Intervistando la storia

Tiberio Torriani, Vescovo di Tortona e pacificatore tra guelfi e ghibellini a Novi

Ora che la visita di mons. Vittorio Viola alla Zona Pastorale di Novi Ligure è in pieno svolgimento, vogliamo intervistare, dopo Giseprando, un altro Vescovo di Tortona che non si disinteressò ai problemi politici della sua gente

INTERVISTANDO LA STORIA -  Ora che la visita di mons. Vittorio Viola alla Zona Pastorale di Novi Ligure è in pieno svolgimento, vogliamo intervistare, dopo Giseprando, un altro Vescovo di Tortona che non si disinteressò ai problemi politici della sua gente.

Torriani o “della Torre”, è la famiglia guelfa che ebbe la signoria di Milano prima dei Visconti?
Sì: dopo la battaglia di Desio (1277), i Visconti ci esiliarono, così ci rifugiammo nel Patriarcato di Aquileia, retto dal vescovo Raimondo della Torre, che mi ordinò sacerdote e mi affidò delicati incarichi diplomatici.

Quando giunse qui da noi, a Tortona?
Fui nominato l’11 luglio 1317 da papa Giovanni XXII nell’ottica di una rete di alleanze contro i Visconti, capi della fazione ghibellina: dato però che Tortona era sotto controllo visconteo, mi trasferii a Genova, diocesi confinante, sotto la protezione delle armi di Roberto d’Angiò, re di Napoli, capo dei guelfi italiani. Entrai in possesso effettivo della mia diocesi solo nel 1322, quando le truppe di re Roberto presero il controllo di Tortona.

E a quel punto fece mandare in esilio i ghibellini da Tortona e dal suo territorio, che all’epoca arrivava fino a Novi.
No. Il Vangelo supera la logica della vendetta continua tra guelfi e ghibellini: io preferii comportarmi da uomo di Dio, e l’8 settembre 1324 riuscii ad imporre ai Bianchi e gli altri guelfi novesi un compromesso con i Cavanna, capi dei ghibellini locali.

E come?
Primo, facendo consegnare il castello di Novi ai soldati di re Roberto. Secondo, vietando sia ai Bianchi che ai Cavanna di avere contatti con altri esponenti non-novesi della propria fazione. Terzo, stabilendo multe pesanti a chi infrangeva il patto perché, purtroppo, le scomuniche non hanno più l’effetto di un tempo. In questo modo volli rompere la spirale nefasta che caratterizzava le lotte tra guelfi e ghibellini in tutta Italia: la fazione esiliata si metteva d’accordo con i forestieri per rientrare e mandare via chi li ha precedentemente espulsi. Le conseguenze di questo circolo vizioso appena descritto? Instabilità continua, disgregazione sociale e perdita del senso di comunità: mali che sembrano affliggere ancora la vostra società, anche se con meno spargimento di sangue rispetto ad allora.

Quanto rimase a Tortona?

Poco. Nel 1325 feci uno scambio di sede con Princivalle Fieschi: io andai al suo posto a Brescia, dove rimasi fino alla mia morte nel 1333; lui fece il suo ingresso a Tortona. Entrambi ci avvicinammo a casa, essendo lui di nobile famiglia genovese; e lui, più di me, riuscì a far breccia nel cuore dei suoi concittadini.
12/02/2018







blog comments powered by Disqus


Autodifesa al femminile: quando un corso è realmente efficace

Opinioni | Se è vero che la donna è meno forte e fisicamente strutturata in modo diverso rispetto all’uomo, è altrettanto vero che dispone di risorse aggressive sufficienti a scoraggiare o neutralizzare temporaneamente un aggressore. Combattere questa condizione di “soggezione psicologica” e rifiutare la condizione di vittima a priori è il primo passo per pensare di potersi difendere

20 aprile 1943: la grande fuga dal Forte di Gavi

Intervistando la storia | Dal gennaio 1942 al settembre 1943 il Forte di Gavi fu utilizzato dal Regio Esercito Italiano come “Campo N°5 per ufficiali pericolosi”. Grazie all’uscita del libro “Un uomo in fuga” di David Guss, possiamo fare qualche domanda agli autori di un tentativo di fuga (quasi) riuscito

Via Giordano Bruno: il cemento al posto del verde

Opinioni | Lo spazio centrale della via, pensato e progettato come una lunga aiuola verde, è stato, per una parte, già coperto dal cemento, mentre la restante è predisposta per esserlo. Una decisione e una modifica del progetto assunta senza suscitare, credo, proteste o clamori. Ma è con queste sbrigative “soluzioni” che la città diventa, non solo meno verde, ma più brutta e più triste

Letture per l’Attesa

Opinioni | La lettura è un prezioso strumento per i mesi di attesa dentro e fuori. Come orientarsi nella miriade di libri presenti in commercio? Quali devono essere le caratteristiche di una lettura perfetta in attesa?

Nel segno dei padri. La storia di Guglielmina e Peter

Lo scaffale | Se né le colpe né i meriti dei padri devono ricadere sui figli, la storia per questi due figli della guerra ha lasciato loro in dono una responsabilità molto forte. La responsabilità di raccontare, di capire, di comprendere, di perdonate, di riconciliare