Mondiali di Calcio 2018

Sono Mondiali per giovani

Rispettosi del tabellone dei Mondiali di Calcio, abbiamo a malincuore attraversato gli Urali e ci siamo trasferiti a Kazan, capitale della Repubblica del Tatarastan. Siamo giunti qui attratti da Francia e Argentina e dal ruolo che questa città sta assumendo nel mondo

Rispettosi del tabellone dei Mondiali di Calcio, abbiamo a malincuore attraversato gli Urali e ci siamo trasferiti a Kazan, capitale della Repubblica del Tatarastan. Siamo giunti qui attratti da Francia e Argentina e dal ruolo che questa città sta assumendo, lontano dalle consapevolezze di un occidente che continua a sentirsi il centro del mondo, senza capire che delle sue tante egemonie una delle poche a salvarsi sarà, forse, proprio quella calcistica.
Proprio a Kazan, invece, possiamo capire, con un misto di disagio e di meraviglia, che “verso l’oriente l’Impero dirige il suo corso”. Mentre la Transiberiana rimane la vestigia di una Russia romanzesca, bloccata in un passato che ci piace pensare immoto, come a tutti i turisti; Kazan sarà il capolinea del primo treno ad alta velocità della Russia di Putin: una linea che si snoderà da Mosca per 800 Km e ridurrà la distanza tra le due città da 14 ore a 3 e mezza. Un’opera di dimensioni epocali che rappresenta solo un segmento di una traiettoria ancora più estesa, che da Pechino porterà proprio a Ekaterinburg da una parte e all’Europa dall’altra.

Nelle città di questo campionato del mondo si percepisce l’energia sprigionata dalle contraddizioni della crescita, con i suoi oligarchi coatti e smodati, il gangsterismo endemico, periferie di estrema miseria inondate di vodka di pessima qualità ma, insieme a tutto questo, milioni di sguardi proiettati nelle opportunità del futuro, con l’ambizione dei popoli giovani. Se il secolo americano nacque nella Union Station immortalata ne ‘Gli Intoccabili’ citando la scena più rivoluzionaria de ‘La corrazzata Potemkin’; il secolo orientale nasce sui binari di questa che i Cinesi chiamano la “nuova via della seta” e punta diritta verso di noi. Agli occhi di queste nuove genti, il calcio europeo e sudamericano deve apparire come a noi la filosofia greca o la musica classica asburgica: il sublime lascito di una cultura in dissolvenza, come dimostrerebbe anche la contemporanea caduta degli yin e yang Messi e Ronaldo anche se, come previsto, il secondo sembra solo inciampato e pronto a ricominciare da capo.

Ma come tutti i fatti universali il calcio si rinnova nelle cadute dei suoi eroi, investendone di nuovi. Se c’è una cosa che colpisce della Francia che ha battuto l’Argentina, non è più la capacità di incrociare etnie, ma di far convivere generazioni. Il burbero Deschamps fa da guida al maturato Pogba, con il suo talento ormai assennato e al il volto glabro del ventiduenne Pavard, il cui goal è un gesto estetico che potrebbe finire sulle bustine delle figurine,come la rovesciata di Parola, tanto è emblematico della bellezza che può regalare questo sport da incoscienti. Soprattutto custodisce il sorriso disarmante e gioioso dell’immarcabile diciannovenne Mbappè, un calciatore ragazzo con, Uruguay permettendo, tutta la vita davanti.

Dasvidania Tovarishes.

1/07/2018
Simone Farello







blog comments powered by Disqus


Autodifesa al femminile: quando un corso è realmente efficace

Opinioni | Se è vero che la donna è meno forte e fisicamente strutturata in modo diverso rispetto all’uomo, è altrettanto vero che dispone di risorse aggressive sufficienti a scoraggiare o neutralizzare temporaneamente un aggressore. Combattere questa condizione di “soggezione psicologica” e rifiutare la condizione di vittima a priori è il primo passo per pensare di potersi difendere

20 aprile 1943: la grande fuga dal Forte di Gavi

Intervistando la storia | Dal gennaio 1942 al settembre 1943 il Forte di Gavi fu utilizzato dal Regio Esercito Italiano come “Campo N°5 per ufficiali pericolosi”. Grazie all’uscita del libro “Un uomo in fuga” di David Guss, possiamo fare qualche domanda agli autori di un tentativo di fuga (quasi) riuscito

Via Giordano Bruno: il cemento al posto del verde

Opinioni | Lo spazio centrale della via, pensato e progettato come una lunga aiuola verde, è stato, per una parte, già coperto dal cemento, mentre la restante è predisposta per esserlo. Una decisione e una modifica del progetto assunta senza suscitare, credo, proteste o clamori. Ma è con queste sbrigative “soluzioni” che la città diventa, non solo meno verde, ma più brutta e più triste

Letture per l’Attesa

Opinioni | La lettura è un prezioso strumento per i mesi di attesa dentro e fuori. Come orientarsi nella miriade di libri presenti in commercio? Quali devono essere le caratteristiche di una lettura perfetta in attesa?

Nel segno dei padri. La storia di Guglielmina e Peter

Lo scaffale | Se né le colpe né i meriti dei padri devono ricadere sui figli, la storia per questi due figli della guerra ha lasciato loro in dono una responsabilità molto forte. La responsabilità di raccontare, di capire, di comprendere, di perdonate, di riconciliare