Opinioni

Un Carrà, due Mazone e un Moncalvo donati dallo Stato ai musei italiani

Tre dipinti antichi e uno moderno di autori legati al nostro territorio vanno ad arricchire collezioni pubbliche di Milano, Genova e Bruzolo

OPINIONI - MiBACT: una sigla di certo non tra le più famose. Significa “Direzione generale archeologia belle arti e paesaggio”. Qual è la notizia? Il MiBACT ha acquisito tra il 2016 e il 2017 ben 151 opere d’arte con i fondi destinati agli “acquisti coattivi” per un totale di tre milioni e 891.900 euro.

Le 151 opere – sculture, fotografie, porcellane, disegni, ma soprattutto quadri – sono state destinate ai musei e agli istituti culturali statali.  Tra queste un dipinto di Carlo Carrà, un olio attribuito a Guglielmo Caccia detto il Moncalvo e una tavola di Giovanni Mazone. Tre autori per vari motivi – di nascita come Carrà e Mazone (con due tavole), di pertinenza per le numerose opere che si trovano in provincia di Alessandria per Moncalvo – che sono strettamente legati al nostro territorio.

Il Carrà è andato alla Pinacoteca di Brera, Palazzo Citterio, i Mazone alla Galleria Nazionale di Palazzo Spinola a Genova, il Moncalvo al Castello di Bruzolo in provincia di Torino. È questa ultima destinazione a generare qualche domanda. Perché Bruzolo in Val di Susa? Senza farsi prendere da soverchio campanilismo sarebbe stato bello che uno dei tre dipinti fosse destinato alla nostra città. Tant’è, meglio rallegrarsi del salvataggio delle opere, considerando che per il 2018, ha detto il ministro Franceschini: “Le risorse destinate alle acquisizioni nella Legge di Bilancio 2018 sono state aumentate di altri quattro milioni di euro”.

Per entrare nel dettaglio: gli acquisti sono stati effettuati dalla Direzione Generale archeologia, belle arti e paesaggio e sono avvenuti su proposta delle locali Soprintendenze, agendo in prelazione su compravendite private o in acquisto coattivo per evitarne l’esportazione. Su segnalazione degli uffici esportazione (che propongono l’acquisto delle opere al prezzo dichiarato nella richiesta di autorizzazione all’uscita dal territorio nazionale) e delle soprintendenze (che propongono di esercitare la prelazione quando un’opera vincolata viene posta in vendita) sono entrati, così, a far parte delle collezioni dei musei italiani autentici capolavori.

Vediamo di quali opere si tratta: di Giovanni Mazone (Alessandria, documentato in Liguria e ad Alessandria dal 1453 al 1510, morto prima del 1512) “La Visitazione e Santo Vescovo”, 1455-1460 circa e la “Presentazione di Gesù del tempio”, 1455-1460 circa, tempera e foglia d’oro su tavola, cm 23,5x35 (ciascuna), provenienti da Flavio Pozzallo di Oulx (sic), acquistati in prelazione; di Guglielmo Caccia detto il Moncalvo (attribuito) (Montabone 1568- Moncalvo 1625) “L’annunciazione”, olio su tela, cm 178x135; di Carlo Carrà (Quargnento 1881-Milano1966) “Allegoria del lavoro”, 1905 olio su tela, cm 232x173, provenienza: Società Cooperativa di Costruzioni Lavoranti Muratori P.A. in liquidazione (Milano) acquistato in via di prelazione su proposta dalla Direzione della Pinacoteca di Brera.

Il Carrà appartiene al periodo divisionista del pittore, un’opera che riprende i temi sociali cari a Giuseppe Pellizza e il mondo del lavoro impegnato nelle battaglie politico-sindacali. I tre dipinti antichi, come si può vedere dalle foto, ancorché attribuito nel caso del Moncalvo, si presentano come opere di grande qualità e di straordinaria bellezza. Interessante che il Carrà sarà destinato alla “Nuova Brera” che includerà i grandi spazi dell’adiacente palazzo Citterio, che sarà aperto, sembra, nel 2019.

17/12/2017
Maria Luisa Caffarelli - redazione@alessandrianews.it







blog comments powered by Disqus


Un affare di famiglia

Cinema | "Tutte le famiglie felici si assomigliano fra loro, ogni famiglia infelice è infelice a suo modo". Sembra nascere e crescere sotto questo assunto, l’ultima opera cinematografica - vincitrice della Palma d'oro la scorsa primavera al Festival di Cannes - del giapponese Kore'eda, indefesso e acuto esploratore della complessità dei legami familiari già nei suoi precedenti film

Drin drin fa il campanello

Opinioni | Prendere una strada contro mano, senza scampanellare o almeno rallentare, sembra diventato uno sport nazionale. Ormai è facile vedere uno che fila come un razzo sul marciapiede, facendosi largo tra i pedoni che vi transitano. Non credo che si possa andare avanti così. Credo, piuttosto, che sia necessaria qualche regolata

Sulla mia pelle

Cinema | Il regista Alessio Cremonini sottolinea senza enfasi ma con rigore, nel racconto delle ultime ore di vita di Stefano Cucchi, il progressivo e colpevole scivolamento in un buco nero di violenza esibita o trattenuta, lassismo, incapacità. Alessandro Borghi dimagrito diciotto chili, è misurato nell’interpretazione ma intenso così come Jasmine Trinca, che ultimamente non sbaglia un colpo a ogni ruolo

Il “carabiniere volante” – un tortonese asso dell’aviazione nella Prima Guerra Mondiale

Intervistando la storia |  A poco più di cent’anni dopo la realizzazione del Volo su Vienna da parte dei Gabriele d’Annunzio, grazie alle ricerche di Paolo Varriale, da lui pubblicate in “Gli assi italiani della Grande Guerra”, abbiamo il piacere di intervistare un nostro conterraneo asso dell’aviazione italiana di quegli anni: il tortonese Ernesto Cabruna

Argento da un club all’altro

Opinioni | “Asia Argento da vittima a carnefice. Soldi al baby attore che l’ha accusata”. Ormai non ci risparmiano più niente nei titoli, ma anche l’interpretazione dei fatti non scherza...