Opinioni

Un mese missionario

Per i credenti il mese di ottobre che stiamo per concludere è facilmente associato al tema delle missioni e a proposte concrete di impegno e di preghiera a favore dei missionari e delle loro comunità. Da molti anni infatti, per decisione del papa, questo mese è interamente dedicato alle popolazioni più povere e all’impegno della chiesa e di miriadi di gruppi e associazioni per il miglioramento delle loro condizioni di vita...

 OPINIONI - Per i credenti il mese di ottobre che stiamo per concludere è facilmente associato al tema delle missioni e a proposte concrete di impegno e di preghiera a favore dei missionari e delle loro comunità. Da molti anni infatti, per decisione del papa, questo mese è interamente dedicato alle popolazioni più povere e all’impegno della chiesa e di miriadi di gruppi e associazioni per il miglioramento delle loro condizioni di vita.
Era infatti il 1926  quando l’organismo vaticano dell’Opera della Propagazione della Fede presentò a papa Pio XI la proposta di proclamare una giornata di promozione per l’attività missionaria nel mondo. Venne così indetta la prima “Giornata Missionaria Mondiale”. In tutti i continenti questo giorno è fissato alla penultima domenica di ottobre (domenica scorsa), dove viene celebrato con gesti concreti di aiuto e di sostegno per le comunità sparse in tutto il mondo.

Papa Francesco che, come i suoi predecessori, ha scritto un messaggio per questa 91a giornata mondiale, ha ribadito i concetti che a lui sono più cari, sottolineando con forza la differenza tra una visione positiva di “missione” e una negativa di “proselitismo”, aggiungendo che “la missione non è la diffusione di una ideologia religiosa e nemmeno la proposta di un’etica sublime. Molti altri movimenti nel mondo, infatti, sanno produrre ideali elevati o espressioni etiche notevoli”.

Con il suo stile sempre ricco di immagini efficacissime Francesco invita tutti ad un’impostazione di fondo: un atteggiamento di continuo esodo. Si tratta cioè di “uscire dalla propria comodità e avere il coraggio di raggiungere tutte le periferie che hanno bisogno”. “La missione, prosegue il papa, stimola un atteggiamento di continuo pellegrinaggio attraverso i vari deserti della vita, attraverso le varie esperienze di fame e sete di verità e di giustizia. La missione ispira un’esperienza di continuo esilio, per fare sentire all’uomo assetato di infinito la sua condizione di esule in cammino”.

L’annuale mese missionario
è sempre anche l’occasione per un bilancio statistico sulla presenza della chiesa nel mondo e nelle sue diverse componenti. Gli ultimi dati disponibili, quelli del 2015, dicono una crescita del numero dei cattolici nel mondo che sono quasi un miliardo e 300 milioni, il 17,7% della popolazione mondiale. Secondo le cifre, diffuse dall’Agenzia Fides, i battezzati sono 12 milioni e mezzo in più rispetto all’anno precedente. In Africa vivono 1 miliardo e 100mila persone, il 19,42% dei quali sono cattolici (222 milioni) con un aumento dello 0,12% mentre in America, su 982,2 milioni abitanti il 63,6% è cattolico (625 milioni), con una diminuzione dello 0,08%. In Asia su 4,3 miliardi persone i cattolici sono il 3,24% della popolazione (141 milioni), con una presenza stabile. In Oceania vivono 38,7 milioni di persone, il 26,36 % sono cattolici (10,2 milioni) con un aumento dello 0,24% rispetto all’anno precedente.
In Europa, invece, cresce la popolazione (716 milioni, soprattutto per la presenza di immigrati) ma, come ormai da qualche anno, diminuisce il numero dei cattolici che sono il 39,87% (285 milioni), con una diminuzione di 0,21%. Aumenta di 67 unità il numero dei vescovi nel mondo (sono 5.304) mentre diminuisce di 136 quello dei sacerdoti, che nei cinque continenti sono 415.656.
Il dossier informa, inoltre, che la chiesa cattolica gestisce 216.548 istituti scolastici nel mondo, frequentati da oltre 60 milioni di alunni mentre sono circa 118mila gli istituti sociali e caritativi cattolici (ospedali, lebbrosari, orfanotrofi, case per anziani).
27/10/2017
Stefano Tessaglia - redazione@alessandrianews.it







blog comments powered by Disqus


Città di ferro e football

Mondiali di calcio 2018 | I molti esordi deludenti delle nazionali favorite per la vittoria finale del 21esimo Mondiale di calcio rischiano di essere considerate un grave sgarbo diplomatico

Da Voltaggio a Roma: Giovanni Battista de Rossi, un “santo del Confessionale”.

Intervistando la storia | La storia del nostro territorio è caratterizzata non solo da grandi personaggi che vennero e agirono qui da noi, ma anche da nostri conterranei che diedero altrove dimostrazione del proprio talento. E’ il caso di Giovanni Battista de Rossi, nato a Voltaggio nel 1698, che trovò la propria vocazione a Roma, dove morì nel 1764

La “Demacrazia” da Napoli ad Alessandria: il 'modello De Magistris' per un’alternativa possibile

Opinioni | Mercoledì 6 il Laboratorio Sociale di Alessandria ha ospitato il sindaco di Napoli Luigi De Magistris per la presentazione del libro di Giacomo Russo Spena 'Demacrazia - Il popolo è il mio partito': "Il diritto non è solo sanzione e divieto, ma un grande strumento di trasformazione sociale se si connette con le masse popolari”

Caos politico e difesa delle istituzioni

Opinioni | Il tema dell’Europa, dell’Unione, della moneta, del ruolo egemonico esercitato dalla Germania sono finalmente diventati argomenti di dibattito e di confronto, mentre erano stati colpevolmente trascurati e rimossi durante l’ultima campagna elettorale

Anna

Opinioni | Nuccio Lodato scrive "Professionista d'eccezione ma soprattutto donna straordinaria. Il suo entusiasmo e il suo sorriso ci mancheranno immensamente. Grazie Anna per tutto quello che hai fatto per la cultura della nostra città". A pochi giorni dalla scomparsa di Anna Tripodi...una vita spesa per il teatro