Opinioni

“Soli al comando”: Bruno Vespa racconta debolezze, punti di forza e amori dei leader del '900

Le biografie di grandi leader del ‘900 per rievocare un secolo di storia attraverso le vite di sedici uomini stranieri e dodici italiani e narrare la solitudine del potere

LO SCAFFALE - Soli al comando. Da Stalin a Renzi, da Mussolini a Berlusconi, da Hitler a Grillo. Storia, amori, errori di Bruno Vespa (Rai Eri Mondadori 2017, 20 €).

Bruno Vespa (L’Aquila, 1944) dagli esordi giovanissimo, 16 anni appena, come collaboratore per la stampa locale abruzzese, la carriera di giornalista l’ha iniziata, dopo la laurea in giurisprudenza, tesi diritto di cronaca, vincendo come primo classificato il concorso nazionale per telecronisti Rai. Assegnato alla redazione del telegiornale unificato, diventa ben presto inviato speciale. Dal 1996 la sua trasmissione “Porta a porta” è il programma di politica, attualità e costume più seguito. Notevole ricordare che papa Giovanni Paolo II vi intervenne con una memorabile telefonata in diretta. Giornalista, conduttore televisivo ma anche, scrittore, ha vinto nel 2004 il Premio Bancarella, il Saint Vincent per la televisione due volte, nel 1979 e nel 2000 e nel 2011 sia quello alla carriera sia l’Estense per il giornalismo. Storia d’Italia da Mussolini a Berlusconi, Vincitori e vinti, L’Italia spezzata, L’amore e il potere, Viaggio in un’Italia diversa, Donne di cuori, Il cuore e la spada, Questo amore, Il Palazzo e la piazza, Sale, zucchero e caffè, Italiani voltagabbana, Donne d’Italia, C’eravamo tanti amati, sono soltanto alcune delle sue pubblicazioni.

Raccontare il potere piace a Bruno Vespa. Ce ne accorgiamo da ventun anni seguendo la trasmissione “Porta a porta” e non ci deve stupire quindi, che abbia deciso di farlo nel suo ultimo libro “Soli al comando”. Raccolta di ben ventotto biografie di grandi leader del ‘900 per rievocare un secolo di storia attraverso le vite di sedici uomini stranieri e dodici italiani, per narrare la solitudine del potere.

Vespa ha raccontato, nel corso delle numerose interviste televisive che lo hanno visto protagonista in queste settimane, come gli “uomini forti” della storia lo abbiano sempre affascinato, da qui il desiderio di approfondirne vita e opera.

Uomini tanto forti da lasciarsi cadere a causa di un vero e proprio delirio di onnipotenza, la riflessione finale, perché se lampi di genio hanno permesso loro di conquistare il potere, sono per lo più caduti per un inciampo evitabile.

Il nuovo libro di Bruno Vespa, scritto in maniera semplice come è abitudine dell’autore per arrivare dritto al suo pubblico eterogeneo, racconta i grandi uomini, compresi i dittatori del ‘900, prima di tutto come persone quindi, non tralasciando debolezze, punti di forza e amori.

Una scelta che ha dato vita a un racconto lontano dai canoni di un libro di storia perché, sottolinea con enfasi, i “soli al comando” possano essere cattivi avendo un carattere forte, spesso violento, spesso tragico.

2/01/2018







blog comments powered by Disqus


Vacanza in Usa: cominciamo da qui!

Life | Tempo di vacanze, tempo di partenze. Gli Stati Uniti sono la destinazione delle vacanze per molti italiani. Ecco alcuni passaggi obbligati per prepararsi al viaggio negli Usa

Supervulcani

Opinioni | Quali sarebbero le conseguenze del risveglio di uno di questi giganti? Se avete visto film come “Dante's Peak - La furia della montagna” non avete la più lontana idea del disastro che potrebbe accadere. Un'eruzione dei Campi Flegrei come quella di 15.000 anni fa penso che cancellerebbe ogni traccia umana da buona parte del sud Italia e avrebbe pesanti conseguenze in tutto il bacino del Mediterraneo

“Pubblicità Publicité”: chi eravamo per meglio comprendere chi siamo diventati

Lo scaffale | Palazzo Robellini ad Acqui Terme diventa, con il Liceo Saracco, il fulcro di una sempre attuale opportunità di ammirazione per il bello. Protagonista quest’anno la pubblicità in Italia. Ne fa raccolta un interessante libro che, con le sue pagine colorate, ne è la sintesi perfetta

Quanti?

Opinioni | L’appello di qualcuno, accogliamoli tutti i migranti, è pura utopia. “Quanti” è uno dei concetti chiave, forse il principale, che bisogna usare sia per capire questi fenomeni migratori e sia per valutare la praticabilità delle possibili soluzioni

Gli Immigrati Delinquono di più? Falso

Opinione | L'Italia non può somigliare al Far West! Integrare e regolarizzare gli immigrati che vogliono rimanere nel nostro Paese contribuisce ad abbassare il tasso di criminalità