Ovada

Commercio: nuove aperture in aumento nel 2017

Lo scorso anno, secondo le statistiche ufficiali di Palazzo Delfino, il numero delle attività commerciali presenti in città è cresciuto, seppur con un minimo scarto tra i nuovi negozi e coloro che hanno deciso di abbassare le serrande

OVADA - Arriva dai dati pubblicati dal Comune di Ovada un "saldo" positivo per il commercio. Nel 2017, secondo le statistiche ufficiali di Palazzo Delfino, il numero delle attività commerciali presenti in città è cresciuto, seppur con un minimo scarto tra le nuove aperture e le chiusure. E se nel 2016 si era sprofondati in un meno 8, dettato dal rapporto tra le serrande abbassate ed i nuovi arrivi, lo scorso anno c'è stato un (minimo) incremento che ha portato all'aumento di un negozio. La conferma arriva dalla “mobilità”, che comprende le 18 nuove aperture (7 alimentari, 10 non alimentari e 1 nel settore misto), 17 chiusure (5 alimentari, 12 non alimentari), 8 subingressi e 6 trasferimenti. Discorso simile nel settore dei pubblici esercizi, dove si sono registrate 4 aperture (una in realtà è una somministrazione legata all'attività di un circolo) e 3 cessazioni, con un saldo positivo quindi di 1 esercizio. Completano la statistica l'apertura di 3 nuove attività di acconciatore e il saldo positivo di 2 attività di estetista.

Al 31 dicembre 2017 risultavano attivi 301 esercizi di vicinato (60 alimentari, 211 non alimentari e 30 misti), 85 pubblici esercizi (bar, ristoranti, pizzerie), 8 tabaccherie, 5 edicole, 6 distributori di carburante, 4 farmacie, 17 medie strutture commerciali (6 miste e 11 non alimentari), 17 estetisti, 30 acconciatori, 4 agenzie di viaggio (più 1 on-line), 3 sale da gioco, 3 attività di autonoleggio, 2 alberghi, 7 bed & breakfast, 2 agriturismi, 1 ostello e 1 casa appartamenti vacanze. Anche nel settore turistico si è quindi registrata una nuova apertura, mentre occorre far notare che l'ostello comunale è temporaneamente chiuso in attesa di nuovo bando per l'affidamento. “Il turismo non può certo rappresentare il pilastro su cui costruire lo sviluppo dell'Ovadese, ma ne sta diventando un elemento importante - commenta Giacomo Pastorino, assessore alle Attività economiche del Comune di Ovada -. Lo abbiamo registrato considerando la dinamica delle statistiche degli occupati negli ultimi sette anni, lo notiamo anche con una semplice osservazione durante i mesi estivi. Con gli amministratori degli altri Comuni del circondario stiamo ragionando sulle leve che abbiamo per valorizzare al massimo questa tendenza. Stiamo lavorando su eventi, nuove manifestazioni, cicloturismo, sentieristica e strumenti per una promozione coordinata di tutta la zona. Per quanto riguarda il commercio, anche se le statistiche nel 2017 sono più confortanti, non ci nascondiamo le difficoltà del comparto, difficoltà peraltro condivise anche da altri settori e che speriamo possano evolvere positivamente nei prossimi anni.”
13/02/2018







blog comments powered by Disqus


Scout: buon successo per il pranzo etnico

Ovada  | L’iniziativa è stata promossa dai ragazzi del “Noviziato”, facenti parte del Gruppo Scout 1 di Ovada. Per l’occasione hanno collaborato con i richiedenti asilo gestiti in città dalla cooperativa Social Domus per proporre un menù rappresentativo delle culture gastronomiche dei cinque continenti

Mambo Rico protagonista nel Campionato Italiano Danze Caraibiche

Ovada  | Un risultato prestigioso per la società diretta da Denis Pestarino e Aurora Diana, rientrati nella massima competizione nazionale dopo tre anni di assenza. La scuola di ballo ovadese ha ottenuto un primo un secondo e due terzi posto nel Campionato Italiano Danze Caraibiche Categoria Professionisti F.i.d.a.

Il racconto della Provincia nel giallo di Nico Priano

Molare | Il territorio come punto di partenza del nuovo libro dell'autore molarese. La città di Campazzo, protagonista de "La seconda Mano", offre diverse similitudini con il Basso Piemonte. “E’ un libro – spiega l’autore – molto legato non solo alla realtà molarese ma più in generale allo spicchio di terra in cui viviamo.

Investimento in piazzale Stazione: denunciato l'autista

Ovada | Il grave incidente ha coinvolto nel tardo pomeriggio di lunedì una donna, 67 anni, trasportata d'urgenza all'ospedale di Alessandria dove rimane ricoverata in Rianimazione

''L’Ovada che vorrei'': dai social al comitato

Ovada  | Da alcuni giorni "L'Ovada che vorrei", noto gruppo di Facebook creato tra il 2013 e il 2014 da Angelo Priolo, è uscito dal world wide web per diventare un ente a tutti gli effetti. “Ci interessa affiancare chiacchiere on line e una presenza reale e tangibile” spiega il promotore, referente cittadino per Fratelli d'Italia.