Ovada

Jovanet: nuovi corsi e attività per i giovani

Un corso di comunicazione ed il Portale Giovani da aggiornare quotidianamente. Sono queste le principali novità per i 170 utenti del Centro di aggregazione ovadese. Attraverso la collaborazione con l’Amministrazione comunale e con lo sportello “Finestra Europa” è prevista la creazione di tavoli di lavoro con protagonisti i giovani e professionisti di vari settori

OVADA - «L’obiettivo del Comune di Ovada resta la costruzione di un’alleanza educativa con le scuole e le famiglie. Non vogliamo sostituirci agli educatori, ma affiancarci». Con queste parole la capogruppo di maggioranza Elena Marchelli ha presentato i progetti avviati nei mesi scorsi presso il centro di aggregazione Jovanet. In particolar modo, per i 170 iscritti di età compresa tra gli 11 e i 35 anni, c’è la novità “Cittadinanza attiva: parliamo d’Europa!”, che prevede - attraverso la collaborazione con rappresentanti dell’Amministrazione comunale e con lo sportello “Finestra Europa” - la creazione di tavoli di lavoro con protagonisti i giovani e professionisti di vari settori, promotori di un corso di comunicazione che fornirà fondamenti di Social media marketing e Digital strategy. Il progetto, che è stato approvato e finanziato dalla Regione Piemonte, intende promuovere il senso di appartenenza all’Unione europea e alla propria Comunità territoriale, l’educazione alla cittadinanza attiva e l’impegno delle giovani generazioni nella vita pubblica e sociale.

Nei mesi scorsi, poi, il il Centro di aggregazione “Jov@net”, insieme ai rappresentanti dello Sportello Informagiovani del Comune di Ovada, hanno partecipato alla rete svolgendo la funzione di redazione locale. Gli operatori di Jov@net hanno concorso all’aggiornamento della banca-dati del Portale con i dati e le informazioni relativi all’ambito territoriale ovadese, segnalando di volta in volta alla redazione centrale le informazioni di carattere locale rispetto a eventi, opportunità e altre iniziative ritenute di interesse per i giovani del territorio. Il sito di Piemonte Giovani (www.piemontegiovani.it), realizzato dalla Regione Piemonte - che ha finanziato il progetto - in collaborazione con l’Università degli studi di Torino e il CSI Piemonte, è nato con l’obiettivo di innovare il sistema di informazione online rivolto ai giovani ed è finalizzato a sviluppare un insieme organizzato di informazioni per i ragazzi e a supporto dei servizi Informagiovani.
13/03/2018







blog comments powered by Disqus


Violenza donne, parrucchieri ed estetisti saranno 'sentinelle' delle donne maltrattate

Torino | L'iniziativa, promossa dalla Regione Piemonte, mira ad avviare una sperimentazione da estendere poi su tutto il territorio nazionale

Coinova: al via i lavori di asfaltatura della zona industriale

Ovada  | Dopo le polemiche, da Palazzo Delfino è arrivato il semaforo verde per l'intervento. Il Comune ha disposto un primo investimento di 40 mila euro per ripristinare i punti maggiormente rovinati. Critiche le opposizioni

Basta morti sul lavoro, sindacati e Prefettura pensano ad un protocollo

Provincia | Un centinaio i manifestanti dei sindacati Cgil, Cisl e Uil davanti alla Prefettura di Alessandria in occasione dello sciopero di quattro ore proclamato per chiedere misure di sicurezza sui luoghi di lavoro. Quattro gli incidenti da inizio anno in Provincia. L'ultimo alla Sli di Vignole dove ha perso la vita un giovane di 22 anni

Enoteca: il nuovo presidente è Mario Arosio

Ovada | Completata la procedura di rinnovo del vertice dell'associazione che promuove il Dolcetto locale. "Ci aspetta un lavoro intenso valorizzando le potenzialità di tutta la squadra"

"Integrazione" tra Azienda Ospedaliera e Asl Al "per offrire servizi migliori e rispondere alle esigenze"

Economia e Lavoro | L'allineamento di vedute dei due nuovi direttori di Azienda Ospedaliera, Giacomo Centini, e Asl Al, Antonio Brambilla passa attraverso la parola e l'azione di "integrazione" tra le due realtà. Una integrazione che deve portare a supportare l'alta specialità in tutte le realtà locali, attraverso la digitalizzazione, la riduzione di tempi nelle liste di attesa. Ma che deve passare anche attraverso una “riorganizzazione” che stimoli e aiuti a “ fare rete”