Mondiali di Calcio 2018

Sono Mondiali per Diavoli

Nella sera del Tatarstan, sulle rive della matushka, la Volga madre di tutti i fiumi, le nazionali eliminate, quelle che possono ancora rimanere e, ovviamente, la Francia aspettavano di veder passare il cadavere calcistico del Brasile. E così è stato

Nella sera del Tatarstan, sulle rive della matushka, la Volga madre di tutti i fiumi, le nazionali eliminate, quelle che possono ancora rimanere e, ovviamente, la Francia aspettavano di veder passare il cadavere calcistico del Brasile. E così è stato.
A Kazan, dove 100 anni fa l’Armata Rossa di Trockij perse per una notte e un giorno e poi vinse per quasi sempre una guerra civile e la Rivoluzione, i Diavoli Rossi belgi hanno inflitto ai Verdeoro uno dei peggiori tracolli della loro storia. Neymar Jr e compagni erano giunti qui per vendicare l’impietosa sconfitta per 7 a 1 subita dalla Germania nei Mondiali casalinghi 2014, appuntandosi sul petto la sesta delle stelle che spettano ai vincitori della Coppa. Sognavano di ripetere l’impresa di Pelè e Garrincha, unici sudamericani a espugnare l’Europa, in Svezia, nel 1958. Sprizzavano molta fiducia e moltissima supponenza e hanno riso degli eroi caduti, dei Messi e dei Cristiano Ronaldo; degli Iniesta e degli Kroos. Ora non ridono più.

Questa débacle è ancora peggiore, se possibile, dell’umiliazione di Belo Horizonte, quando i Tedeschi diedero il colpo di grazia ad una squadra che aveva solo sofferto, sempre oltre l’orlo di una crisi di nervi. Incapace di reggere le pressioni di un popolo stanco di essere solo carnevale e torcida e che aveva manifestato a lungo contro i costi economici e umani di stadi costruiti nella foresta amazzonica e uno stato che pensava di anestetizzare negli stadi e nei dribbling il baratro della disuguaglianza. Il Brasile del 2014 soffriva di saudade a casa propria e in fondo la Germania risparmiò ai brasiliani di perdere contro l’Argentina in finale, in un remake truculento del 1950.

Ieri sera, a Kazan, una squadra zeppa di corsa e talento è stata schiantata da qualcosa che, se l’avesse fatta l’Italia tutti avrebbero chiamato catenaccio e contropiede. E quando Courtois, probabilmente il miglior portiere del mondo, ha tolto dalla porta il tiro del possibile pareggio, molti avranno ricordato la miracolosa parata di Dino Zoff al Sarrià di Barcellona.

Da ieri il Mondiale è una faccenda esclusivamente europea. Tutti gli altri continenti, compreso il Sud America, hanno dovuto chinare il capo a nazionali in grado di esprimere il meglio di questo gioco dopo aver assimilato e migliorato tutte le altre scuole, dimostrando almeno in questo ambito quella vivacità cosmopolita che pretendevamo di esportare e invece, oggi, ripudiamo. Brasile e Belgio è stata forse la partita di football con la percentuale più alta di pettinature afro presenti e due erano belghe. Le zazzere di Witsel e Fellaini hanno svettato per novanta minuti sui centrocampisti brasiliani e questo potrebbe davvero essere l’anno di questi soul men, al cospetto dei quali le diatribe tra fiamminghi e valloni roba da XX Secolo, che poi è quello scorso. La semifinale con la Francia sarà un evento, in tutti i sensi.

Dasvidania Tovarishes.

6/07/2018
Simone Farello







blog comments powered by Disqus


Autodifesa al femminile: quando un corso è realmente efficace

Opinioni | Se è vero che la donna è meno forte e fisicamente strutturata in modo diverso rispetto all’uomo, è altrettanto vero che dispone di risorse aggressive sufficienti a scoraggiare o neutralizzare temporaneamente un aggressore. Combattere questa condizione di “soggezione psicologica” e rifiutare la condizione di vittima a priori è il primo passo per pensare di potersi difendere

20 aprile 1943: la grande fuga dal Forte di Gavi

Intervistando la storia | Dal gennaio 1942 al settembre 1943 il Forte di Gavi fu utilizzato dal Regio Esercito Italiano come “Campo N°5 per ufficiali pericolosi”. Grazie all’uscita del libro “Un uomo in fuga” di David Guss, possiamo fare qualche domanda agli autori di un tentativo di fuga (quasi) riuscito

Via Giordano Bruno: il cemento al posto del verde

Opinioni | Lo spazio centrale della via, pensato e progettato come una lunga aiuola verde, è stato, per una parte, già coperto dal cemento, mentre la restante è predisposta per esserlo. Una decisione e una modifica del progetto assunta senza suscitare, credo, proteste o clamori. Ma è con queste sbrigative “soluzioni” che la città diventa, non solo meno verde, ma più brutta e più triste

Letture per l’Attesa

Opinioni | La lettura è un prezioso strumento per i mesi di attesa dentro e fuori. Come orientarsi nella miriade di libri presenti in commercio? Quali devono essere le caratteristiche di una lettura perfetta in attesa?

Nel segno dei padri. La storia di Guglielmina e Peter

Lo scaffale | Se né le colpe né i meriti dei padri devono ricadere sui figli, la storia per questi due figli della guerra ha lasciato loro in dono una responsabilità molto forte. La responsabilità di raccontare, di capire, di comprendere, di perdonate, di riconciliare