Intervistando la storia

Tiberio Torriani, Vescovo di Tortona e pacificatore tra guelfi e ghibellini a Novi

Ora che la visita di mons. Vittorio Viola alla Zona Pastorale di Novi Ligure è in pieno svolgimento, vogliamo intervistare, dopo Giseprando, un altro Vescovo di Tortona che non si disinteressò ai problemi politici della sua gente

INTERVISTANDO LA STORIA -  Ora che la visita di mons. Vittorio Viola alla Zona Pastorale di Novi Ligure è in pieno svolgimento, vogliamo intervistare, dopo Giseprando, un altro Vescovo di Tortona che non si disinteressò ai problemi politici della sua gente.

Torriani o “della Torre”, è la famiglia guelfa che ebbe la signoria di Milano prima dei Visconti?
Sì: dopo la battaglia di Desio (1277), i Visconti ci esiliarono, così ci rifugiammo nel Patriarcato di Aquileia, retto dal vescovo Raimondo della Torre, che mi ordinò sacerdote e mi affidò delicati incarichi diplomatici.

Quando giunse qui da noi, a Tortona?
Fui nominato l’11 luglio 1317 da papa Giovanni XXII nell’ottica di una rete di alleanze contro i Visconti, capi della fazione ghibellina: dato però che Tortona era sotto controllo visconteo, mi trasferii a Genova, diocesi confinante, sotto la protezione delle armi di Roberto d’Angiò, re di Napoli, capo dei guelfi italiani. Entrai in possesso effettivo della mia diocesi solo nel 1322, quando le truppe di re Roberto presero il controllo di Tortona.

E a quel punto fece mandare in esilio i ghibellini da Tortona e dal suo territorio, che all’epoca arrivava fino a Novi.
No. Il Vangelo supera la logica della vendetta continua tra guelfi e ghibellini: io preferii comportarmi da uomo di Dio, e l’8 settembre 1324 riuscii ad imporre ai Bianchi e gli altri guelfi novesi un compromesso con i Cavanna, capi dei ghibellini locali.

E come?
Primo, facendo consegnare il castello di Novi ai soldati di re Roberto. Secondo, vietando sia ai Bianchi che ai Cavanna di avere contatti con altri esponenti non-novesi della propria fazione. Terzo, stabilendo multe pesanti a chi infrangeva il patto perché, purtroppo, le scomuniche non hanno più l’effetto di un tempo. In questo modo volli rompere la spirale nefasta che caratterizzava le lotte tra guelfi e ghibellini in tutta Italia: la fazione esiliata si metteva d’accordo con i forestieri per rientrare e mandare via chi li ha precedentemente espulsi. Le conseguenze di questo circolo vizioso appena descritto? Instabilità continua, disgregazione sociale e perdita del senso di comunità: mali che sembrano affliggere ancora la vostra società, anche se con meno spargimento di sangue rispetto ad allora.

Quanto rimase a Tortona?

Poco. Nel 1325 feci uno scambio di sede con Princivalle Fieschi: io andai al suo posto a Brescia, dove rimasi fino alla mia morte nel 1333; lui fece il suo ingresso a Tortona. Entrambi ci avvicinammo a casa, essendo lui di nobile famiglia genovese; e lui, più di me, riuscì a far breccia nel cuore dei suoi concittadini.
12/02/2018







blog comments powered by Disqus


Giovanni Carpenè, il volto sorridente della cooperazione alessandrina

Opinioni | Prete operaio, sindacalista di sinistra e intellettuale perché è da lui che partono gli stimoli in direzione di quello che sarà il suo contributo più importante al nostro vivere civile: la giustizia sociale e l’accoglienza degli immigrati, la cooperazione internazionale

Festival della prevenzione e innovazione in oncologia ad Alessandria

Opinioni |  Si è appena conclusa la kermesse organizzata dall’Associazione Italiana di Oncologia Medica. Sono stati tre giorni intensi, in cui medici e operatori sanitari sono scesi in piazza per informare e sensibilizzare i cittadini sull’importanza di preservare la propria salute e di prevenire la malattia

Città di ferro e football

Mondiali di calcio 2018 | I molti esordi deludenti delle nazionali favorite per la vittoria finale del 21esimo Mondiale di calcio rischiano di essere considerate un grave sgarbo diplomatico

Da Voltaggio a Roma: Giovanni Battista de Rossi, un “santo del Confessionale”.

Intervistando la storia | La storia del nostro territorio è caratterizzata non solo da grandi personaggi che vennero e agirono qui da noi, ma anche da nostri conterranei che diedero altrove dimostrazione del proprio talento. E’ il caso di Giovanni Battista de Rossi, nato a Voltaggio nel 1698, che trovò la propria vocazione a Roma, dove morì nel 1764

La “Demacrazia” da Napoli ad Alessandria: il 'modello De Magistris' per un’alternativa possibile

Opinioni | Mercoledì 6 il Laboratorio Sociale di Alessandria ha ospitato il sindaco di Napoli Luigi De Magistris per la presentazione del libro di Giacomo Russo Spena 'Demacrazia - Il popolo è il mio partito': "Il diritto non è solo sanzione e divieto, ma un grande strumento di trasformazione sociale se si connette con le masse popolari”