Ovada

Alto Monferrato e val Lemme in televisione, va in onda "Sereno Variabile"

Programmata la puntata di "Sereno Variabile" dedicata alle bellezze della val Lemme e dell'alto Monferrato. Le riprese hanno interessato Bosio, Carrosio, Fraconalto, Voltaggio, Lerma, Casaleggio Boiro e Mornese

OVADA – Televisori accesi oggi su Rai Due per seguire la puntata di “Sereno Variabile” dedicata alle bellezze della val Lemme e dell’alto Monferrato. Oggi, sabato 20 ottobre, a partire dalle 18.00 (con replica domani alle 7.05) andranno in onda le riprese sono realizzate all’inizio di ottobre dalla troupe televisiva con il popolare conduttore Osvaldo Bevilacqua e hanno interessato Bosio, Carrosio, Fraconalto, Voltaggio, Lerma, Casaleggio Boiro e Mornese.
L’iniziativa è stata promossa dalla Fondazione Cassa di risparmio di Alessandria che, da anni, persegue una intensa attività di promozione del territorio tramite le reti televisive Rai e Mediaset.

Protagonisti della trasmissione saranno i castelli, rimasti immutati attraverso i secoli con i loro borghi, i palazzi storici e le chiese a raccontare tradizioni, come quella dei portatori di crocifissi processionali Cristi del gruppo di Belforte Monferrato, ricordare la vita di Santa Maria Mazzarello visitando lo storico collegio che porta il suo nome e rievocare leggende come quella delle rose d’oro, legata alla dama d’onore della regina di Castiglia.
Le telecamere si soffermeranno sulla raccolta di opere d’arte sacra della Pinacoteca dei Cappuccinidi Voltaggio che vanta una collezione di quadri dal XV al XIII secolo firmati da autori liguri, lombardi e piemontesi come Luca Cambiaso, Bernardo Strozzi, Sinibaldo Scorza e tanti altri pittori italiani. Per gli amanti dello sport e delle due ruote in particolare, tappa al passo della Bocchetta, famoso per le imprese dei Campionissimi.
Oltre all’aspetto paesaggistico, sarà dato ampio risalto ai prodotti tipici locali, alle stalle di Fraconalto dove si allevano le manze di razza piemontese e agli allevamenti di cavalli per turismo equestre.

«Solo promuovendo il nostro territorio attraverso canali specializzati e trasmissioni di successo seguite dal grande pubblico – dichiara il presidente della Fondazione Cassa di risparmio di Alessandria Pier Angelo Taverna – possiamo far conoscere le peculiarità della nostra provincia e raggiungere nuovi target di visitatori. Questa è una terra ricca di storia, arte e bellezze paesaggistiche che abbinate agli ottimi prodotti tipici locali la rendono una meta turistica di altissimo livello. La collaborazione di amministratori pubblici, imprenditori e operatori economici ci ha permesso, ancora una volta, di mostrare il vero volto di questa multiforme realtà».
20/10/2018







blog comments powered by Disqus


Non è ancora chiuso il caso della donna morta dopo due ricoveri. I famigliari si oppongono all'archiviazione

Cronaca | La famiglia della donna di 76 anni deceduta dopo due ricoveri, il primo all'ospedale di Ovada ed il successivo trasferimento a Novi, non si arrende e presenta nuovamente istanza di opposizione all'archiviazione del caso, richiesta dal pubblico ministero

Ovadese Silvanese: recupero contro la Luese

Ovada | Dopo il 7-0 di domenica contro la Castelnovese sfida con coefficiente di difficoltà più alto. In palio c'è la vetta al fianco dell'Asca. Curiosità per le scelte di formazione

Confindustria: vince il pessimismo all'ombra della crisi

Economia | La prima indagine congiunturale 2019 di Confindustria apre l'anno all'insegna del pessimismo. Si teme un calo di ordinativi, compensati solo in parte dall'export. Stabili investimenti ed occupazione. Su Penigotti: "auspichiamo una svolta positiva anche se la proprietà ha dimostrato rigidità"

Manutenzione sull'Acqui - Genova: niente treni nel week end

Ovada | Bus sostitutivi tra Ovada e il capoluogo ligure per consentire lavori. Rimane incertezza sui provvedimenti del periodo in cui sarà abbattuto il ponte Morandi

Poche nascite nel 2018: popolazione ancora in calo

Ovada  | Restano con il segno negativo le statistiche sulla popolazione residente in città. A preoccupare è soprattutto il rapporto fra le nascite (68) e il numero dei morti (188), mentre torna in crescita numero degli stranieri