Ovada

Campora: il saluto di Ovada e del "suo" Borgo

Un ricordo commosso e accorato per uno degli ultimi testimoni della Resistenza sui monti dell'Ovadese. Oggi seconda parte del Festival Pop della Resistenza con le testimonianza di Cinefra e Ghiglione

 OVADA - Una lunga scia di commozione ha accompagnato l’ultimo viaggio di Gino Campora, il compagno “Ciapaiev”, scomparso l’altro giorno all’età di 92 anni, un mese dopo la moglie e compagna di una vita Luciana Ferrando. A tributare il saluto dovuto a uno degli ultimi testimoni diretti della lotta di Liberazione sulle colline del territorio tanti ovadesi, soprattutto tanti volti del Borgo, dov’era nato il 20 aprile del 1925 e dove tanti giovani hanno fatto la sua scelta di diventare militari agli ordini del comandante Borro. La figura di Campora è stata ricorda anche ieri sera alla Loggia di San Sebastiano, nella prima parte del Festival Pop della Resistenza che proseguirà oggi, dalle 16.00 con la voce di Gianpiero Alloisio. Una vita a cavallo della guerra quella di Campora, una parentesi che era solito condividere con gli stava vicino. Proprio al Borgo costruttore di stivali militari. Alla fine del conflitto riprese la sua vecchia attività e diventò un apprezzato artigiano di calzature in via Lung’Orba. Tra le passioni più presenti quella delle bocce che lo portò a diventare vincere il titolo italiano in serie B, in coppia con Gino Olivieri. I boschi tornò a frequentarli, ma solo come apprezzato cercatore di funghi. Negli ultimi anni della sua vita Campora ha vissuto con la figlia Ines in strada Sant’Evasio. Ora riposerà presso il cimitero di Ovada.

 

 

15/04/2018







blog comments powered by Disqus


Presunto pedofilo arrestato nell'Ovadese

Ovada | Un'indagine della polizia ha portato al fermo di un uomo di 80 anni di origine genovese, accurato di violenza sessuale nei confronti di una quattordicenne

Ogni anno pił di 3 milioni di auto sulle strade ovadesi

Ovada | E' il risultato del monitoraggio effettuato nei mesi scorsi su corso Saracco, corso Martiri, via lung'Orba e via Gramsci. In corso rilevazione del rumore

Lercaro: vertice sindaci - sindacati

Ovada | Come assicurare continuitą alla Casa di riposo. La Cisl prosegue con la proposta di farne punto di riferimento per la non autosufficienza in attesa di dettagliare meglio

Il turismo come esperienza: nasce Les Carrelages

Ovada | Mira a intercettare i flussi turistici in crescita degli ultimi anni l'associazione creata da allievi del corso di accoglienza turistica della Casa di Caritą. L'esordio pubblico con una visita narrata del centro storico

Alessandria, un territorio compatto sull'accoglienza migranti. Orgoglio riemerso

Provincia | Accoglienza diffusa, tavoli di confronto e la ricerca della coesione istituzionale e sociale: il Prefetto Romilda Tafuri, che a breve lascerą la Provincia, fa un bilancio dei sei anni di permanenza a palazzo Ghilini in questa intervista esclusiva