Ovada

Incidente sull'A26: morta la donna sulla moto

Nella tarda serata di ieri era stata vittima di un incidente assieme al marito tra Masone e Voltri. Inutile il trasporto al San Martino di Genova. Indagini della Polstrada

OVADA - Stava raggiungendo i tre figli al mare assieme al marito la donna che nella tarda serata di ieri è rimasta vittima di un tragico incidente sull’A26, all’altezza del casello di Masone. I due, una coppia di origine albanese, viaggiava da Milano per la Liguria a bordo di una Kawasaki quando ha urtato contro un’auto. La donna, Denise Veliko, 35 anni, è morta alcune ore dopo, nonostante il disperato tentativo di trasferimento dall’ospedale San Martino di Genova. Proprio il marito, Alekx Gjka, 40 anni, è stato tra i primi a cercare di soccorrerla. I due erano partiti qualche ora prima da Cormano. Sull’incidente sta indagando la Polstrada di Ovada.

 

16/07/2017







blog comments powered by Disqus


Obbligo dei vaccini a scuola: in arrivo tremila lettere

Sanità | La Regione annuncia una semplificazione delle procedure in collaborazione con le Asl. Chi riceverà la comunicazione e chi no. Ecco cosa fare

Via Novi: in arrivo divieto di sorpasso

Ovada | Provvedimento concordato tra Provincia e Comune per evitare problemi in un'area già sottoposta a controlli con il rilevatore di velocità

Riso e grano: l'etichetta è “un chiaro segnale di sostegno”

Economia e lavoro | Arriva da Confagricoltura Alessandria il primo commento alla notizia della firma, da parte dei ministri Calenda e Martina, dei decreti che impongono di inserire l’indicazione di origine nelle etichette delle confezioni. Positiva reazione della Regione Piemonte

Ladri di piante denunciati a Molare

Molare | Indagine dei carabinieri del paese nata dalla segnalazione di una cittadina di Cassinelle. Decisivi gli impianti di videosorveglianza

Una giornata di lavoro per ripulire le spiagge sull'Orba

Molare | Un gruppo di amici domenica scorsa ha deciso di intervenire contro la sporcizia dilagante dell'area attorno a Madonna delle Rocche. Ciò che hanno raccolto è soprendente