Lo scaffale

“Titanic il naufragio dell’ordine liberale” di Vittorio Emanuele Parsi

Nel suo saggio datato 2018, l'autore racconta come “a partire dagli anni Ottanta, l’ordine globale neoliberale abbia sostituito l’ordine liberale che governava il sistema internazionale del secondo dopoguerra”

LO SCAFFALE - Titanic il naufragio dell’ordine liberale di Vittorio Emanuele Parsi – Il Mulino – 2018 – 16 €.

Vittorio Emanuele Parsi (Torino, 1961) è professore ordinario di Relazioni Internazionali presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e dal 2002 professore nella Facoltà di Economia dell’Università della Svizzera Italiana e direttore dell’Alta Scuola di Economia e Relazioni Internazionali Aseri dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Ha insegnato alla Royal University di Phnom Penh in Cambogia, alla Kazakhstan Law Academy di Alma Ata in Kazakhstan, alla Università statale di Novosibirsk in Russia e alla Saint Joseph University di Beirut in Libano. Dal 2002 al 2013 è stato professore a contratto nella Facoltà di Economia dell'Università della Svizzera Italiana (Usi). Già editorialista del quotidiano La Stampa e di Avvenire, dal 2013 è editorialista del Sole 24 ore. È direttore della rivista Idem. Collabora con Filosofia Politica, Affari Internazionali, La Comunità Internazionale, Paradoxa, Aspenia, Biblioteca della Libertà, Teoria Politica, Longitude.

Di auspici per un mondo più sicuro, più giusto e più ricco ne abbiamo vissuto. Ma la mancata realizzazione delle promesse ha messo in crisi l’ordine internazionale.  Lo analizza bene Vittorio Emanuele Parsi che, nel suo saggio datato 2018, ci racconta come “a partire dagli anni Ottanta, l’ordine globale neoliberale abbia sostituito l’ordine liberale che governava il sistema internazionale del secondo dopoguerra”.

“Analogamente al Titanic - confronta l’autore - il mondo è stato portato su una rotta diversa e più pericolosa da quella segnata dall’incontro e reciproco bilanciamento di democrazia e mercato. Davanti ai nostri occhi, oggi come allora, si erge minaccioso un iceberg le cui quattro facce si chiamano declino della leadership americana ed emergere delle potenze autoritarie di Russia e Cina, polverizzazione della minaccia legata al terrorismo, deriva revisionista della presidenza Trump, affaticamento delle democrazie strette fra populismo e tecnocrazia”.

Mutuato dal titolo dell’album di Francesco De Gregori, dal quale l’autore prende spunto, l’approccio con il lettore è per rendere percepibile la sensazione di spaesamento nel “traguardare la realtà che sperimentiamo quotidianamente”.
2/07/2018







blog comments powered by Disqus


A Star is Born

Cinema | Il film, tra i più visti nelle sale italiane negli ultimi giorni, è fondamentalmente un melodramma che, nonostante l’impegno e la bravura dei suoi interpreti, non si discosta dai cliché del genere, un po’ convenzionale sia a livello narrativo che stilistico

Tra Piacenza e Tortona: il destino di Maiorano, ultimo imperatore di Roma

Intervistando la storia | Molti fanno risalire, convenzionalmente, la fine dell’Impero Romano alla deposizione di Romolo Augustolo nel 476 d.C. Altri, invece, considerano come ultimo imperatore romano d’Occidente un personaggio quasi sconosciuto al di fuori della cerchia degli studiosi: Giulio Valerio Maiorano

L’urbanistica della civiltà

Opinioni | L’organicità dell’attività di pianificazione è fondamentale nella misura in cui stabilire come si percorre la città presuppone a monte un’idea di città e di uso dei suoi spazi, senza farsi spaventare dai tempi di un’operazione inevitabilmente complessa. Parliamone

Paolo VI, oltre la “falange di Cristo Redentore”

Opinioni | Domani sarà canonizzato Paolo VI; l’occasione suggerisce un ritorno alla sua vicenda, dal punto di vista della storia della Chiesa e in considerazione della centralità di un personaggio troppo dimenticato dall’opinione pubblica anche cattolica

Ritratto di cena con artista, una mostra che racconta l'arte di rappresentare il cibo

Opinioni | A Valenza una mostra per raccontare l’arte di rappresentare il cibo. Tra le opere esposte una selezione di dipinti della collezione d’arte del Centro comunale di cultura cui si aggiungono lavori di artisti e designer contemporanei