Ovada

Colpaccio Plastipol contro il Santhià

Gli ovadesi stendono la seconda della classe conquistando tre punti di grande importanza. Bene la Cantine Rasore che batte il Balabor

OVADA - Colpaccio per la Plastipol che vince 3-1 contro la Stamperia Alicese Santhià e puntella una classifica fin qui precaria. Bene anche la Cantine Rasore che batte, pur senza incantare il Balabor Minibold 3-0.

I maschi Emergenza parzialmente rientrata in casa biancorossa. E’ nel sestetto iniziale Romeo, a dare il solito equilibrio, c’è anche Baldo che ha recuperato dall’influenza. Formazione ospite che parte meglio con un parziale di 8-2 che di fatto segna la frazione. La rimonta ovadese si concretizza sul 21-21 ma gli ovadesi pagano lo sforzo e si arrendono 25-21. Cambia la musica nel secondo parziale. Ovada sale 9-5 e 17-13. Sul servizio di Bonvini il set sembra chiudersi sul 24-16. Ma il brivido è dietro l’angolo. Santhià recupero punto su punto, costringe Ravera a chiamare due time out prima del 25-22 finale. Il terzo parziale vede Ovada sempre avanti sul 12-9, poi sul 16-14. Santhià torna sul 23-22 ma stavolta la formazione di casa chiude alla prima occasione 25-22. Il quarto set si apre con una serie di muri di Morini che regalano il 6-2. Ospiti che accusano il colpo e Ovada che ne approfitta fino al 14-7. Santhià non si riavvicina più: 21-16, 23-18 poi il finale sul 25-19. “Tre punti veramente d’oro – ha commentato al termine il direttore sportivo Alberto Pastorino – perché oggettivamente conquistati contro un avversario di livello anche se forse meno efficace rispetto alla gara di andata. Questa vittoria ci da convinzione alla ricerca di un girone di ritorno migliore rispetto all’andata”.

Tabellino: Bonvini 3, Bobbio 5, Mangini 16, Romeo 6, Morini 11, Baldo 10. Libero: Guazzotti. Ut.: Castagna 3, Nistri, Repetto, Ghiotto (2° libero). All.: Ravera.

Le ragazze In avvio di gara coach Ceriotti deve fare i conti con le assenze di Giacobbe e Belisardi. Ospiti che escono meglio dai blocchi sull’11-6. Il servizio di Gaglione e una serie di errori avversari propiziano il sorpasso sul 23-22. A seguire la chiusura 25-22. C’è poca battaglia nel secondo parziale in cui Ovada incrementa gradualmente il vantaggio: 13-10, 19-11, 25-15. In salita la corsa nella terza frazione. Balabor avanti sul 13-11. Il pareggio arriva sul 18-18. Ovada sale 24-22 e chiude al secondo matchball 25-22. “Avevamo bisogno di punti – il commento al termine del ds Alberto Pastorino – La squadra ha fatto quel che era necessario contro una squadra che, a dispetto della posizione in classifica, ha qualche individualità di rilievo”.

Tabellino: Bastiera 1, Giordano 3, Fossati 12, Gaglione 3, Bonelli 11, Ravera 8. Libero: Lazzarini. Ut.: Gorrino. All.: Ceriotti. 

19/02/2018







blog comments powered by Disqus


Via Gramsci: al via i rilevamenti con laser-scanner

Ovada  | E' iniziata qualche giorno fa la prima fase dei rilievi topografici effettuati dall’Artes Studio di Caselle in via Gramsci, all'altezza della voragine avvenuta lo scorso 12 gennaio.

Film e festa della birra: divieto di sosta in due piazze

Ovada  | Fine settimana nel segno della birra, visto che in queste ore la città ospita l'"International World Beer e Street Food Festival". Da segnalare anche il primo ciak del remake de "I Tartassati" in piazza XX settembre.

Loggia: in mostra l'omaggio al Monferrato di Luzzani

Ovada  | Apre i battenti oggi, sabato 22 settembre - con inaugurazione alle 16.00 - e resterà aperta fino a domenica 30 settembre, “Cieli Monferrini”, la mostra organizzata dall’Accademia Urbenze

Equilibri: tante novità per l'anno scolastico appena iniziato

Ovada | Apprendimento, formazione per i docenti, laboratori di lingue e teatralità sono solo alcuni dei progetti elaborati dal team. Nella giornata di oggi gazebo informativo in piazza Assunta

Un affare di famiglia

Cinema | "Tutte le famiglie felici si assomigliano fra loro, ogni famiglia infelice è infelice a suo modo". Sembra nascere e crescere sotto questo assunto, l’ultima opera cinematografica - vincitrice della Palma d'oro la scorsa primavera al Festival di Cannes - del giapponese Kore'eda, indefesso e acuto esploratore della complessità dei legami familiari già nei suoi precedenti film