Ovada

Belforte Monferrato: si ricorda il deragliamento al Gnocchetto

Sabato 10 marzo, alle ore 15.30, presso la lapide che si trova vicino alla Chiesa del Santissimo Crocifisso di Gnocchetto, il sindaco Franco Ravera ricorderà i deceduti dall'attentato - organizzato dai partigiani - ad un treno su cui avrebbero dovuto viaggiare decine di soldati tedeschi

OVADA - Si terrà sabato pomeriggio la commemorazione delle 18 vittime del deragliamento ferroviario avvenuto il 27 febbraio 1945. Da ormai 73 anni tutto il territorio Ovadese si stringe attorno al tragico fatto avvenuto entro i confini del Comune di Belforte Monferrato. Sabato 10 marzo, alle ore 15.30, presso la lapide che si trova vicino alla Chiesa del Santissimo Crocifisso di Gnocchetto, il sindaco Franco Ravera ricorderà i deceduti dall'attentato - organizzato dai partigiani - ad un treno su cui avrebbero dovuto viaggiare decine di soldati tedeschi. Ma da Genova, per circostanze mai chiarite, venne fatto partire prima l’accelerato per Torino, carico di pendolari, che raggiungevano le famiglie sfollate in Piemonte. Quando il treno giunse nel punto in cui erano stati allentati alcuni bulloni dei giunti delle rotaie, la motrice si staccò dalle vetture, la prima vettura ed il bagagliaio si rovesciarono nel ritano e le altre vetture si inclinarono su un fianco. 

Il deragliamento ebbe luogo sul ponte che collega la galleria della Rocca con la galleria del Ciso, nella valle del Ritano del Cecio, sul confine con la Liguria. Secondo recenti aggiornamenti, i morti furono diciotto, i feriti ventitré. Sul posto intervennero i militi della Croce Rossa di Genova ed una parte dei feriti vennero trasportati all’ospedale di San Martino. Le opere di soccorso furono ardue; giunsero medici, vigili del fuoco, furono usate fiamme ossidriche per liberare gli imprigionati tra le lamiere. Uno spettacolo terrificante tra pianti, lamenti, urla. I tedeschi fecero distribuire un manifestino, dal quale risultavano  26 morti e 40 feriti. All’alba, erano pronti a distruggere tutto l’abitato di Gnocchetto, se tra i morti si fosse trovato un solo tedesco. Ciò non accadde e la frazione fu salva. 
 
Vittime decedute a Gnocchetto:
Domenico Camera di  Genova, 33 anni, manovale
Martino Daidone   di  Genova, 36 anni, marittimo
Alberto Ferrando  di  Genova, 44 anni, esercente
Adolfo Lanzarotti  di  Genova, 42 anni, pescivendolo
Giuseppe Musumeci  di  Genova, 23 anni, marittimo
Antonino Marino  di  Genova, 42 anni
Andrea Scurfogliozzo  di  Genova, 38 anni
Aristide Monzeglio  di  Genova, 50 anni
Giuseppe Cabella  di  Gavi, 39 anni, operaio
Giuseppe Cavallero di Genova Sestri, 40 anni, elettricista
Virginia Lolli  di  Rapallo, 32 anni
Bruno Cevasco  di  Bargagli, 30 anni, contadino
Domenico Guarnaschelli  di  Chiavari, 61 anni, conduttore ferrovie
Giuseppe Romani di Genova Rivarolo, 52 anni, manovale
Demetrio Massimo Marzocchi di Torino, 36 anni, falegname.
 
Vittime morte negli ospedali di Ovada o Genova:
Sgarlata Vittorio
Landi Armando
Barboro Secondo
8/03/2018







blog comments powered by Disqus


Violenza donne, parrucchieri ed estetisti saranno 'sentinelle' delle donne maltrattate

Torino | L'iniziativa, promossa dalla Regione Piemonte, mira ad avviare una sperimentazione da estendere poi su tutto il territorio nazionale

Coinova: al via i lavori di asfaltatura della zona industriale

Ovada  | Dopo le polemiche, da Palazzo Delfino è arrivato il semaforo verde per l'intervento. Il Comune ha disposto un primo investimento di 40 mila euro per ripristinare i punti maggiormente rovinati. Critiche le opposizioni

Basta morti sul lavoro, sindacati e Prefettura pensano ad un protocollo

Provincia | Un centinaio i manifestanti dei sindacati Cgil, Cisl e Uil davanti alla Prefettura di Alessandria in occasione dello sciopero di quattro ore proclamato per chiedere misure di sicurezza sui luoghi di lavoro. Quattro gli incidenti da inizio anno in Provincia. L'ultimo alla Sli di Vignole dove ha perso la vita un giovane di 22 anni

Enoteca: il nuovo presidente è Mario Arosio

Ovada | Completata la procedura di rinnovo del vertice dell'associazione che promuove il Dolcetto locale. "Ci aspetta un lavoro intenso valorizzando le potenzialità di tutta la squadra"

"Integrazione" tra Azienda Ospedaliera e Asl Al "per offrire servizi migliori e rispondere alle esigenze"

Economia e Lavoro | L'allineamento di vedute dei due nuovi direttori di Azienda Ospedaliera, Giacomo Centini, e Asl Al, Antonio Brambilla passa attraverso la parola e l'azione di "integrazione" tra le due realtà. Una integrazione che deve portare a supportare l'alta specialità in tutte le realtà locali, attraverso la digitalizzazione, la riduzione di tempi nelle liste di attesa. Ma che deve passare anche attraverso una “riorganizzazione” che stimoli e aiuti a “ fare rete”