Ovada

''L’Ovada che vorrei'': dai social al comitato

Da alcuni giorni "L'Ovada che vorrei", noto gruppo di Facebook creato tra il 2013 e il 2014 da Angelo Priolo, è uscito dal world wide web per diventare un ente a tutti gli effetti. “Ci interessa affiancare chiacchiere on line e una presenza reale e tangibile” spiega il promotore, referente cittadino per Fratelli d'Italia.

OVADA - Clic, post, aggiornamenti degli utenti. E da adesso anche discussioni "reali" tra membri dell'ominimo comitato. Perché da alcuni giorni "L'Ovada che vorrei", noto gruppo di Facebook creato tra il 2013 e il 2014 da Angelo Priolo, è uscito dal world wide web per diventare un ente a tutti gli effetti. L’incontro costitutivo è andato in scena nella saletta del Caffè Trieste. “Ho pensato fosse venuto il momento di fare questo passo – spiega il promotore, che è anche referente cittadino per Fratelli d’Italia – Da un gruppo virtuale possono nascere proposte concrete. Non è scontato: spesso è più facile scrivere su Facebook e poi non fare niente”. Dei 1861 profili aderenti sul social network, il comitato ha raccolto - solo per il "caso" dell'installazione di telecamere in città - 553 firme in pochi giorni. E' stata quella la spinta decisiva per il completamento del passo successivo.

Lo stesso Priolo afferma che già una dozzina di persone ha segnalato l’intenzione di collaborare con la nuova associazione. Al tempo stesso assicura che la scadenza amministrativa fissata nel 2019 e la campagna elettorale che precederà la consultazione non hanno nulla a che fare con questa iniziativa. La nascita del comitato però non comporterebbe la chiusura della pagina social che allo stato attuale può contare su 1861 membri. “Anzi, ci interessa affiancare chiacchiere on line e una presenza reale e tangibile”. Oggi gli argomenti di confronto più frequenti sono le buche sui marciapiedi e gli asfalti bisognosi di un ammodernamento in più punti, la sporcizia nelle aree gioco, la presenza dei richiedenti asilo, e la sosta selvaggia. Segno inequivocabile che web e vita reale procedono di pari passo. 

21/02/2018







blog comments powered by Disqus


Cai: tornano le "Passeggiate sotto le stelle"

Ovada | Da martedì sei appuntamenti con gli itinerari proposti per chi vuole scoprire la bellezza del territorio locale. Si comincia dall'anello di Trisobbio

Ados festeggia sessant’anni di impegno

Ovada | L'associazione rinnova il suo tradizionale momento di condivisione premiando i volontari. "Donazioni in linea con gli anni passati". In dieci anni sacche raddoppiate

''Delitto in libreria'': premiati tre alunni del Pertini

Ovada | Gli elaborati di Carolina Bottero, Giorgia Caso ed Emanuele Mattana - dopo esser stati valutati da una giuria -, sono stati tutti degni della palma del vincitore e pubblicati nel libro “Notti nere Junior 2017”.

Cassinelle: ''Una giornata speciale'' alla scuola primaria

Cassinelle | In occasione della recita di fine anno scolastico, "trasformata" in un musical con il suddetto titolo, gli allievi sono diventati maestri e hanno ribaltato ruoli e situazioni.

Le storie impossibili (ma non troppo) di Federica e suor Anna Maria

Mornese | Domenica 17 giugno verrà presentato presso il collegio delle Figlie di Maria Ausiliatrice a Mornese il libro "Impossibili ma non troppo", scritto a quattro mani da Federica Storace e Anna Maria Frison