Alessandria

Sofri su "Il Foglio": "il Comune deruba i mendicanti"

Adriano Sofri in un'opinione su Il Foglio si occupa del caso di Alessandria: "il Comune di Alessandria proclama di voler derubare i mendicanti delle elemosine che hanno raccolto. Più precisamente, non si tratta di un furto, ma di una rapina, a mano armata nel caso in cui i vigili urbani siano armati"

ALESSANDRIA - Il "caso" di Alessandria e delle politiche adottate dalla giunta di Cuttica di Revigliasco balza sulle pagine de "Il Foglio" e, più precisamente, in uno scritto di Adriano Sofri, rilanciato anche dai social. Sofri, in pratica, sostiene che confiscare il provento della questua dei mendicati, equivale ad un "furto". Anzi, ad una rapina se l'agente di polizia municipale è armato.
Questo è quanto scrive Sofri: 

 il Comune di Alessandria proclama di voler derubare i mendicanti delle elemosine che hanno raccolto. Più precisamente, non si tratta di un furto, ma di una rapina, a mano armata nel caso in cui i vigili urbani siano armati.
"La Stampa ieri aveva questo titolo: “Alessandria dichiara guerra ai questuanti: elemosina vietata quasi ovunque e denaro confiscato ai mendicanti”. Ammetto di essere stato impressionato. “Denaro confiscato ai mendicanti” significa infatti, allo stato delle leggi vigenti, che il Comune di Alessandria proclama di voler derubare i mendicanti delle elemosine che hanno raccolto. Più precisamente, non si tratta di un furto, ma di una rapina, a mano armata nel caso in cui i vigili urbani siano armati. Ho letto l’articolo. Riferiva la decisione del Consiglio comunale, che ha una maggioranza di destra e un sindaco leghista, di rendere permanenti e inserire nel Regolamento di Polizia urbana le misure di “guerra all’accattonaggio” che l’anno scorso fecero già un ricercato chiasso. Arricchite ora da un “emendamento che prevede la confisca amministrativa del denaro che costituisce il prodotto o il profitto della violazione”.

Continua qui




4/02/2018







blog comments powered by Disqus


Autodifesa al femminile: quando un corso è realmente efficace

Opinioni | Se è vero che la donna è meno forte e fisicamente strutturata in modo diverso rispetto all’uomo, è altrettanto vero che dispone di risorse aggressive sufficienti a scoraggiare o neutralizzare temporaneamente un aggressore. Combattere questa condizione di “soggezione psicologica” e rifiutare la condizione di vittima a priori è il primo passo per pensare di potersi difendere

20 aprile 1943: la grande fuga dal Forte di Gavi

Intervistando la storia | Dal gennaio 1942 al settembre 1943 il Forte di Gavi fu utilizzato dal Regio Esercito Italiano come “Campo N°5 per ufficiali pericolosi”. Grazie all’uscita del libro “Un uomo in fuga” di David Guss, possiamo fare qualche domanda agli autori di un tentativo di fuga (quasi) riuscito

Via Giordano Bruno: il cemento al posto del verde

Opinioni | Lo spazio centrale della via, pensato e progettato come una lunga aiuola verde, è stato, per una parte, già coperto dal cemento, mentre la restante è predisposta per esserlo. Una decisione e una modifica del progetto assunta senza suscitare, credo, proteste o clamori. Ma è con queste sbrigative “soluzioni” che la città diventa, non solo meno verde, ma più brutta e più triste

Letture per l’Attesa

Opinioni | La lettura è un prezioso strumento per i mesi di attesa dentro e fuori. Come orientarsi nella miriade di libri presenti in commercio? Quali devono essere le caratteristiche di una lettura perfetta in attesa?

Nel segno dei padri. La storia di Guglielmina e Peter

Lo scaffale | Se né le colpe né i meriti dei padri devono ricadere sui figli, la storia per questi due figli della guerra ha lasciato loro in dono una responsabilità molto forte. La responsabilità di raccontare, di capire, di comprendere, di perdonate, di riconciliare