Ovada

A10: inchiesta sul tratto dove morirono due operai ovadesi

La Procura di Savona ha aperto un fascicolo relativo all'incidentalità del percorso, con l'obiettivo di fare luce sugli ultimi episodi. Tra le gallerie Fighetto e Pecorile, un anno fa, un tir travolse e uccise Giovanni Casaburi, 52 anni, e Antonio Gigliotti, 44, domiciliato da un anno ad Asti, operai della San Giovanni Strade.

OVADA - Poco meno di un anno fa, lo scorso 26 marzo, un tir travolse e uccise due operai partiti dalla sede ovadese della ditta San Giovanni Strade di Firenze. Giovanni Casaburi, 52 anni, originario di Sala Consilina ma residente a Ovada e Antonio Gigliotti, 44, di Vena di Maida (Catanzaro), domiciliato da un anno ad Asti dopo un lungo periodo trascorso nelle terre di confine tra il Piemonte e la Liguria, furono investiti dal mezzo pesante guidato da Ilim Bildan, 44enne autista rumeno che - secondo i rilevamenti della Polstrada - viaggiava ad una velocità di 80 chilometri all'ora, dieci in più rispetto al limite previsto all'ingresso della galleria posta tra Albisola e Celle Ligure, sulla A10. Il camion della ditta spagnola Banner Transporte De Mercancias (che trasportava pesce surgelato) piombò sul cantiere aperto per il ripristino di un altro incidente capitato poche ore prima. 

Ora, dopo l'ultimo incidente - avvenuto due settimane fa - tra le gallerie Fighetto e Pecorile, il tratto autostradale è tornato al centro dell’attenzione. Nemmeno i provvedimenti varati e installati dalla società Autostrade l'estate scorsa (velox, tutor e cartelli luminosi) sono serviti ad aumentare la sicurezza. La Procura di Savona ha aperto un fascicolo relativo all'incidentalità del percorso, con l'obiettivo di fare luce sugli ultimi episodi. La terza corsia, progettata oltre trent'anni fa per quei pochi chilometri dell'A10, potrebbe risultare difforme rispetto al resto della carreggiata e l'inchiesta avviata dal sostituto procuratore della Repubblica, Giovanni Battista Ferro, intende chiarire proprio se il continuo ripetersi degli incidenti è dato dalle imprudenze alla guida degli automobilisti (soprattutto dei mezzi pesanti) oppure se alla base ci sia un errore  strutturale della carreggiata.
24/02/2018







blog comments powered by Disqus


Rifiuti, la sfida del porta a porta: ovadesi tra dubbi e problemi

Ovada  | I primi due incontri pubblici, organizzati dal Comune presso la Loggia di San Sebastiano, hanno evidenziato alcune perplessità dei cittadini, definiti "protagonisti" di questa rivoluzione

Acqua alla Coinova: emergenza rientrata

Ovada | L'ordinanza firmata l'altro giorno in attesa di controlli più approfonditi sarà di fatto revocata luned mattina. Il sindaco Lantero: "Il disagio è terminato"

Lercaro: sbloccati gli stipendi

Ovada | Parziale fumata bianca dopo la crisi di liquidità dovuta al pignoramento dei conti da parte di Proges che aveva portato alla mancata corresponsione della mensilità di maggio

Gruppo FAI di Ovada: domenica la presentazione

Ovada  | Dopo alcuni tentativi andati a vuoto - soprattutto negli anni scorsi -, è andato a buon fine l'incontro tra alcuni ovadesi desiderosi di valorizzare un territorio ricco di opere e bellezze artistiche

C'è il nuovo Consiglio Pastorale Parrocchiale

Ovada | Completata la procedura per il rinnovo dell'organo che i sacerdoti nella conduzione pastorale della parrocchia. In tutto sono 27 i nuovi membri