Lo scaffale

“Titanic il naufragio dell’ordine liberale” di Vittorio Emanuele Parsi

Nel suo saggio datato 2018, l'autore racconta come “a partire dagli anni Ottanta, l’ordine globale neoliberale abbia sostituito l’ordine liberale che governava il sistema internazionale del secondo dopoguerra”

LO SCAFFALE - Titanic il naufragio dell’ordine liberale di Vittorio Emanuele Parsi – Il Mulino – 2018 – 16 €.

Vittorio Emanuele Parsi (Torino, 1961) è professore ordinario di Relazioni Internazionali presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e dal 2002 professore nella Facoltà di Economia dell’Università della Svizzera Italiana e direttore dell’Alta Scuola di Economia e Relazioni Internazionali Aseri dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Ha insegnato alla Royal University di Phnom Penh in Cambogia, alla Kazakhstan Law Academy di Alma Ata in Kazakhstan, alla Università statale di Novosibirsk in Russia e alla Saint Joseph University di Beirut in Libano. Dal 2002 al 2013 è stato professore a contratto nella Facoltà di Economia dell'Università della Svizzera Italiana (Usi). Già editorialista del quotidiano La Stampa e di Avvenire, dal 2013 è editorialista del Sole 24 ore. È direttore della rivista Idem. Collabora con Filosofia Politica, Affari Internazionali, La Comunità Internazionale, Paradoxa, Aspenia, Biblioteca della Libertà, Teoria Politica, Longitude.

Di auspici per un mondo più sicuro, più giusto e più ricco ne abbiamo vissuto. Ma la mancata realizzazione delle promesse ha messo in crisi l’ordine internazionale.  Lo analizza bene Vittorio Emanuele Parsi che, nel suo saggio datato 2018, ci racconta come “a partire dagli anni Ottanta, l’ordine globale neoliberale abbia sostituito l’ordine liberale che governava il sistema internazionale del secondo dopoguerra”.

“Analogamente al Titanic - confronta l’autore - il mondo è stato portato su una rotta diversa e più pericolosa da quella segnata dall’incontro e reciproco bilanciamento di democrazia e mercato. Davanti ai nostri occhi, oggi come allora, si erge minaccioso un iceberg le cui quattro facce si chiamano declino della leadership americana ed emergere delle potenze autoritarie di Russia e Cina, polverizzazione della minaccia legata al terrorismo, deriva revisionista della presidenza Trump, affaticamento delle democrazie strette fra populismo e tecnocrazia”.

Mutuato dal titolo dell’album di Francesco De Gregori, dal quale l’autore prende spunto, l’approccio con il lettore è per rendere percepibile la sensazione di spaesamento nel “traguardare la realtà che sperimentiamo quotidianamente”.
2/07/2018







blog comments powered by Disqus


Novità positive dalla manifestazione di Roma

Opinioni | Uno degli aspetti più importanti della manifestazione sindacale di sabato 9 febbraio è stato il ritorno all’unità d’azione di Cgil, Cisl e Uil, tanto più necessaria dopo che, nell’ultimo decennio, il sindacato ha duramente pagato lo scotto della crisi

Basta!!!

Opinioni |  La storia di Simona ha colpito l’opinione pubblica per la sua tragicità, suscitando sentimenti di dolore e pietà, ma ha anche acceso i riflettori, nuovamente, sull’inadeguatezza del sistema giuridico italiano, in ambito di violenza di genere, perché ancora una volta ci si ritrova a commentare qualcosa che le Istituzioni avrebbero potuto evitare

“Quando tutto è a portata di un click”

Opinioni | L’importanza di educarsi ed educare ad un uso consapevole delle nuove tecnologie. Proibirne l’uso, oltre che impossibile, sarebbe controproducente perché innescherebbe conflitti e non aiuterebbe a proteggersi dai pericoli della Rete

Food And The City

Life | Le pillole di benessere di Nene. I termini "allergia" e "intolleranza" declinati in ambito alimentare, vengono spesso utilizzati erroneamente come sinonimi ma, in realtà, si tratta di condizioni che hanno cause e sintomi diversi, così come differenti sono i loro percorsi diagnostici e terapeutici

“Mamma Roma” e Pasolini: un difficile incontro

Cinema | Breve viaggio in chiaroscuro fra le pieghe di un connubio artistico complesso e irrisolto: lo scontro tra due modi antitetici di concepire l'arte e il ruolo dell'attore, dal "naturalismo" della Magnani al "manierismo" di Pasolini, sullo sfondo delle case, della pioggia e della luce abbagliante di Cecafumo. “Perché in fondo fare il cinema è una questione di sole”