Alessandria

Sofri su "Il Foglio": "il Comune deruba i mendicanti"

Adriano Sofri in un'opinione su Il Foglio si occupa del caso di Alessandria: "il Comune di Alessandria proclama di voler derubare i mendicanti delle elemosine che hanno raccolto. Più precisamente, non si tratta di un furto, ma di una rapina, a mano armata nel caso in cui i vigili urbani siano armati"

ALESSANDRIA - Il "caso" di Alessandria e delle politiche adottate dalla giunta di Cuttica di Revigliasco balza sulle pagine de "Il Foglio" e, più precisamente, in uno scritto di Adriano Sofri, rilanciato anche dai social. Sofri, in pratica, sostiene che confiscare il provento della questua dei mendicati, equivale ad un "furto". Anzi, ad una rapina se l'agente di polizia municipale è armato.
Questo è quanto scrive Sofri: 

 il Comune di Alessandria proclama di voler derubare i mendicanti delle elemosine che hanno raccolto. Più precisamente, non si tratta di un furto, ma di una rapina, a mano armata nel caso in cui i vigili urbani siano armati.
"La Stampa ieri aveva questo titolo: “Alessandria dichiara guerra ai questuanti: elemosina vietata quasi ovunque e denaro confiscato ai mendicanti”. Ammetto di essere stato impressionato. “Denaro confiscato ai mendicanti” significa infatti, allo stato delle leggi vigenti, che il Comune di Alessandria proclama di voler derubare i mendicanti delle elemosine che hanno raccolto. Più precisamente, non si tratta di un furto, ma di una rapina, a mano armata nel caso in cui i vigili urbani siano armati. Ho letto l’articolo. Riferiva la decisione del Consiglio comunale, che ha una maggioranza di destra e un sindaco leghista, di rendere permanenti e inserire nel Regolamento di Polizia urbana le misure di “guerra all’accattonaggio” che l’anno scorso fecero già un ricercato chiasso. Arricchite ora da un “emendamento che prevede la confisca amministrativa del denaro che costituisce il prodotto o il profitto della violazione”.

Continua qui




4/02/2018







blog comments powered by Disqus


Sulla mia pelle

Cinema | Il regista Alessio Cremonini sottolinea senza enfasi ma con rigore, nel racconto delle ultime ore di vita di Stefano Cucchi, il progressivo e colpevole scivolamento in un buco nero di violenza esibita o trattenuta, lassismo, incapacità. Alessandro Borghi dimagrito diciotto chili, è misurato nell’interpretazione ma intenso così come Jasmine Trinca, che ultimamente non sbaglia un colpo a ogni ruolo

Il “carabiniere volante” – un tortonese asso dell’aviazione nella Prima Guerra Mondiale

Intervistando la storia |  A poco più di cent’anni dopo la realizzazione del Volo su Vienna da parte dei Gabriele d’Annunzio, grazie alle ricerche di Paolo Varriale, da lui pubblicate in “Gli assi italiani della Grande Guerra”, abbiamo il piacere di intervistare un nostro conterraneo asso dell’aviazione italiana di quegli anni: il tortonese Ernesto Cabruna

Argento da un club all’altro

Opinioni | “Asia Argento da vittima a carnefice. Soldi al baby attore che l’ha accusata”. Ormai non ci risparmiano più niente nei titoli, ma anche l’interpretazione dei fatti non scherza...

L'evoluzione della società da contadina a terziaria e la demografia della provincia

Opinioni | Nel ventennio 1951-1971 il grande esodo verso i centri zona.Dagli anni '70 inizia un progressivo calo demografico e invecchiamento della popolazione solo in parte attenuato dall'immigrazione fra il 2001 e il 2011

Ribellarsi è giusto

Opinioni | Il disumano dilaga, oltre ogni limite sopportabile. Infiniti gli esempi possibili della fenomenologia dell'orrore. Ma qualche segnale positivo per la verità c'è stato