Cronaca

Gioielli spariti e venduti. L'imputata “io non li mai visti”

Una vicenda intricata quella che vede coinvolte due ex amiche e la madre di una delle due alla quale sono spariti dalla cassaforte i gioielli, forse venduti in un banco dei pegni. La figlia non può essere processata. Nel banco dell'imputata c'è solo una delle due ragazze che si difende: “la cassaforte non so dove fosse e quei gioielli non li ho mai visti”

 CRONACA – Risale ormai a sette anni fa l'intricata vicenda, finita davanti al tribunale di Alessandria, che vede coinvolte due amiche, ormai ex. Le due, oggi venticinquenni, si erano conosciute a scuola, frequentando l'istituto alberghiero di Acqui. Erano spesso insieme, a casa dell'una o dell'altra e frequentavano la stessa compagnia, a Castellazzo Bormida. Si raccontavano tutto, come fanno le amiche a quell'età.
Un giorno L. - dice Martina, l'imputata, - racconta di aver trovato le chiavi della cassaforte. Martina, ha raccontato ieri davanti al giudice, non diede peso alla rivelazione e la lasciò cadere nel vuoto quella notizia.
Dopo qualche mese si ritrova, però, ad essere accusata di aver sottratto i gioielli da quelli cassaforte, per rivenderli. E' implicata anche L. ma, essendo figlia della vittima derubata, non è processabile.
Cosa è accaduto in quei mesi ha cercato di ricostruirlo la ragazza, a quasi sette anni di distanza, fornendo la sua versione. Storie di amiche, pettegolezzi (“voci di paese”),  piazze, compagnie e qualche “sballo” per uso di sostanze stupefacenti.
Insomma, secondo la versione dell'accusata, l'allora amica le confidò di aver trovato le chiavi della cassaforte della madre e, qualche mese dopo, di avere intenzione di vendere dell'oro. Poichè anche Martina aveva ceduto le collanine e i bracciali della comunione (“perchè non li usavo”), L. chiede all'amica dove si era rivolta.

L, sempre nella versione dell'imputata, parla insistentemente del progetto di vendere dell'oro, senza specificare dove lo aveva procurato. Tanto che Martina lo racconta alla sua mamma la quale ritiene opportuno di avvertire la madre di L, che poi denuncerà il furto.
Nel frattempo, però, L. e Martina litigano, si prendono anche a botte, in piazza. Quella stessa sera, il 5 novembre 2011, la macchina di Martina va a fuoco. C'è un procedimento in corso per stabilire se c'è un mandante e un autore materiale per l'incendio. In ogni caso, da quell'episodio Martina e l'ormai ex amica interrompono i rapporti. Ma a dicembre di quell'anno a casa di Martina arrivano i carabinieri. La si accusa di furto per quei gioielli spariti dalla cassaforte della madre di L.
Lei viene anche interrogata, ma si avvale della facoltà di non rispondere. Ieri in aula ha invece “vuotato il sacco”.
Perchè non ha parlato prima, davanti ai carabinieri, chiede il giudice Aldo Tirone. “Perchè non pensavo di finire in questo casino”, risponde.
La prossima udienza è fissata tra un anno, il 25 marzo 2019. Il reato rischia di finire in prescrizione.
13/03/2018







blog comments powered by Disqus


Via Gramsci: al via i rilevamenti con laser-scanner

Ovada  | E' iniziata qualche giorno fa la prima fase dei rilievi topografici effettuati dall’Artes Studio di Caselle in via Gramsci, all'altezza della voragine avvenuta lo scorso 12 gennaio.

Film e festa della birra: divieto di sosta in due piazze

Ovada  | Fine settimana nel segno della birra, visto che in queste ore la città ospita l'"International World Beer e Street Food Festival". Da segnalare anche il primo ciak del remake de "I Tartassati" in piazza XX settembre.

Loggia: in mostra l'omaggio al Monferrato di Luzzani

Ovada  | Apre i battenti oggi, sabato 22 settembre - con inaugurazione alle 16.00 - e resterà aperta fino a domenica 30 settembre, “Cieli Monferrini”, la mostra organizzata dall’Accademia Urbenze

Equilibri: tante novità per l'anno scolastico appena iniziato

Ovada | Apprendimento, formazione per i docenti, laboratori di lingue e teatralità sono solo alcuni dei progetti elaborati dal team. Nella giornata di oggi gazebo informativo in piazza Assunta

Un affare di famiglia

Cinema | "Tutte le famiglie felici si assomigliano fra loro, ogni famiglia infelice è infelice a suo modo". Sembra nascere e crescere sotto questo assunto, l’ultima opera cinematografica - vincitrice della Palma d'oro la scorsa primavera al Festival di Cannes - del giapponese Kore'eda, indefesso e acuto esploratore della complessità dei legami familiari già nei suoi precedenti film