione e divieto, ma un grande strumento di trasformazione sociale se si connette con le masse popolari”