Lo scaffale

“Titanic il naufragio dell’ordine liberale” di Vittorio Emanuele Parsi

Nel suo saggio datato 2018, l'autore racconta come “a partire dagli anni Ottanta, l’ordine globale neoliberale abbia sostituito l’ordine liberale che governava il sistema internazionale del secondo dopoguerra”

LO SCAFFALE - Titanic il naufragio dell’ordine liberale di Vittorio Emanuele Parsi – Il Mulino – 2018 – 16 €.

Vittorio Emanuele Parsi (Torino, 1961) è professore ordinario di Relazioni Internazionali presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e dal 2002 professore nella Facoltà di Economia dell’Università della Svizzera Italiana e direttore dell’Alta Scuola di Economia e Relazioni Internazionali Aseri dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Ha insegnato alla Royal University di Phnom Penh in Cambogia, alla Kazakhstan Law Academy di Alma Ata in Kazakhstan, alla Università statale di Novosibirsk in Russia e alla Saint Joseph University di Beirut in Libano. Dal 2002 al 2013 è stato professore a contratto nella Facoltà di Economia dell'Università della Svizzera Italiana (Usi). Già editorialista del quotidiano La Stampa e di Avvenire, dal 2013 è editorialista del Sole 24 ore. È direttore della rivista Idem. Collabora con Filosofia Politica, Affari Internazionali, La Comunità Internazionale, Paradoxa, Aspenia, Biblioteca della Libertà, Teoria Politica, Longitude.

Di auspici per un mondo più sicuro, più giusto e più ricco ne abbiamo vissuto. Ma la mancata realizzazione delle promesse ha messo in crisi l’ordine internazionale.  Lo analizza bene Vittorio Emanuele Parsi che, nel suo saggio datato 2018, ci racconta come “a partire dagli anni Ottanta, l’ordine globale neoliberale abbia sostituito l’ordine liberale che governava il sistema internazionale del secondo dopoguerra”.

“Analogamente al Titanic - confronta l’autore - il mondo è stato portato su una rotta diversa e più pericolosa da quella segnata dall’incontro e reciproco bilanciamento di democrazia e mercato. Davanti ai nostri occhi, oggi come allora, si erge minaccioso un iceberg le cui quattro facce si chiamano declino della leadership americana ed emergere delle potenze autoritarie di Russia e Cina, polverizzazione della minaccia legata al terrorismo, deriva revisionista della presidenza Trump, affaticamento delle democrazie strette fra populismo e tecnocrazia”.

Mutuato dal titolo dell’album di Francesco De Gregori, dal quale l’autore prende spunto, l’approccio con il lettore è per rendere percepibile la sensazione di spaesamento nel “traguardare la realtà che sperimentiamo quotidianamente”.
2/07/2018







blog comments powered by Disqus


Autodifesa al femminile: quando un corso è realmente efficace

Opinioni | Se è vero che la donna è meno forte e fisicamente strutturata in modo diverso rispetto all’uomo, è altrettanto vero che dispone di risorse aggressive sufficienti a scoraggiare o neutralizzare temporaneamente un aggressore. Combattere questa condizione di “soggezione psicologica” e rifiutare la condizione di vittima a priori è il primo passo per pensare di potersi difendere

20 aprile 1943: la grande fuga dal Forte di Gavi

Intervistando la storia | Dal gennaio 1942 al settembre 1943 il Forte di Gavi fu utilizzato dal Regio Esercito Italiano come “Campo N°5 per ufficiali pericolosi”. Grazie all’uscita del libro “Un uomo in fuga” di David Guss, possiamo fare qualche domanda agli autori di un tentativo di fuga (quasi) riuscito

Via Giordano Bruno: il cemento al posto del verde

Opinioni | Lo spazio centrale della via, pensato e progettato come una lunga aiuola verde, è stato, per una parte, già coperto dal cemento, mentre la restante è predisposta per esserlo. Una decisione e una modifica del progetto assunta senza suscitare, credo, proteste o clamori. Ma è con queste sbrigative “soluzioni” che la città diventa, non solo meno verde, ma più brutta e più triste

Letture per l’Attesa

Opinioni | La lettura è un prezioso strumento per i mesi di attesa dentro e fuori. Come orientarsi nella miriade di libri presenti in commercio? Quali devono essere le caratteristiche di una lettura perfetta in attesa?

Nel segno dei padri. La storia di Guglielmina e Peter

Lo scaffale | Se né le colpe né i meriti dei padri devono ricadere sui figli, la storia per questi due figli della guerra ha lasciato loro in dono una responsabilità molto forte. La responsabilità di raccontare, di capire, di comprendere, di perdonate, di riconciliare