Alessandria

Sofri su "Il Foglio": "il Comune deruba i mendicanti"

Adriano Sofri in un'opinione su Il Foglio si occupa del caso di Alessandria: "il Comune di Alessandria proclama di voler derubare i mendicanti delle elemosine che hanno raccolto. Più precisamente, non si tratta di un furto, ma di una rapina, a mano armata nel caso in cui i vigili urbani siano armati"

ALESSANDRIA - Il "caso" di Alessandria e delle politiche adottate dalla giunta di Cuttica di Revigliasco balza sulle pagine de "Il Foglio" e, più precisamente, in uno scritto di Adriano Sofri, rilanciato anche dai social. Sofri, in pratica, sostiene che confiscare il provento della questua dei mendicati, equivale ad un "furto". Anzi, ad una rapina se l'agente di polizia municipale è armato.
Questo è quanto scrive Sofri: 

 il Comune di Alessandria proclama di voler derubare i mendicanti delle elemosine che hanno raccolto. Più precisamente, non si tratta di un furto, ma di una rapina, a mano armata nel caso in cui i vigili urbani siano armati.
"La Stampa ieri aveva questo titolo: “Alessandria dichiara guerra ai questuanti: elemosina vietata quasi ovunque e denaro confiscato ai mendicanti”. Ammetto di essere stato impressionato. “Denaro confiscato ai mendicanti” significa infatti, allo stato delle leggi vigenti, che il Comune di Alessandria proclama di voler derubare i mendicanti delle elemosine che hanno raccolto. Più precisamente, non si tratta di un furto, ma di una rapina, a mano armata nel caso in cui i vigili urbani siano armati. Ho letto l’articolo. Riferiva la decisione del Consiglio comunale, che ha una maggioranza di destra e un sindaco leghista, di rendere permanenti e inserire nel Regolamento di Polizia urbana le misure di “guerra all’accattonaggio” che l’anno scorso fecero già un ricercato chiasso. Arricchite ora da un “emendamento che prevede la confisca amministrativa del denaro che costituisce il prodotto o il profitto della violazione”.

Continua qui




4/02/2018







blog comments powered by Disqus


Giovanni Carpenè, il volto sorridente della cooperazione alessandrina

Opinioni | Prete operaio, sindacalista di sinistra e intellettuale perché è da lui che partono gli stimoli in direzione di quello che sarà il suo contributo più importante al nostro vivere civile: la giustizia sociale e l’accoglienza degli immigrati, la cooperazione internazionale

Festival della prevenzione e innovazione in oncologia ad Alessandria

Opinioni |  Si è appena conclusa la kermesse organizzata dall’Associazione Italiana di Oncologia Medica. Sono stati tre giorni intensi, in cui medici e operatori sanitari sono scesi in piazza per informare e sensibilizzare i cittadini sull’importanza di preservare la propria salute e di prevenire la malattia

Città di ferro e football

Mondiali di calcio 2018 | I molti esordi deludenti delle nazionali favorite per la vittoria finale del 21esimo Mondiale di calcio rischiano di essere considerate un grave sgarbo diplomatico

Da Voltaggio a Roma: Giovanni Battista de Rossi, un “santo del Confessionale”.

Intervistando la storia | La storia del nostro territorio è caratterizzata non solo da grandi personaggi che vennero e agirono qui da noi, ma anche da nostri conterranei che diedero altrove dimostrazione del proprio talento. E’ il caso di Giovanni Battista de Rossi, nato a Voltaggio nel 1698, che trovò la propria vocazione a Roma, dove morì nel 1764

La “Demacrazia” da Napoli ad Alessandria: il 'modello De Magistris' per un’alternativa possibile

Opinioni | Mercoledì 6 il Laboratorio Sociale di Alessandria ha ospitato il sindaco di Napoli Luigi De Magistris per la presentazione del libro di Giacomo Russo Spena 'Demacrazia - Il popolo è il mio partito': "Il diritto non è solo sanzione e divieto, ma un grande strumento di trasformazione sociale se si connette con le masse popolari”